none_o


Era nata per sosta di preghiera ai pellegrini che si recavano a Roma, poi per santificare la processione del Corpus Domini che dalla chiesa di San Ranieri vi si recava a messa e a festeggiare la giornata con bancarelle di dolciumi e  “coperte” per merenda sugli “aguglioli”. Poi, per la cattiva strada che aveva preso la bella strada, tutto si dissolse lentamente fino a che un gruppo di migliarinesi si diedero da fare per chiuderne il transito...

. . . . . . . . . . . . l'epidemia corona virus, .....
. . . si perchè di bullismo se ne parla solo se succedono .....
Quasi tutti conoscono il detto "chi rompe paga ed i .....
. . . o a Migliarino martedì?
Adnkronos Salute
none_a
Libri
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Per gli atleti pisani 19 medaglie
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Pisa Bocce
none_a
Se fossi nata albero sarei cresciuta molto, almeno spero,

invece sono corta e mingherlina e accrescere è un mistero.

Mi è stata tolta l'occasione .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
Le aree naturali protette
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
none_o
Liliana Segre

27/10/2019 - 10:45

Chi attacca Liliana Segre non sta attaccando una donna, una sopravvissuta all’Olocausto, un simbolo, una senatrice a vita.

No!

Chi attacca Liliana Segre sta attaccando se stesso: perché noi siamo tutti Liliana Segre.

E da questa donna minuta abbiamo tutti solo da imparare.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




1/11/2019 - 17:52

AUTORE:
Nicolino Sugliani

Liliana Segre: "Giorgia Meloni mi ha telefonato l'altra sera: sa, ci siamo astenuti perché noi difendiamo la famiglia. Le ho risposto: cara signora, io difendo così tanto la mia famiglia che sono stata sposata per sessant'anni con lo stesso uomo. Qualcuno mi dovrà spiegare cosa c'entri tutto questo con la commissione contro l'odio".

Non ho altro da aggiungere.

31/10/2019 - 21:14

AUTORE:
Maria

....la finì alleata con gli americani, in mezzo agli orrori, tra distruzione, deportati, morti, lotte partigiane, combatte anche una guerra civile, e oggi, un tizio, di mestiere nullafacente, ma in politica da 27 anni, pagato lautamente con i nostri soldi, va in giro per le piazze a risvegliare mostri, a infondere odio, a baciare santi e cristi di cui non gli frega niente, ma fa presa di idioti e poveri cristi descolarizzati, ai quali promette mari, monti, la luna, e polvere di stelle, e quelli si sentono forti e unici depositari di verità che sono utopie, e credono che il mondo cambia perché basta far annegare un po di persone, buttare il diverso e tutto sarà bello bellissimo, credono che si possano fare debiti su debiti, e tanto chi li paga a loro non frega niente.
Un tizio che è tanto arrogante, spavaldo, che induce a credere in falsi dei, che più imbrogli e più ottieni medaglie, che la libertà di manipolare le verità anche più ovvie, siano 'hashtag unico e assoluto per diventare padroni assoluti del tuo tempo, che ti dice che i muri terranno fuori lo straniero, ma non ti spiega che terranno te in gabbia dall'altra parte e un giorno non saprai più come entrare né come uscire!
Non credo alla favoletta che manca la memoria storica e si casca in questa trappola, perché mai come oggi c'è ovunque lo specchio di guerre mai finite, di conflitti cominciati e dimenticati, perché economicamente non sono più utili, ci sono modi e metodi di ricerca che ti portano la memoria dei fatti e delle cose in pochi minuti, non nascondiamoci dietro ad un dito, tanto ci vedono tutti, comunque.
Da queste strade non si torna più indietro, la storia c'è lo ha insegnato.
Proviamo a ripensare una vita che abbia colori e valori e non solo paure, così è troppo triste!
La politica non ha colpe, essa è quello che noi vogliamo che sia !
Se io guardo avanti voglio vedere solo colori, per il futuro di chi amo !

31/10/2019 - 20:26

AUTORE:
fred

ma se invece di legiferare sull'odio razziale si cercasse di risolvere i problemi degli italiani....è purtroppo di oggi la notizia di quel quarantenne che si è dato fuoco perchè pieno di debiti derivanti da non aver mai riscosso crediti verso la pubblica amministrazione...le battaglie a costo zero con le quali ci si dimostra fieri democratici antifascisti lasciano il tempo che trovano...ci vogliono fatti e meno chiacchiere

31/10/2019 - 11:35

AUTORE:
Ramon

Astenersi è da furbetti del senatino, squallido espediente trito e ritrito. Si crede de poterci salvaguardare così da qualsiasi nefasta futura conseguenza?! e pur la storia ce ne ricorda di malefici esempi!

