none_o


Una mamma di un ragazzino di quindici anni residente nella provincia di Lucca scopre uno strano materiale sul cellulare del ragazzino. Non solo materiale pedopornografico ma anche immagini raccapriccianti di suicidi, mutilazioni, decapitazioni di persone o animali. La denuncia coinvolge una ventina di ragazzini in tutta Italia di cui il maggiore di 17 anni, sette adolescenti, tutti 13 enni. 

Lo disse anche il vecchio seg. UC Vecchiano del PDS: .....
Landini sono circa 10 anni che lo propone, sul modello .....
. . . come da proposta renziana:
l'elezione di un .....
. . . . . con i suoi riferimenti verso Berlinguer .....
Vernacoliamo
none_a
Interviste di Giulia Baglini
none_a
Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
Di Guido Solvestri
none_a
Pisa, Giardino Scotto, 14 luglio
none_a
Convention Bureau di Firenze
none_a
Molina di Quosa, 11 luglio
none_a
Tirrenia, 12 luglio
none_a
Maigret sulle Mura
none_a
Tirrenia
none_a
Pisa, 9 luglio
none_a
Pontasserchio, 10 luglio
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
none_o
Scritto da Leonardo Debbia

4/9/2019 - 13:38

Chesapeake Bay: il più grande cratere da impatto meteoritico degli Stati Uniti

Scienza: scoperta provenienza di molte delle meteoriti marziane
La Luna nata 100 milioni di anni dopo il sistema solare
Tracce dell’impatto di un asteroide gigante trovate in Australia
Scoperto in Canada un vasto cratere meteoritico
Una (piccola) cometa ha sterminato i dinosauri, non un asteroide
Un gigantesco incendio globale avrebbe causato l’estinzione di massa al tempo dei dinosauri
Minerale di 4,4 miliardi di anni fa riscrive la storia della Terra
Scoperto in Svezia doppio cratere da impatto meteoritico

Circa 35 milioni di anni fa, nel Tardo Eocene, un asteroide colpì l’oceano al largo della costa orientale del Nord America, tra gli attuali Stati del Maryland e della Virginia.

Il suo impatto formò un ampio cratere di più di 85 chilometri di diametro che avrebbe poi dato origine all’attuale baia di Chesapeake e alla valle del fiume Susquehanna, tra gli stati della Virginia e del Maryland.

A seguito della violenta collisione, l’area circostante venne profondamente alterata nella geologia e nella idrologia, dal momento che subì incendi, terremoti e spostamenti tettonici, mentre piogge di gocce di vetro fuso venivano scagliate nell’atmosfera per poi ricadere sulla Terra e spargersi su un’area vastissima, tra esplosioni e devastanti tsunami.



La cicatrice del grande cratere fu scoperta nei primi anni ’90 mediante trivellazioni scientifiche ed oggi questo è considerato il più grande cratere da impatto meteoritico che si conosca in territorio nord-americano e il 15°, riguardo la grandezza, sulla Terra.

Il materiale generato dal gigantesco urto e scagliato nell’atmosfera conteneva un alto tasso di tectiti, un vetro naturale che si forma proprio nello scontro tra meteoriti, assieme a cristalli di zircone che, nello scontro, subirono notevole metamorfismo a livello mineralogico.

L’ampio strato generato dalla ricaduta di questo materiale è conosciuto dagli scienziati come ‘campo disseminato di tectite nordamericana‘ e copre un’area di circa 4 milioni di miglia quadrate, l’equivalente di una decina di volte lo Stato del Texas.

Il materiale non ricadde soltanto sulla terraferma, ma anche in mare, raffreddandosi all’istante, a contatto con l’acqua, per poi sprofondare e depositarsi sul fondo dell’oceano.


Un team di ricercatori, tra cui Marc Biren, scienziato della School of Earth and Space Exploration presso l’Arizona State University, autore principale del più recente studio, insieme ai colleghi e co-autori Jo-Ann Wartho, Matthijs Van Soest e Kip Hodges, ha prelevato campioni di questo strato da una nuova perforazione del sito, effettuata nell’ambito dell’ Ocean Drilling Project 1073, datandoli per la prima volta con la tecnica dell’uranio-torio-elio.

I risultati di questo studio sono stati pubblicati sulla rivista Meteoritics & Planetary Science.

“Determinare accuratamente gli eventi catastrofici dovuti ad impatti tra corpi celesti è significativo per comprendere la storia della Terra”, sostiene Biren. E difatti, la comunità scientifica ha riconosciuto, in proposito, l’essenziale importanza di questi eventi, specie con l’accettazione come time-line ufficiale del grande evento di estinzione dei dinosauri di 65 milioni di anni fa correlato con il grande cratere da impatto di Chicxulub, sotto la penisola dello Yucatan, nel Golfo del Messico”.

Il gruppo di studiosi ha analizzato in particolare i cristalli di zircone perchè questi conservano prove del metamorfismo da urto connesse alle grandi temperature e alle forti pressioni associate all’evento. I cristalli datati sono tutti di minuscole dimensioni, dello spessore di un capello umano.

“La chiave dell’indagine è stata proprio lo zircone, i cui cristalli sono stati rinvenuti nei sedimenti oceanici durante la trivellazione del pozzo a 400 chilometri circa a nord-est del punto di impatto, nell’Oceano Atlantico”, conferma la co-autrice, dottoressa Wartho.

“Per le analisi, è stato usato il metodo di datazione uranio-torio-elio, che è ritenuto il più adatto in casi del genere, specialmente quando i cristalli hanno dimensioni così ridotte”, afferma Biren.

Questo metodo di datazione delle rocce, usando il decadimento dell’uranio e del torio si basa sulla disintegrazione delle quantità dei due elementi presenti nelle rocce, a partire dalla loro formazione, che mantengono comunque particelle alfa, intrappolate sotto forma di atomi di elio, all’interno delle rocce stesse.

Determinando accuratamente le quantità relative di elio, uranio e torio contenute in una roccia, è possibile calcolare da quanto tempo è in atto il processo di decadimento e quindi l’età della roccia.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: