none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Caro sig. Gio' la facevo migliore. E invece è solo .....
Hai ragione, sono un bischero a confondermi ancora .....
IDV Toscana
none_a
di David Barontini portavoce M5S di Cascina
none_a
Il nostro é un ordinamento garantista non giustizialista
none_a
“Magari che ci metta lo zampino il coronavirus…”
none_a
Umberto Mosso‎ #SEMPREAVANTI Pistoia e provincia.
none_a
di Renzo Moschini, ex parlamentare
none_a
di Giovanni Greco coordinatore CascinaOltre
none_a
Calci
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
il Consiglio Comunale approva un apposito ordine del giorno per chiedere l'intervento della Regione Toscana
Ripristino della stazione ferroviaria di Migliarino Pisano

26/8/2019 - 12:46

Ripristino della stazione ferroviaria di Migliarino Pisano: il Consiglio
Comunale approva un apposito ordine del giorno per chiedere l'intervento della Regione Toscana


Vecchiano –  Approvato all'unanimità dal Consiglio Comunale di Vecchiano, nella seduta dello scorso 31 luglio, l'ordine del giorno sulla riattivazione della fermata ferroviaria presso la ex stazione di Migliarino Pisano, documento presentato dal gruppo consiliare di maggioranza, Insieme per Vecchiano. “Attraverso questo ordine del giorno la nostra Amministrazione Comunale chiede alla Regione Toscana di farsi portavoce di tale richiesta di ripristino della stazione ferroviaria, presso le strutture competenti di RFI”, spiega il Sindaco Massimiliano Angori. “Vecchiano non ha, al momento, alternative al trasporto su gomma, e tuttavia ha una collocazione geografica strategica, dal punto di vista turistico, e non solo; per questo la riattivazione della fermata ferroviaria rappresenterebbe un'importantissima opportunità per il nostro territorio. Chiaramente, dal punto di vista turistico, vista la nostra vicinanza alla Versilia, a Pisa, Lucca e Firenze, la linea ferroviaria consentirebbe ai villeggianti di raggiungere agilmente, durante il loro soggiorno, anche altre zone limitrofe, arricchendo il loro periodo di vacanza e la loro esperienza del nostro territorio locale.

Allo stesso modo, lo stesso nostro territorio, litorale compreso, diverrebbe sempre più appetibile se raggiungibile anche con una fermata in loco, che magari consentisse di usufruire della mobilità cosiddetta “dolce”, dal momento che è possibile, attraverso il treno, portare anche la propria bicicletta, mezzo a sua volta particolarmente adatto per muoversi a livello locale. In questo modo andremo così anche a promuovere, incrementandolo, un cicloturismo di forte valenza ambientale, con l'obiettivo di andare anche a realizzare ulteriore percorsi ciclabili”, aggiunge il primo cittadino.

“Confidiamo, pertanto, che la Regione Toscana prenda in considerazione questa nostra richiesta e siano valutate tutte le opzioni per poter ripristinare la stazione ferroviaria di Migliarino Pisano, che, come evidenziato, rappresenterebbe una molteplicità di benefici per il nostro territorio”. 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




27/8/2019 - 10:31

AUTORE:
F.C.

Finalmente una richiesta che, dopo anni, trova attenzione da parte dell'intero Consiglio Comunale.Al pari di questa scelta e per rafforzarne l'obiettivo occorre concretizzare quello che manca nel Comune di Vecchiano : una seria politica sulle piste ciclabili.

26/8/2019 - 16:30

AUTORE:
Effe Esse

Proposta che va nella direzione giusta, anche una sola auto in meno per strada... È tutto di guadagnato...
Mi permetto di ricordare che il ponte dell'acquedotto tra avane e rigoli è interdetto ai pedoni da dopo che è stato sistemato, sarebbe molto utile ripristinare il passaggio per raggiungere la stazione che già è funzionante.

26/8/2019 - 13:42

AUTORE:
GIO'

occorre innanzi tutto fare chiarezza!

La richiesta è legittima e utile, ma si presta cosi formulata a qualche ambiguità o fraintendimento ...

se si tratta solo di ripristinare LA FERMATA, LE DIFFICOLTà NON DOVREBBERO ESSERE INSORMONTABILI, perché si tratterebbe di ordinare ai treni opportuni di sostare presso il vecchio fabbricato FS, per servizio viaggiatori, ma l'ambiente DOVREBBE TUTTAVIA ESSERE adeguato e ripulito, e reso idoneo al pubblico...

i treni opportuni sarebbero quelli del trasporto regionale, già sovvenzionati e finanziati dalla regione...

questo comporterebbe l'arrivo e la partenza, dai due attuali binari detti di corsa, senza modifiche importanti nell'organizzazione e nell'operatività, quasi a costo zero....

diverso il discorso se si vuole una vera stazione, perché gli impianti sono telecomandati dalla centrale operativa di PISA, e comporterebbero l'installazione degli apparati tecnologici necessari, investimenti rilevanti di RFI, la tele sorveglianza, ed il controllo 24 h su 24, L'IMPATTO SULLA RESTANTE CIRCOLAZIONE, oltre alla semplice volontà del trasporto locale di aderire alla richiesta ove la REGIONE ne sensibilizzasse l'intenzione!

Quindi se la seconda ipotesi è costosa e forse irrealizzabile facilmente, comportando tempi comunque lunghi, PER LA PRIMA POSSIBILITà, L'ITER è RAGIONEVOLMENTE semplice, più immediato e di rapida soluzione...

A patto ce ne sia la volontà e l'intenzione!