none_o


Bellissimo scritto il precedente, anche se (visione solo mia personale) ci vedo un po’ di politica nella penna.

C’è in paese uno scrittore, sì certo, politico anche lui, ma che insieme alla fede sinistra dà la mano destra al volontariato e insieme cuore e tempo e fatica e impegno:

Nedo Masoni.

Renzi ha fatto il furbo ma i furbi non fanno mai gli .....
Il saggio Andreotti diceva: “ Il potere logora chi .....
Sono contento che Renzi abbia fondato un nuovo partito. .....
Non mi sono mai sognato di voler attaccare personalmente .....
Intervista a Matteo Renzi
none_a
RICCARDO MAINI sempre Residente a MdA
none_a
di GIUSEPPE TURANI
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Vecchiano 5 Stelle
www.vecchianoa5stelle.it
none_a
Governo Conte
none_a
"Guarisce da solo, anche ascoltando Iglesias".
none_a
LILIANA SEGRE, 89 anni oggi.
none_a
“Io lo vedo così”
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Solidarietà
none_a
Pisa, 21 settembre
none_a
Marina di Pisa
none_a
Calci
none_a
ASBUC Migliarino 21 settembre
none_a
Circolo Arci Filettole
none_a
San Giuliano Terme, 15 settembre
none_a
Cioccolato
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


di Bruno Pollacci
none_a
Parco di San Rossore, 14 settembre
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Pappiana
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
none_o
L’equivoco.

23/8/2019 - 11:57

Alla ‘nagrafe.

 

“Se domattina m’arzo ‘oll’arbagìe
rispacco ar grubbe du’ ova pe’ pprovà’,
vagg’all’èste dicendo du’ bugie
per ‘un’avé’ punte tasse da ppagà’.”

“Vando s’aprin uscett’e paratie
a mme ‘nvece dìan sempre ‘ndov’indà’.
S’una vòrta mi vienghin le mattìe,
mando ‘n domo fogli e ppenna di su’ mà’.”


“Io ‘nvidio tutte ‘veste mi’ genìe,
speci dalle Parme, e anc’un po’ più ‘n là,
quand’a ttavola doventin tutt’arpìe.”

 

“O cchetatevi e smettete di bercià’!
È dda Nnoè…. ch’un faccio più magìe,
e ora ‘r capo mi tocca d’abbassà’!”

 All'ufficio anagrafe
 
Una mattina, all’anagrafe del comune, si presentano quattro personaggi a ritirare le carte d’identità precedentemente richieste.
Alberto, sollecito, prepara i documenti e, affacciatosi allo sportello, chiama:
COLOMBO!!”

Tutti i quattro si alzano e vanno verso l’impiegato che, rimasto per un attimo perplesso, è costretto a chiedere qualche notizia, o segno particolare, prima di rilasciare un documento tanto importante.

“Come e perché dovrebbe essere lei Colombo?”

 

Risponde il primo:
“Io sono COLOMBO Cristoforo, quello che una mattina, un poco gasato (‘oll’arbagìe ), si recò ad un convegno (ar grubbe ) e meravigliò i presenti battendo sul tavolo un uovo e facendolo stare ritto. Ebbi elogi e onori, ma quell’esercizio mi era costato, di prova, un bel cestino di uova fresche. Dato che non mi erano ancora passate le paturnie, andai al porto dicendo di voler partire per le Indie, ma era una bugia, perché in verità volevo andare in America principalmente per non dovere pagare le maledette tasse che mi dissanguavano, tanto che chiesi aiuto, soldi e navi, agli spagnoli”.


“Bene, bene, ecco la sua carta, avanti un altro!”

“Io sono COLOMBO Viaggiatore e non posso fare niente di testa mia come il mio precedente omonimo. La mattina, quando mi si aprono le porte della gabbia, ho già tutto stabilito: destinazione, merce, ma se una volta mi girano al contrario (mi vienghin le mattìe) anche a me, butto all’aria la cancelleria per i messaggi, che mi danno pure fastidio alle zampette, e mi licenzio (mando ‘n domo fogli e ppenna di su’ mà’)”.

“Ecco il documento anche a lei, il prossimo!”

“Io vengo a nome di mia moglie Pasqualina, COLOMBO anche lei, che non è potuta venire perché non si trova tanto bene fra la gente. Ha sempre paura di essere nel periodo delle feste delle Palme e della Pasqua, perché in quei giorni subì una violenza, quando tutti le vollero saltare addosso alla fine di un pranzo.”

