none_o

Servono forse convegni interminabili, ospiti illustri e location spaziali per ottenere partecipazione e divertimento? Servono mezzi illimitati, spazi dedicati, progetti faraonici per riunire persone e Associazioni per un progetto comune di alto livello? Talvolta, come è successo questo sabato, basta un piccolo spazio ed una piccola occasione per ottenere risultati eccellenti e oltre ogni aspettativa. 

Appuntamento alle 9.30 su Piazzale Ambrogi a MdV
none_a
Mondo disabile
none_a
Arpat Toscana
none_a
Acque SpA comunica interruzione idrica a Ripafratta
none_a
Ho letto che a San Giuliano gli sfalci e potature varie .....
Ieri sera, per evitare il semaforo che gestisce il .....
. . . non poteva non venire che dal nostro Presidente .....
. . . . Il discorso del Presidente della Repubblica .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Dal mondo
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Intervista a Elena Cattaneo di Micaela Cappellini
none_a
Le squadre di ValdiSerchio
di Marlo Puccetti
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Le squadre di Val di Serchio
di Marlo Puc
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Nella notte fredda e bianca
la Befana un poco arranca
urge ormai di farsi l'anca
e per questo sembra stanca.

Befanotto suo marito
è davvero inviperito
dice: .....
Alla cassa di un supermercato una signora anziana sceglie un sacchetto di plastica per metterci i suoi acquisti.
La cassiera le rimprovera di non adeguarsi .....
di Moschini
none_a
Gli Amici di Pisa esprimono mo
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Pierluigi Vezzosi
GRAZIE RENZI!
RENZI IL FUORICLASSE SENZA RIVALI.

28/8/2019 - 20:32

 GRAZIE RENZI
RENZI IL FUORICLASSE SENZA RIVALI.


Tutto quello che sta accadendo è opera del ragazzo di Rignano. (Renzi, Merkel e Hollande a Ventotene, dove venne "inventata" l'Europa)

So già che molti non saranno d’accordo, ma va reso un omaggio al fare politica di Matteo Renzi.

Pochi, forse nessuno, ha la sua capacità di smuovere le acque. Se oggi abbiamo visto i cortei delle varie delegazioni salire da Mattarella, e se nascerà un nuovo governo, lo si deve a lui.
Quanto detesti, e disprezzi 5 stelle, è noto a tutti.

Però fa politica e non il moralista.

Quando Salvini ha la stupidissima idea di mettere in crisi il governo di cui faceva parte, nel tentativo di andare di corsa a elezioni e di farsi dittatore, Matteo è il primo che vede lo spiraglio per capovolgere il tavolo. E, fra la sorpresa generale, lancia il grido: “Governo con i 5 stelle, fuori la Lega”.
Mugugni, proteste, ma alla fine la grande macchina della politica si muove proprio in quella direzione.
Salvini viene massacrato pubblicamente al Senato dallo stesso premier Conte che fa un lungo elenco delle sue porcherie. Comincia a scendere nei sondaggi.

Forse resterà in politica (non ha alcun lavoro, non sa fare niente, nemmeno l’elettricista), ma ormai è stato marchiato: è un mascalzone, un po’ troppo amico dei russi e un po’ troppo sbrigativo con le navi Ong (la procura di Agrigento sta per incriminarlo di nuovo).
Così si apre una fase nuova della politica italiana. Niente di esaltante, per carità. Però il Pd torna al governo, ma soprattutto smette di farsi novene al Nazareo e torna sulla scena politica. Lo spread scende a vista d’occhio.
Tutto questo nasce da Renzi, anche se a molti spiacerà ammetterlo. E si chiama fare politica. Tutto questo è stato mosso da un semplice senatore, che molti nel suo stesso partito detestano e che vorrebbero persino buttare fuori.
Forse solo perché è bravo, molto più bravo di loro, e si muove a velocità doppia rispetto a quella dei maggiorenti del partito.
Un solo consiglio per i vertici Pd: slegate Renzi e andate al cinema, anche al pomeriggio.

Cit.Giuseppe Turani


Fonte: Pierluigi Vezzosi
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




2/9/2019 - 20:22

AUTORE:
Osservatore 1

il sig. Rò
che l'unico Presidente del Consiglio Italiano eletto dal popolo è stato Benito Mussolini con un plebiscito e come mi raccontava mì pà al seggio elettorale erano disponibili due schede: una già votata e l'altra in bianco.
Chi sceglieva di votare liberamente prendeva la scheda in bianco da riempire e...lo riempivano subito di manganellate sode nel groppone; facendo salve le donne perchè non avevano diritto di voto.
Poi da De Gasperi, Fanfani, Andreotti, Berlusconi, Dini, Monti, Letta, Renzi, Gentiloni, Conte sono tutti stati eletti dalla maggioranza dei nostri rappresentanti in parlamento dopo esser stati incaricati dal Presidente della Repubblica per ricercarsi nei due rami del Parlamento una maggioranza: siamo in democrazia rappresentativa baby.

...poi il Primo Ministro Matteo Renzi aveva dato la possibilità come per i Sindaci di sapere la sera stessa del voto chi doveva governare per 5 anni, ma la maggioranza del popolo Italiano bocciò la riforma Boschi/Renzi approvata dal Parlamento e...

2/9/2019 - 18:03

AUTORE:
Ro'

Ancora una volta la politica italiana (o per meglio dire la "partitica") dimostra i suoi limiti e gli assurdi meccanismi che genera, facendo governare i non eletti. Ma tant'è, la colpa è sempre nostra, dei cittadini, che oltre sbattersi giornalmente con i problemi dei propri lavori e cercare di sopravvivere, dovrebbero pure far politica, o almeno, controllare che i politici facciano bene il loro lavoro. Mah, mah e poi ancora mah!