none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

. . . si perchè di bullismo se ne parla solo se succedono .....
Quasi tutti conoscono il detto "chi rompe paga ed i .....
. . . o a Migliarino martedì?
scusate sapete come è andata l'assemblea dei soci .....
Libri
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
Vecchiano, 28 febbraio
none_a
Circolo ARCI Migliarino
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Per gli atleti pisani 19 medaglie
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Pisa Bocce
none_a
Se fossi nata albero sarei cresciuta molto, almeno spero,

invece sono corta e mingherlina e accrescere è un mistero.

Mi è stata tolta l'occasione .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
Le aree naturali protette
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
di Renzo Moschini
GOVERNO NUOVO:PROBLEMI VECCHI

6/9/2019 - 13:08

GOVERNO NUOVO:PROBLEMI VECCHI


Già con il vecchio governo Conte,  Salvini ne denunciò l’operato per i suoi troppi NO che avrebbero impedito opere etc. Non fu difficile dimostrare che molti di quei no riguardavano interventi di cui aveva bisogno l’ambiente a partire dall’abusivismo contro cui il governo non aveva fatto niente e che continuava a sfregiare l’ambiente e il territorio. Non parliamo poi di ambiti come quello del parchi e delle aree protette dove nonostante buone leggi  il governo non provvedeva neppure a nominare presidenti, direttori e via rovinando.

Aveva cominciato a pensarci il ministro Costa ma il governo aveva altro a cui pensare. Che Costa sia stato confermato ministro all’ambiente è perciò una ottima decisione per un governo che ha posto l’ambiente tra le sue scelte più importanti e qualificanti. Se ci fosse bisogno di una conferma basta guardare  ai dati forniti in questi giorni sulla situazione dei territori terremotati. Pochi progetti malgrado i finanziamenti disponibili, in più casi non si è messo neppure mano a progetti così anche i finanziamenti non possono essere utilizzati.
Insomma il nuovo governo dovrà finalmente ripartire sulle politiche ambientali se vogliamo che il pianeta abbia un futuro.
Ma qui forse vale la pena aggiungere qualche considerazione sulle novità di un contesto di cui non solo il governo deve oggi tener conto.
La maggiore e più impegnativa novità è che le politiche ambientali devono riuscire a connettere aspetti che spesso anche la legge separa come avverrebbe  con quel regionalismo di cui si parla e si discute.
Abbiamo fatto cenno ai parchi di cui pochissimi oggi hanno un piano pur previsto dalla legge. Un problema -certamente non il solo- è come rapportare i territori protetti con gli altri contigui dove spesso si svolgono attività produttive e sociali con le quali ci si deve confrontare  e collaborare.
Gli assetti istituzionali sono anch’essi decisivi. Il rapporto Stato–Regioni non ha mai trovato la quadra per i continui ritorni centralistici ; vedi anche Referendum. Ma anche il rapporto tra gli enti locali non se la passa bene. Delle province restano le ombre dopo la legge Delrio. I comuni –anche quelli che si unificarono anche per ragioni di  cassa credo restino in attesa delle promesse non mantenute. Al nuovo governo e ai nuovi ministri non mancano insomma di cose da fare presto  e bene.
Renzo Moschini

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: