none_o

Gioia e picconate, abbracci e idranti, sbarre che si alzano e fiumane di vessati che sfociano nella libertà, l'euforico stordimento prodotto dall'onda d'urto del treno della Storia quando passa sferragliando e fischiando così sonoramente da rendere impossibile non accorgersene: la notte della caduta del Muro di Berlino, 30 anni fa, fu tutto questo e definirla 'storica' è quasi riduttivo. Era il 9 novembre del 1989. ..

Circolo ARCI Migliarino
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Nella primavera del 2008 Rifondazione comunista, Partito .....
L’attuale deriva della crisi di sistema paese, .....
. . . . . . . . . . . ha avuto un enorme potenziale .....
Faccio ammenda volevo scrivere Cascina , ma non mi .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Parrocchia di Migliarino.
none_a
FIAB di Pisa.
none_a
Casanova di Terricciola, 9 novembre
none_a
Pisa, 30 novembre
none_a
Pisa, 7 novembre
none_a
Da Zero a Mille.
none_a
Circolo Il Fortino-Marina di Pisa
none_a
Lucca Comics & Games.
none_a
Val di Serchio
none_a
Val di Serchio
none_a
Cs campionato petanque
none_a
Situazione delle squadre della Val di Serchio
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
"Così a Dio piacque,
l'uovo da cielo cadde
e la gallina nacque!"
Incontrati per caso
di Valdo Mori
Concetto Lo Bello

15/10/2019 - 18:10

Un incontro di Valdo Mori che ha davvero lasciato il segno...:

 

 

Il lungomare di Ognina a Catania era come sempre molto vivace e rumoroso.

L'Hotel .di fronte ai grandi scogli di origine lavica aveva un grande parco con bar, ristorante e piscina.

In quella calda serata estiva c'era un movimento maggiore di persone che correvano, discutevano, parlavano di voti e di correnti.

L' animazione  era dovuta dalla importante riunione politica nella sala al secondo piano dell' albergo che l'On. Drago, famoso esponente della D.C. siciliana, aveva lì convocato.

Durante una pausa tra gli invitati che si bevevano un caffè o facevano una breve passeggiata, scorsi un personaggio famoso in disparte e silenzioso.

Era l'Onorevole Concetto Lo Bello. Eravamo nei primi anni '80.

Esitai prima di presentarmi.

Poi dissi porgendo la mano : "Permette ? Sono di Pisa e non potrò mai dimenticare il suo arbitraggio del 1968 in Pisa-Fiorentina ".

Era il primo derby dopo il ritorno del Pisa del Presidente Donati in serie A.

Sorrise e mi dette la mano. Anch'io sorrisi. E lui sapeva bene il perché.

La foto che lo ritraeva mentre si faceva allacciare la scarpa dal massaggiatore del Pisa, Armando Mazzotti, con la partita in corso aveva fatto il giro di molti giornali.

Imperterrito il "Principe dei fischietti italiani" seguiva con lo sguardo a distanza lo svolgersi dell'azione.

Ho trovato questa definizione dell'uomo-arbitro su Internet che condivido con piacere:
"Fisicamente molto prestante, severo e inflessibile con la sua faccia “da cinema”, con due baffetti autoritari, fu anche il primo arbitro in Italia a prendersi le luci della ribalta e a diventare anch'egli personaggio, a volte più dei soliti 22 giocatori, di una partita di calcio.

A lui si deve la scelta, diventata poi consuetudine, di entrare in campo camminando e non di corsa, quasi a voler rivendicare, sin dall’ inizio, il suo ruolo di giudice al di sopra di ogni sospetto che non fugge, ma anzi cammina a testa alta, dinanzi alle folle ululanti."

Si era impegnato molto promuovendo e curando molte iniziative politiche a favore della sua Regione e anche gli avversari politici hanno sempre riconosciuto il suo lavoro, la sua rettitudine ed il suo reale attaccamento alla sua città.

Nel Maggio del 1970 ebbi l'occasione di avere come compagno di crociera l' arbitro Marchioro di Padova che aveva arbitrato varie volte anche il Pisa S.C.

Io ero interessato e seguivo il mondo arbitrale avendo come collega di lavoro in Piaggio un promettente arbitro che rispondeva al nome di Giancarlo Redini di Uliveto Terme. 

I mondiali di calcio in Messico si avvicinavano ed io chiesi perché era stato designato Sbardella come fischietto italiano e non il molto più quotato Lo Bello.

Capii che il "Principe" di Siracusa era troppo autoritario e poco diplomatico e nella massima competizione calcistica mondiale era preferibile un carattere più tranquillo e meno appariscente.

Peccato !




    

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: