none_o

Gioia e picconate, abbracci e idranti, sbarre che si alzano e fiumane di vessati che sfociano nella libertà, l'euforico stordimento prodotto dall'onda d'urto del treno della Storia quando passa sferragliando e fischiando così sonoramente da rendere impossibile non accorgersene: la notte della caduta del Muro di Berlino, 30 anni fa, fu tutto questo e definirla 'storica' è quasi riduttivo. Era il 9 novembre del 1989. ..

Circolo ARCI Migliarino
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
PUBBLICA ASSISTENZA S.R. PISA
none_a
Pubblica Assistenza Migliarino
none_a
Nella primavera del 2008 Rifondazione comunista, Partito .....
L’attuale deriva della crisi di sistema paese, .....
. . . . . . . . . . . ha avuto un enorme potenziale .....
Faccio ammenda volevo scrivere Cascina , ma non mi .....
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Cosa fare per evitare i fastidi causati dall'acaro autunnale
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Parrocchia di Migliarino.
none_a
FIAB di Pisa.
none_a
Casanova di Terricciola, 9 novembre
none_a
Pisa, 30 novembre
none_a
Pisa, 7 novembre
none_a
Da Zero a Mille.
none_a
Circolo Il Fortino-Marina di Pisa
none_a
Lucca Comics & Games.
none_a
Val di Serchio
none_a
Val di Serchio
none_a
Cs campionato petanque
none_a
Situazione delle squadre della Val di Serchio
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
"Così a Dio piacque,
l'uovo da cielo cadde
e la gallina nacque!"
Avane, 2 novembre.
Onori ai caduti.

3/11/2019 - 9:07


Si è conclusa la prima parte della commemorazione della Giornata dell'Unità Nazionale e la Festa delle Forze Armate.

Ai piedi del monumento ai caduti di fronte alle scuole dell’infanzia di Avane si è svolta la celebrazione con una leggera pioggia di contorno, ma con un’attenzione tutta particolare partendo dalla nuova veste della bellissima scultura appena rimessa nel suo antico splendore di bianco marmo statuario di Carrara che mostra un Soldato della Grande guerra in braccio all’angelo della morte. Una professoressa del dipartimento del restauro monumenti sovrintendenza delle belle arti, curatrice dell’intervento, ha parlato a lungo del momento storico appena dopo la proclamazione della fine del conflitto e del proclama.
Una lettura del “Bollettino della vittoria”, che però porta questa data: «Comando Supremo, 4 novembre 1918, ore 12; Bollettino di guerra n. 1268”, è stato letto da Pieranna Evangelisti, seguito dalla posa di una corona al monumento, una preghiera del parroco di Avane con una partecipazione dei presenti e i ringraziamenti del sindaco Angori con un breve storico attuale e sentito spirito nazionale.
La banda della Senofonte Prato ha suonato la Canzone del Piave e un Inno nazionale con un coinvolgimento emotivo che non sentivo da tempo.
 
Oggi si onorano i caduti al monumento di Vecchiano.
Un grande omaggio da porgere con un piccolo sforzo.

Un amico presente ieri, avanese doc, mi ha fatto notare il grande leccio che è sulla sinistra del giardinetto. Quello è l’ultimo superstite dei 17 alberelli piantati a coronamento del monumento, pari alle vittime segnate nella targa alla base.
Uno solo, ma che sia da augurio affinché non ci sia bisogno di simboli, cioè: meno caduti meno omaggi!

 

 

 

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




4/11/2019 - 18:24

AUTORE:
Rosalia

Non so se appartiene ad una leggenda metropolitana l'ipotetica targa "Calci ai caduti" che il Comune di Calci avrebbe dedicato anni fa ai suoi caduti in guerra sicuramente senza cattiveria, ma visto il disamore per i morti che pare serpeggiare in ogni dove non smetto di chiedermi come sia possibile dimenticare le persone che ci hanno preceduto e che hanno combattuto per un ideale molto alto, la libertà, che ai giorni nostri sembra non interessare minimamente.
Basta un cambio generazionale per coprire di oblio vicende orrori sacrifici ed enormi sofferenze.
Se le statue sul piedistallo che vigilano le nostre piazze hanno perduto di significato, sarà molto opportuno smettere di volare nel paese dei balocchi per cercare di stare ancorati saldamente a terra...salvo ritrovarsi col bavaglio...ma quello vero!