none_o

 

La ricostruzione e il racconto con tanti ricordi, la rivolta dell'acqua questa volta non portatrice di vita ma di morte. Il pianto di una Nazione e..."al posto del campanile una scala a chiocciola", quella di Giovanni Michelucci.
 

Officine di Comunità
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
. . . . . . . . . . una costante nei millenni . . .....
Ma come si permette!
Crede di essere superiore a Silvio .....
Non so se ha capito che adesso c'è un altro governo, .....
Scrive il Sig. Francesco:
“E non è colpa di Quota .....
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Libri ed altro.
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
none_o
Eh? Enotera? Enagra?

13/9/2019 - 13:51


L'Enagra comune (nome scientifico Oenothera biennis L., 1753) è una pianta alta oltre un metro, dai vistosi fiori gialli, appartenente alla famiglia delle Onagraceae.
Anche se il genere è originario dell'America settentrionale è opinione di Sandro Pignatti che l'”Enagra comune” si sia originata in Europa (in effetti la coltura di questa pianta è attestata nell'”Orto Botanico di Padova” fin dal 1612).

La denominazione Oenothera è stata introdotta da Linneo nell'anno 1735 accostando due radici greche: oinos (= vino) e thèra (= desiderio) che letteralmente potrebbe significare “desiderio di bere il vino”; altri testi giustificano il nome col fatto che anticamente la radice veniva usata come additivo aromatizzante nella preparazione di alcuni vini.


Veniamo alle “nostre” enotere. Qualcuno avrà notato, sui cigli delle strade, delle piante (erbe) alte con un ciuffo di fiori gialli.
Sono loro. I fiori fioriscono verso la fine dell’estate, hanno la caratteristica di aprirsi la notte per (ma guarda la Natura!) dar da mangiare alle farfalle notturne, dato che gli altri fiori  in quelle ore sono chiusi.

Per “quel qualcuno”: sono quattro o cinque sulla strada Migliarino-Nodica, sono in sei o sette sulla via del mare all’incrocio Via Isabella, sono una cinquantina sullo svincolo della nuova Aurelia per Torre del lago-Mare e sono in migliaia nei campi della Tenuta Borbone sulla strada che, a destra dopo il cavalcavia della ferrovia,  va a Viareggio.

 

Perché tante così?
Hanno la radice commestibile, ma non certo da farne due ettari, e allora resta soltanto, togliendo la possibilità che siano terreni incolti e colonizzati, che sia per la produzione del “famoso” olio di enotera che si estrae dai semi e che, dice, sia un toccasana per la pelle femminile e per i dolori da mestruazioni.
Speriamo sia questa ultima, sia per avere compagne più  tenere di fuori e senza fastidi di dentro. Sarebbe anche  una nuova opportunità per una piccola industria a costo zero per la facile propagazione della pianticella.

Ancora pochi giorni e i fiori appassiranno, poi si vedrà.

    
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




14/10/2019 - 21:31

AUTORE:
dubbioso

Strano stranissimo il campo giallo,
i semi servon per curare un callo?
Fatto domande sulla “fienagione”,
ma ancora non riesco a farne ragione
e di sicuro è un grande giallo!

14/10/2019 - 9:34

AUTORE:
Pasubio

Un campo intero di enagra mi pare strano
mi sa che a qualcuno è scappata di mano.
Troppi fiori gialli per nutrire farfalle
forse è una prova di coltivazioni gialle
e non mi piace: ma anche a te pare strano!