none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Caro sig. Gio' la facevo migliore. E invece è solo .....
Hai ragione, sono un bischero a confondermi ancora .....
IDV Toscana
none_a
di David Barontini portavoce M5S di Cascina
none_a
Il nostro é un ordinamento garantista non giustizialista
none_a
“Magari che ci metta lo zampino il coronavirus…”
none_a
Umberto Mosso‎ #SEMPREAVANTI Pistoia e provincia.
none_a
di Renzo Moschini, ex parlamentare
none_a
di Giovanni Greco coordinatore CascinaOltre
none_a
Calci
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
Di Stefano Ceccanti senatore
Nota di lettura dei quotidiani

31/8/2019 - 9:17


Nota di lettura dei quotidiani

Al di là delle diverse ricostruzioni delle motivazioni dell’irrigidimento di ieri di Di Maio, il punto da capire sono le sue conseguenze: l’effetto più probabile, per quanto possa sembrare paradossale, potrebbe essere quello di rendere più veloce la formazione del Governo perché il Presidente incaricato avrebbe tutto l’interesse ad accelerare per prevenire nuovi conflitti, sulla scia dei tempi veloci saggiamente imposti dal Presidente Mattarella nella prima fase.

Nonostante le fibrillazioni di Di Maio, valgono le osservazioni di Cerasa sul Foglio sui cambiamenti nel M5s e i dati del sondaggio di Pagnoncelli sul Corsera, che rendono possibile, anche se niente affatto facile, l’intesa di Governo. E’ nella sostanza, con tutte le preoccupazioni del caso, la stessa analisi che fa Salvati nell’intervista al Quotidiano del Sud, dove fa anche riflessioni interessanti sull’autonomia.

Importante anche la riflessione di Clementi sul Sole 24 Ore, nonostante che gli abbiano sbagliato il titolo: qualora i Presidenti leghisti di Commissione iniziassero a praticare un boicottaggio sistematico dei lavori parlamentari, non è certo pensabile che questo potrebbe essere loro consentito, anche a Regolamenti invariati. Il come è spiegato nel testo.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




3/9/2019 - 10:02

AUTORE:
Stefano Ceccanti

.... dei quotidiani
Oltre a tutte le osservazioni formulate da vari autori, a cominciare da Sabino Cassese, a me il problema principale del voto sulla piattaforma Rousseau sembra essere la fuga dalla responsabilità che si esprime col voto segreto. Si tratta di una sorta di voto di fiducia, ma per l’appunto le votazioni fiduciarie si svolgono a voto palese e non a caso hanno votato palesemente sia i componenti della Direzione Pd sia i parlamentari M5S per avviare la trattativa. Qualcuno deve assumersi in trasparenza una chiara responsabilità. Non a caso nel suo celebre intervento in Assemblea Costituente del 14 ottobre 1947 contro la costituzionalizzazione del voto segreto nella votazione finale sui progetti di legge (che ebbe esito positivo) Aldo Moro richiamava proprio l’esigenza di responsabilità. Il dibattito lo trovate qui:
https://www.nascitacostituzione.it/03p2/01t1/s2/072/index.htm?art072-999.htm&2
Per il resto attendiamo il risultato, probabilmente positivo, visto che i sondaggi mostrano tra gli elettori M5S una maggioranza intorno al 60% di favorevoli all’accordo (anche se gli iscritti hanno in parte caratteristiche diverse) e speriamo di non precipitare in un caos istituzionale simile a quello britannico.

Giorgio Armillei sul Governo
https://www.landino.it/blog/ricordarsi-di-staccare-la-spina-di-giorgio-armillei