“Mi spiace per la sua signora. Me la saluti. Ecco a lei, c’è nessun altro?”


“Io sono l’ultimo della fila e sono anche l’ultimo  della dinastia COLOMBO Pace. Sono triste e demoralizzato perché da quando uscii dall’arca di Noè non ho più trovato la possibilità di lavorare (‘un faccio più magie), anzi sono preso di mira da gentaccia che mi tratta così male che non ho più neanche la forza di alzare la testa. Speriamo in questo millennio, due mi sono andati male. Ci vediamo.”

“Speriamo bene e auguri anche a Lei. C’è più nessuno?  No?
Via Piero, allora si chiude, è l’ora!”

 
Fra curiosità e natura

Dal corpo del martire San Policarpo, al momento della morte, uscì una colomba bianca come quella che volò al cielo dai corpi di Santa Eulalia e da Santa Scolastica e dalla bocca di Santa Giusta nel loro ultimo respiro.
Paragonata da sempre allo Spirito Santo per le sue ali che portano al distacco da tutto ciò che è terreno, la colomba è simbolo di purezza, di armonia, semplicità e concordia.
Anche nel mondo greco l’uccello è sempre stato simbolo di bellezza come narra la leggenda della sua nascita; "Un giorno Eros e la madre Afrodite gareggiavano nel raccogliere fiori e, mentre il giovinetto stava vincendo, la ninfa Peristerà aiutò la dea cambiando le sorti della gara. Eros, irritato per la sconfitta, tramutò la ninfa in colomba e Afrodite, per gratitudine, volle eleggerla a suo uccello preferito facendole trainare il suo carro".

Le colombe hanno, caso abbastanza raro nel mondo animale, un saldo legame amoroso che una coppia forma per la vita ed erano quindi uccelli così lodati ed ammirati nel mondo antico che gli Egizi disegnavano una colomba nera per simboleggiare una donna vedova fino alla morte.
Tale affetto per il “coniuge” e l’attribuzione ad Afrodite, fecero cadere, ad un certo punto, in un simbolo di lascivia le colombe ed anche Dante, nell’episodio di Paolo e Francesca, scrive:
Quali colombe, dal disio chiamate
con l’ali alzate e ferme al dolce nido
vegnon per l’aere, dal voler portate…

La colomba è la Grande Madre che depose l’Uovo universale nel fiume Eufrate e dal quale nacque la greca Afrodite, chiamata, con una corrispondenza fonetica perfetta, Astoreth fra i Fenici, Ishtar in Assiria, Astarte fra i Semiti, Atar in Arabia, Hator in Egitto.

Inutile narrare la storia della celebre colomba dell’arca e del ramoscello di olivo.

Un parente strettissimo della colomba è il piccione selvatico, chiamato colombaccio. Questo uccello è usato, sapientemente addestrato, per la caccia ai suoi simili.
Viene preso un piccolo di colombaccio e abituato a mangiare sempre in un posto fisso, su un posatoio mobile, e alimentato sempre dalla stessa persona, il cacciatore. Quando, al momento del passo autunnale dei colombacci, il volantino (così si chiama lo zimbello) vede in aria i suoi compagni, si alza in volo e cerca di far avvicinare il branco al suo “ristorantino”, credendo di far un piacere a parenti venuti da lontano, stanchi ed affamati.
Il cacciatore all’aspetto riconosce il suo pupillo, lo spione traditore, lo fa scendere, e spara agli altri ingenui creduloni.
Bisognerebbe che qualcuno di quei dotti simbolisti, moralisti, teologi, dotti cristiani e pagani, che vedono od hanno visto in ogni animale un riferimento al bene o al male, facesse un pensierino su questa strana caratteristica del colombaccio.


    
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




23/8/2019 - 16:09

AUTORE:
Mimì

Fiore che evolve,
sono un sempliciotto colombo pennuto
non l'ispettore che i crimini risolve
e sembra tonto ma è molto benvoluto!

Fior di saggina,
sono l'amica di Rosaura e di Arlecchino
sì la furbetta e civettuola Colombina
che per interesse amoreggia e fa l'inchino!

Fiore del ghiaccio,
ma possibile che non possa volar dove mi pare
senza qualcuno che voglia il colombaccio
e mi perseguita: fatemi vivere albe chiare!