none_o

 

 


Questa volta Finalmente domenica! la scrive Bruno Ferraro, il nostro inviato speciale a Auckland, nel caso ci fosse qualche appassionato/a velista tra i lettori e le lettrici di questa rubrichetta o, se non ci fosse, per gli amanti di spiagge e di isole vulcaniche.

Qualcuno sostiene che la Boschi è in realtà un anziano .....
. . . e giornalisti.
Non sempre sono Da-Cordo con .....
. . . . . . . . . . . . 1 perchè Renzi è un bagliniano. .....
Tanti saluti da parte di Franca al caro Sergio Mattarella. .....
La Mossa del cavallo
none_a
MdS Editore
none_a
Siamo nuovamente aperti, per voi!
none_a
Sabrina Banti
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Misericordie d'Italia
none_a
Triste evento a Pontasserchio
none_a
Pisaciclabilenotizie
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


di Marlo Puccetti
none_a
BRUNO FIORI, PRESIDENTE PISA OVEST
none_a
Si presentava alla gara con ben 27 atlete.
none_a
PISA OVEST
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Buona sera a tutti,
dopo il COVID 19, riprendiamo da dove eravamo rimasti, al 17 Febbraio 2020, quando all'imbrunire nella sede dell'ASBUC di Vecchiano .....
Saranno piantate e monitorate oltre 1100 piante di ginepro, ricreando nella zona l'habitat naturale delle dune
Via al rimboschimento della Bufalina

10/8/2019 - 23:57

              Via al rimboschimento della Bufalina
 
Saranno piantate e monitorate oltre 1100 piante di ginepro, ricreando nella zona l'habitat naturale delle dune
 
«L'ecosistema delle dune è uno degli elementi caratterizzanti del nostro Parco, un patrimonio da proteggere e da curare, anche con interventi attivi» così il presidente dell'Ente Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli Giovanni Maffei Cardellini presenta i lavori di rimboschimento dell'area della Bufalina, vicino alla foce dell'omonimo canale.

Un investimento di 100mila euro più iva per la rinaturalizzazione dell'area di proprietà del Comune di Vecchiano che ha promosso l’intervento progettato dal Parco. Nell’area, quasi 12 ettari, si trovavano pini marittimi piantati negli anni '80 che negli ultimi anni si sono seccati, colpiti prima da un incendio e poi dal Matsucoccus, la cocciniglia che ha purtroppo attaccato  tante pinete italiane.
 
Per recuperare l'habitat tipico delle dune saranno rimossi i pini secchi e saranno piantati, tra i lecci, le sclerofille e i pini d'aleppo, oltre 1100 ginepri: «il ginepro coccolone (Juniperus oxycedrus) è un arbusto tipico dell'ambiente costiero della nostra zona, anche la densità scelta, 100 per ettaro, ricalca quella presente nelle dune a nord e a sud  dell'area» spiega Francesca Logli responsabile del servizio gestione risorse naturali e forestali dell'Ente. I lavori partiranno a fine settembre, una volta terminate le procedure di gara che vedono attualmente l'aggiudicazione in via provvisoria alla ditta forestale coop. agrituristica Lungomonte Pisano di Calci.

L'intervento sarà effettuato con particolare attenzione al sistema dunale, utilizzando solo mezzi adatti ai luoghi e nei 5 anni successivi alla piantagione saranno eseguiti monitoraggi e manutenzione costante, compresa l'irrigazione e l'eventuale sostituzione dei ginepri in caso di necessità. Dopo la Bufalina, anche la Macchia Lucchese di Viareggio sarà interessata dal rimboschimento con lecci, pini d'aleppo, frassini e ontani: il progetto dettagliato è in fase di elaborazione  alla luce dei risultati del progetto pilota eseguito su un ettaro di superficie a Torre del Lago. L’intervento è stato finanziato dall’Unione europea, all’interno del Piano di Sviluppo Rurale, attingendo a risorse attivate dalla Regione Toscana proprio per recuperare le pinete attaccate dal Matsucoccus.
 

Fonte: Ufficio stampa Raffaele Zortea ufficiostampa@sanrossore.toscana.it
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: