none_o


Bellissimo scritto il precedente, anche se (visione solo mia personale) ci vedo un po’ di politica nella penna.

C’è in paese uno scrittore, sì certo, politico anche lui, ma che insieme alla fede sinistra dà la mano destra al volontariato e insieme cuore e tempo e fatica e impegno:

Nedo Masoni.

Renzi ha fatto il furbo ma i furbi non fanno mai gli .....
Il saggio Andreotti diceva: “ Il potere logora chi .....
Sono contento che Renzi abbia fondato un nuovo partito. .....
Non mi sono mai sognato di voler attaccare personalmente .....
Intervista a Matteo Renzi
none_a
RICCARDO MAINI sempre Residente a MdA
none_a
di GIUSEPPE TURANI
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Vecchiano 5 Stelle
www.vecchianoa5stelle.it
none_a
Governo Conte
none_a
"Guarisce da solo, anche ascoltando Iglesias".
none_a
LILIANA SEGRE, 89 anni oggi.
none_a
“Io lo vedo così”
none_a
Associazione La Voce del Serchio
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Solidarietà
none_a
Pisa, 21 settembre
none_a
Marina di Pisa
none_a
Calci
none_a
ASBUC Migliarino 21 settembre
none_a
Circolo Arci Filettole
none_a
San Giuliano Terme, 15 settembre
none_a
Cioccolato
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


di Bruno Pollacci
none_a
Parco di San Rossore, 14 settembre
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Pappiana
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
CERCHIAMO UN TRATTORISTA CON ESPERIENZA ALLA GUIDA DELLE PRINCIPALI MACCHINE AGRICOLE.
AZIENDA AGRICOLA TENUTA ISOLA

DISPONIBILITA' FULL TIME
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Renzo Moschini
none_a
di Antonio Pazienza
La polemica di questi giorni su Teresa Bellanova, aperta da imbecillì come Capezzone e troll di ogni genere...

8/9/2019 - 9:03

La polemica di questi giorni su Teresa Bellanova, aperta da imbecillì come Capezzone e troll di ogni genere, ci ha fatto perdere di vista il problema nella sua essenza.

Ad un Ministro è richiesta competenza e cultura sempre. Il curriculum vitae come quello culturale sono entrambi importanti. Questi fattori non si misurano, però, solo con attestati, lauree, stage, corsi di lingua.
Certo nel mondo del lavoro sono fattori importanti, nel mondo della Politica è assai diverso.
Dalle fila del PCI, come dal mondo sindacale e da quello del Partito Popolare di Don Sturzo, sono nati politici di spessore pur senza vantare titoli di studio, perché il merito in politica te lo riconosce la gente che ti vota, che ti apprezza per ciò che fai e non se sai parlare correttamente.
In questi ultimi anni il grillismo, come il leghismo , ha portato in Parlamento tanti personaggi senza grandi strumenti culturali. Questo ci ha fatto indignare, non facciamo finta di dimenticarlo, altrimenti cadiamo nella partigianeria senza costrutto.
Il Parlamento è il luogo della Rappresentanza non lo sfoggio di lauree e CV. Detto questo, se vogliamo essere capiti dobbiamo saper distinguere l’abisso che c’è tra la Bellanova e la Taverna, ad esempio, proprio sul terreno della rappresentanza.
In questi anni siamo diventati tutti esperti di congiuntivi -tranne io che li sbaglio spesso e spesso faccio errori di scrittura- come se fosse questo il parametro di valutazione dei nostri politici.
Impariamo a leggere ciò che uno dice a prescindere da come lo dice. Solo in questo modo ritorneremo a parlare e farci capire in questo mondo che - grazie alla televisione, ora anche i social, è forse l’unico vero strumento, ahimè, di formazione culturale- si è impoverito nel linguaggio e nel pensiero.


+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




8/9/2019 - 12:31

AUTORE:
Emilio Mola.

Commento letto sulla pagina di Anna Ascani e riproposto sulla VdS.

Amici della Lega: avete presente il "popolo" con cui vi sciacquate la bocca ogni due per tre?
Ecco, Teresa Bellanova E' il Popolo.
Avete presente quando sotto le vostre biografie tra un amen, una Madonna, un Gesù Cristo e un "fateli affogare" scrivete alla voce istruzione: "Università della strada"? Ecco: Teresa Bellanova da quell'Università è uscita per davvero. Con la Lode. E un Master in contrade e campagne.
Avete presente, soprattutto voi leghisti del Sud, le nostre mamme, sorelle, figlie, amiche che si alzavano alle tre del mattino per andare a racimolare 4 lire lavorando come schiave sotto i caporali, e il cui "viaggio di lavoro" spesso finiva con la loro vita tra le lamiere contorte di un furgone? Ecco, Teresa Bellanova era una di loro.
E Avete presente, sempre voi leghisti del Sud, gli anni in cui quelle nostre mamme, sorelle, figlie, amiche venivano insultate, chiamate "terrone" dal vostro Capitano e dalla vostra Lega, schifate "perché non sapevano nemmeno parlare l'italiano"? Ecco, Teresa Bellanova in quegli anni era qui, a difendere i diritti di ogni donna, di ogni lavoratrice, di ogni lavoratore, delle vostre mamme, sorelle, amiche, figlie, senza discriminazioni, con le mani e le scarpe sporche di terra e le leggi sotto gli occhi, da studiare, da capire, da conoscere.
Teresa Bellanova ha la terza media, ma conosce le norme, l'agricoltura, l'economia, la Costituzione meglio di tutti voi laureati con master che ancora scrivete che i governi sono eletti dal popolo o che i migranti prendono 35 euro al giorno.
Teresa Bellanova è oggi Ministro: e lo è diventata senza giocare sul livore, senza alimentare la paura, senza aizzare i penultimi contro gli ultimi, ma aiutando gli uni e gli altri. Non odiando i deboli, ma standogli accanto.
Teresa Bellanova è forse il primo vero Ministro del Popolo. Lei. Non lui. Lei. E se me lo consentite è diecimila volte più bella delle vostre dee di plastica e botulino.

8/9/2019 - 10:55

AUTORE:
Silvestro

Sono caduto o ho caduto sempre a terra ho andato.
Concetto chiaro espresso in un italiano approssimativo ma che fa capire comunque che il culo per terra l'ho sbattuto.
Impariamo a leggere ciò che uno dice a prescindere da come lo dice.
Da chi siede in parlamento gradirei un minimo di cultura e di capacità di esprimere concetti compiuti.