30/10/2019 - 22:46

AUTORE:
Simon

Oggi in senato si è votata una mozione a favore del contrasto all'odio raziale e per sedare la spirale di odio che ha generato anche gli spiacevoli atti di offesa nei confronti della senatrice Segre.
Una parte del senato si è astenuta.
Indovinate quale?
In nome della convenienza elettorale si calpesta qualsiasi senso di umanità, della storia poi meglio non parlare.
Quelli però non sarebbero propriamente il popolino ma i rappresentanti del popolo.
Povera Italia ina ina

29/10/2019 - 19:55

AUTORE:
Ultimo

........... "Il popolo è ignorante" ...... intendi dire "il popolino ino ino"?
Eppoi mi meraviglio che da ARbavola nessuno abbia niente da dire .......... quando si tratta di cose vere e serie da ARbavola mutismo assoluto. ........ Ultimo
P.S. Questa faccenda bisogna che la racconti Arminonno.

29/10/2019 - 16:44

AUTORE:
Pinuccio

Imbarbarimento, cattiveria, odio ma soprattutto ignoranza.
Il popolo è ignorante, non sa e non capisce, va avanti per slogan e non si rende conto.
Non capisce la vita e si adagia a sciupare la propria e purtroppo anche quella dei propri figli.
La scuola può e deve aiutare, specie con la famiglia assente.
Dovrebbe essere la priorità, anche prima del lavoro perchè si può portare a casa uno stipendio ma non basta per fare una vita degna di essere vissuta.

28/10/2019 - 13:50

AUTORE:
Sindaco di Stazzema, Maurizio Verona

Primo Levi diceva che “Auschwitz è fuori di noi, ma è intorno a noi, è nell’aria. La peste si è spenta, ma l’infezione serpeggia: sarebbe sciocco negarlo”.
La Bestia è ancora qui, tra di noi. Si è tramutata, ha cambiato aspetto, ma è presente nelle pance di tante italiani.
E viene fuori anche con i social network.
Liliana Segre, donna straordinaria, riceve ogni giorno 200 messaggi antisemiti ed offensivi.
E’ quanto emerge oggi, 26 ottobre 2019, dal quotidiano La Repubblica riportando un rapporto dell’Osservatorio sull’antisemitismo.
Cento anni fa, agli albori del XX secolo, nascevano i Fasci italiani di combattimento. In Italia la situazione economica e sociale risentiva degli strascichi della guerra e il Fascismo seppe cavalcare questo malcontento, con la violenza e con la connivenza delle classi dirigenti del paese.
Oggi sono i social network i veicoli con i quali si propagano i germi del razzismo, dell’antisemitismo, dell’odio.
Ci sono politici nazionali che fomentano l’odio verso gli ultimi della terra, quando dovrebbero pensare al bene del Paese.
Ministri che giurano sulla Costituzione, parlamentari della Repubblica, amministratori eletti dai cittadini hanno una grande responsabilità: preparare il futuro per i nostri giovani. A questo devono pensare. Non a ricercare un like un più a colpi di post che si traducono in sentimenti di odio.
A Liliana Segre va tutta la mia solidarietà, come Sindaco di Stazzema, come cittadino italiano ed europeo.
La sua storia deve essere un faro che illumina il nostro cammino, un monito a non dimenticare, per impedire che si ripetano gli orrori della Seconda Guerra Mondiale.
E’ chiaro che non basta esprimere solidarietà. Dobbiamo impegnarci tutti, ciascuno di noi.
Dobbiamo impedire che sentimenti ed ideologie che hanno portato morte e distruzione in Italia e in Europa tornino tra di noi.
Tocca a ciascuno di noi fare la propria parte: in famiglia, a scuola, nelle istituzioni.
Dimostriamo alla Senatrice Segre che l’Italia ha una speranza, che non è soltanto quella dei 200 messaggi che ogni giorno la insultano e la offendono.
Dimostriamolo a tutti noi: ce lo chiedono le vittime dell’Olocausto, ce lo chiedono i Martiri di Sant’Anna di Stazzema.

Cari saluti.

Il Sindaco di Stazzema
Maurizio Verona

28/10/2019 - 11:28

AUTORE:
Dory

Miserabili e ignobili loschi figuri ostaggi della più bieca ignoranza volgare e vigliacca...chiunque osa infangare Lialiana Segre dimostra di non appartenere all'umanità né alla storia e deve essere riconosciuto per essere punito...condannato lo è già, e da se stesso!