none_o

Un lettore scrive un post al giornale lamentando un uso disinvolto del nostro litorale con comparsa di ombrelloni e sdraio, molta gente che prende il sole e fa il bagno, altri a fare le arselle. La polizia municipale, interpellata, riferisce che non può intervenire perché manca una delibera dell’Amministrazione che detti le regole da applicare sulla spiaggia.

 



Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Mascherine, le prime dieci in edicola fino al 15 giugno
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Qualcuno sostiene che la Boschi è in realtà un anziano .....
. . . e giornalisti.
Non sempre sono Da-Cordo con .....
. . . . . . . . . . . . 1 perchè Renzi è un bagliniano. .....
Tanti saluti da parte di Franca al caro Sergio Mattarella. .....
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


di Marlo Puccetti
none_a
BRUNO FIORI, PRESIDENTE PISA OVEST
none_a
Si presentava alla gara con ben 27 atlete.
none_a
PISA OVEST
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Buona sera a tutti,
dopo il COVID 19, riprendiamo da dove eravamo rimasti, al 17 Febbraio 2020, quando all'imbrunire nella sede dell'ASBUC di Vecchiano .....
di Davide Ricca domenica 18 agosto 2019
Renzi come Salvini? La coscienza (sporca) della sinistra (pura)

18/8/2019 - 12:55

Renzi come Salvini? La coscienza (sporca) della sinistra (pura)

L’Espresso paragona Renzi a Salvini. Venderà molto, forse.


Una copertina li affianca utilizzando ovviamente le espressioni peggiori dei due volti attraverso un’operazione quasi lombrosiana. Un’operazione pessima che accarezza il pelo a quella sinistra che ha campato (anche bene) politicamente, e non solo, prima con l’antiberlusconismo e poi, dovendo trovare e cercare un nuovo nemico, con l’antirenzismo.

Una sinistra che ha chiamato alla resistenza democratica contro il referendum costituzionale che è stato paragonato ad un plebiscito che avrebbe portato all’autoritarismo e alla deriva istituzionale. Una sinistra che vince quando gli altri (quelli che secondo lei non sono puri e di sinistra come loro) perdono, che gode delle sconfitte altrui, che può crogiolarsi nella sua superiorità morale ed etica da opposizione dura e pura e un po’ radical perché il Governo è troppo difficile e compromettente per essere praticato. Se governi ti tocca sporcarti le mani, fare compromessi, scegliere, decidere, faticare.

La situazione ottimale? Salvini che governa e la sinistra vera che può fare opposizione, senza mai gridare al pericolo autoritarismo, alla deriva, all’uomo solo al comando che non rispetta le istituzioni (è molto più pericoloso Renzi per loro).
Attenzione, però. Perché per quella sinistra rende molto l’antirenzismo (come abbiamo visto molto di più dell’antisalvinismo).

Perché quei giornali, quei prodotti culturali. alla fine li comprano quelli di sinistra vera, pura, radical. Ecco che, finalmente, appena il fiorentino rialza la testa – già non si era candidato segretario al congresso e le vendite erano un po’ scese – ecco che finalmente lo si può di nuovo esporre al pubblico ludibrio.
E per perpetuare la narrazione cosa di meglio che accostarlo, con un fotomontaggio pessimo, a Salvini (proprio quello contro cui per primo ha avanzato l’idea della mozione di sfiducia, ma questo mica vale). Affossare Renzi per affossare l’alternativa a Salvini, non governare e poter continuare a fare un po’ di opposizione spiegando cosa fare senza mai assumersi la responsabilità di fare. Utilizzando ancora per un po’ l’antirenzismo che fa tanto cultura di sinistra – quella vera – così da provare a continuare a farla diventare mainstream.
Laddove non sono arrivate le inchieste, si è provato con l’arsenale culturale, ma come non è servito con Berlusconi (ma non serviva servisse, perché l’importante era sentirsi puri e giusti, e vendere), non servirà ora.

O meglio servirà a vendere, a (un termine che fa sempre figo) “produrre cultura di sinistra”. E che ci frega se poi governa Salvini: anzi ci frega perché se lo paragoniamo più spesso a Renzi, magari ci fa vendere pure lui.

Davide Ricca

Classe 1972, Presidente della Circoscrizione 8 di Torino. Dottore di ricerca in Scienze dell’Educazione. Esperto di politiche attive del lavoro. Cresciuto nell’associazionismo cattolico, ha iniziato la sua avventura politica nell’Asinello di Prodi di cui è stato Capogruppo in Consiglio Provinciale a Torino, ora nel PD. Democratico per vocazione, referendario e corsaro. Amante della libertà. Fondatore degli “Ateniesi”, vecchio cuore granata.






Fonte: Davide Ricca (Libertà Eguale)
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: