none_o

 

La ricostruzione e il racconto con tanti ricordi, la rivolta dell'acqua questa volta non portatrice di vita ma di morte. Il pianto di una Nazione e..."al posto del campanile una scala a chiocciola", quella di Giovanni Michelucci.
 

Officine di Comunità
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Arpat Toscana
none_a
. . . . . . . . . . una costante nei millenni . . .....
Ma come si permette!
Crede di essere superiore a Silvio .....
Non so se ha capito che adesso c'è un altro governo, .....
Scrive il Sig. Francesco:
“E non è colpa di Quota .....
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
"Io lo vedo così"
none_a
Libri ed altro.
none_a
  • AD ACCOGLIERE GLI STUDENTI DELLE SCUOLE DI CALCI MOLTI SPAZI, AULE E GIARDINI RINNOVATI

      Suona la campanella

    Mancano tre giorni all’inizio della scuola e lunedì prossimo la campanella suonerà per i tanti alunni calcesani che potranno contare su aule, spazi comuni e giardini rinnovati e più sicuri...


Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Vendo FB FB johnson 5CV buone condizioni, bicilindrico, 2 tempi, gambo corto, elica 3 pale, anni 90, marcia avanti e indietro, serbatoio esterno .....
PIANO INTEGRATO DEL PARCO
Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli, 40 anni e non sentirli

4/10/2019 - 23:48


Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli, 40 anni e non sentirli

 

LA GRANDE OCCASIONE DEL PIANO INTEGRATO DEL PARCO

 

Le Associazioni Ambientaliste: Amici della Terra Versilia, Legambiente circoli Pisa e Versilia, LIPU Pisa, WWF Alta Toscana,tornano a sollecitare gli Enti perché il nuovo Piano del Parco valorizzi l’eccellenza che il Parco rappresenta in un’area intensamente urbanizzata come la Piana Pisana e la Versilia. Una visione che riconosca il ruolo vitale che la Biodiversità del Parco svolge nella rinnovabilità di risorse preziose come acqua e aria, nella riduzione delle sostanze inquinanti e nella mitigazione del clima, temi che in questi giorni, sono stati oggetto delle manifestazioni di migliaia di giovani scesi in piazza in Toscana, in Italia e nel Mondo.

Un’urgenza che la Regione Toscana si è impegnata ad affrontare votando all’unanimità, prima Regione in Italia, l’Emergenza Climatica come “assunzione di consapevolezza e responsabilità politica”. Un impegno che dovrà essere tradotto in azioni concrete, che comprendano: 1. la diminuzione delle fonti di inquinamento; 2. la limitazione dei consumi energetici; 3. l’arrestodel consumo di suolo preservando e ampliando il patrimonio di verde urbano e periurbano; 4. la tutela degli ecosistemi terrestri ed acquatici (parchi, aree protette, boschi, aree umide), al momento, unica efficace forma di contrasto al cambiamento climatico. Gli ecosistemi, infatti, con la loro biodiversità, svolgono un’azione vitale sull’assorbimento delle emissioni di CO2 e dei gas climalteranti.

Non a caso la tutela dei Parchi e delle Aree Protette e del verde urbano e periurbano è una delle misure richieste a gran voce in questa settimana di manifestazioni.Preservare il Parco di Migliarino San Rossore Massaciuccoli è dunque un valore inalienabile che si chiede di tutelare. Le Associazioni chiedono quindi che nel processo di pianificazione venga integralmente preservato l'attuale perimetro del Parco, inteso come la somma di tutte le zonizzazioni, compreso le cosiddette 'aree esterne', che in realtà a livello normativo sono aree interne al perimetro del Parco a tutti gli effetti. Qualunque altra interpretazione sarebbe da considerare come una “de-perimetrazione” del Parco.

Le eventuali ed auspicabili istituzioni di aree contigue ex-L- 394/91 e LR 30/2015, andranno semmai reperite sul territorio esterno a tutto il perimetro dell’Area Protetta. Proprio l’attuale perimetro del Parco in questi giorni, ha reso possibile l’immediato blocco delle “attività di sversamento”che hanno provocato le maleodoranze di San Piero a Grado, cosa altrimenti impossibile in assenza delle tutele dovute alla presenza dell’Area Protetta.

Uno status privilegiato che dovrebbe perciò essere esteso anche ai territori non tutelati dal Parco, invece di pensare di de-perimetrare alcune aree e ridurne i confini.

Pisa e Viareggio, 4 ottobre 2019



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: