none_o

Poche righe, molto concrete, che non lasciano spazio ad altre interpretazioni o strumentalizzazioni.
Liliana Segre, la senatrice a vita sopravvissuta all'olocausto e oggetto, nelle ultime settimane, di numerosi attacchi sul web, ha declinato in maniera netta la proposta, partita dal mondo del giornalismo e poi ripresa anche da diversi esponenti politici, di essere candidata al ruolo di Presidente della Repubblica. 

Circolo ARCI Migliarino
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
"Questo è il segnale che se tutti ci muoviamo, forse .....
nonostante i primi giorni del governo giallorosso lo .....
Adesso 15/ 11/ 19 ore 14, 00 lo pread è 163. Evitate .....
SPREAD 180 AI MASSIMI DALL'INIZIO CONTI BIS. EVITA .....
Le squadre di Val Di Serchio
di Marlo Puccetti
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Enti di Promozione Sportiva
none_a
Val di Serchio
none_a
Val di Serchio
none_a
Cs campionato petanque
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Alla cassa di un supermercato una signora anziana sceglie un sacchetto di plastica per metterci i suoi acquisti.
La cassiera le rimprovera di non adeguarsi .....
Marina di Vecchiano
Spiagge ed altre spiagge

17/8/2019 - 13:49

La foto n° 1 non la troviamo a Marina di Vecchiano, ma l'avviso è stato recepito non solo sui nostri monti che da quasi sempre le stesse persone che li abitano, non chiedono bidoncini per lasciare le loro immondizie e piano piano la bella civiltà si uniforma al bello per la convenienza di tutti.

La foto n° 2 è stata fatta a Cala Violina, una spiaggia "quasi bella" come BdS dove non c'è niente e niente viene preteso ed il poco che è stato fatto (male) è stato tolto  per non incorrere nell'aspetto della foto n°3 fatta a MdV che due giorni prima i bagnanti si portavano i rifiuti a casa per più o neno riciclarli a cospetto della loro coscienza e davanti al creatore di tutti noi che "vede e segna" per fare i conticini nel giorno del giudizio.

Foto n° 4 cartello monitore (molto monitore) a cura dell'Oasi 1.

Le altre foto riguardano la natura "abbastanzina naturale" da godere in libertà.

Buon proseguimento dell'estate "marinara" che ancora darà quel che deve; gioia, amore e...cultura del buono e del bello.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




19/8/2019 - 9:56

AUTORE:
Bagnante

Fate attenzione nel settore 23 e dintorni perché anche ieri sono state trovate due siringhe con ago ancora infilato (nel mezzo alla spiaggia una poco distante dall'altra).
E purtroppo non era la prima volta.
Sarebbe il caso, se possibile, monitorare maggiormente la zona.

18/8/2019 - 14:22

AUTORE:
Libero bagnante

Meraviglia delle meraviglie!
Ora arrivi il lunedì mattina per primo sulla spiaggetta libera fra l'Oasi 1 e 2 e non trovi NIENTE!
30/35 anni fa ricordo bene che per essere in pace con me stesso nella giornata di riposo concessa dai turni; spesso anche notturni, prima dovevo togliere tutti ii sacchetti d'immondizia, i vari contenitori di vetro, plastica ed alluminio che i "malcapitati bagnanti" lasciavano li anche se purtroppo già a quel tempo il nostro comune prese la sventurata idea di mettere quei tubi di cemento con dentro dei sacchi neri che dovevano contenere tutti i rifiuti; dalle bucce e semi di meloni vari cosi da attirare le api ed i malcapitati poi per paura di pungersi "dalle vespe" tiravano i loro rifiuti dalla distanza di sicurezza e 9 volte su 10 il tutto andava "a caprioli" per far contenti gli ungulati notturni.
Nota: da quando la spiaggia di interesse e classificazione ZIP (interesse Europeo) fra l'Oasi 2 e la rete di confine del primo bagno torellaghese, non ha più la raccolta rifiuti con il trattore, i mille partecipanti di quel territorio libero si riportano "a viceversa" le 1.000 bottigliette ed altri ammennicoli vuoti a casa loro per riciclarla normalmente ed "i covati liggeri" dopo anni ed anni a dire: se il comune leva (toglie) i contenitori, la "gente" caa tutto li o riempie le fosse dei loro troiai.

Nisba! Niente di tutto quel che dicevano si è avverato, ed il tutto si è realizzato convincendo "anche a mano" uno per uno e in maniera semplice portando l'esempio dei gitanti della montagna che vivaddio non succede solo in Trentino che i rifiuti si portano SEMPRE a valle.
Valeva anche per le nostre Panie, sui nostri Appennini ed ora vale (con piccole eccezioni) anche sulla Nostra rena.
nb: alcuni gitanti bagnaroli delle spiagge libere hanno ancora il viticchio verde come i cocomeri bianchi dentro (ergo, non sono ancora maturi) fanno 800/1.000 metri con il loro sacchetto di rifiuti in mano per poi lasciarlo in dote ai bagnini che così poi oltre fare una faticata per portare i grossi sacchi neri sulla Via del Balipedio e poi magari fare loro la differenziata obbligatoria per non incorrere in multe da far pagare ai gestori delle Oasi.
Orsù, un altro piccolo sforzo e ci siamo: non delegare a nessuno il mantenimento Naturale del Nostro Eden.
bona.

18/8/2019 - 11:12

AUTORE:
Ubaldo

La parola magica per vivere in armonia con l'ambiente e con i nostri simili è RISPETTO...e vivere bene o vivere male è il rispetto che ne fa la differenza!