none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Caro sig. Gio' la facevo migliore. E invece è solo .....
Hai ragione, sono un bischero a confondermi ancora .....
IDV Toscana
none_a
di David Barontini portavoce M5S di Cascina
none_a
Il nostro é un ordinamento garantista non giustizialista
none_a
“Magari che ci metta lo zampino il coronavirus…”
none_a
Umberto Mosso‎ #SEMPREAVANTI Pistoia e provincia.
none_a
di Renzo Moschini, ex parlamentare
none_a
di Giovanni Greco coordinatore CascinaOltre
none_a
Calci
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
Intervista di Laura Cesaretti
Renzi: "I cittadini non sono un bancomat, Italia Viva è NoTax"

5/11/2019 - 11:46

Intervista di Laura Cesaretti, 5 novembre 2019, "il Giornale" 


Senatore Matteo Renzi, lei è stato il primo a dire che serviva una nuova maggioranza per evitare la stangata dell'Iva. E ora che sono riusciti a mettere insieme la manovra che evita l'Iva, lei attacca il governo «delle tasse». Eppure da qualche parte i soldi per l'Iva andavano trovati...

«No, io non attacco il governo. Al contrario di quello che vogliono far credere i professionisti delle polemiche, io aiuto il governo evitando che si mettano nuove tasse in un Paese in cui ci sono fin troppi balzelli. La mia storia dice che le tasse possono scendere: Imu, Irap, costo del lavoro, Ires, Industria 4.0, 80 euro. E coerentemente con questa storia abbiamo ottenuto lo stop all'aumento dell'Iva. Abbiamo vinto sulle tasse sui cellulari e sul gasolio, ora combattiamo contro le tasse sulle auto aziendali, la plastica e lo zucchero. I soldi ci sono e si possono prendere in vari modi: tagliamo le spese intermedie o rinviamo di qualche settimana il cuneo o aumentiamo la web tax. A me basta evitare la stangata. Ci sono i No Tav, i No Tap. E poi c'è Italia Viva che è No Tax».

Lei dice no alla plastic tax: non pensa che invece sia importante ed "educativo" come dicono i suoi sponsor, una penalizzazione degli imballaggi nocivi all'ambiente?

«Mi hanno massacrato tre anni fa per aver chiesto di ridurre i sacchetti di plastica nei supermercati e ho firmato l'accordo di Parigi sulla sostenibilità ambientale. Ma non vivo di ideologia: quella tassa non nasce dall'esigenza di difendere l'ambiente ma di fare cassa. E infatti Regione Emilia Romagna che si è data l'obiettivo di divenire Plastic Free ha chiesto al ministro Gualtieri un tavolo di lavoro congiunto per rimodulare la norma. Siamo seri, per favore. Italia Viva è al fianco del governatore Bonaccini per non penalizzare le aziende emiliane e italiane».

Lei è stato vittima di un "fuoco amico" furioso e di proporzioni mai viste prima nel centrosinistra, e lo ha spesso denunciato. Ora però è lei ad essere accusato di fuoco amico dai suoi ex compagni di partito del Pd. Ha cambiato ruolo?

«Io combatto contro le tasse. E mi auguro che anche pezzi dell'attuale opposizione parlamentare si uniscano a noi contro questo brutto vezzo di trovare i soldi usando i cittadini come bancomat anziché tagliare le spese inutili. Il fuoco amico è quello di chi combatte le persone, io combatto per un'idea. Spero di non farlo da solo».

Italia Viva si intesta la battaglia anti-tasse. Ma non ha aperto bocca contro scelte scellerate del governo, in continuità con il precedente: dalla questione Ilva all'Alitalia fino alla controriforma della giustizia con l'abolizione della prescrizione. Perché?

«Questo governo nasce con un obiettivo: evitare la stangata Iva e la recessione. Tutti i provvedimenti che lei ricorda sono stati firmati da un signore che si chiama Matteo Salvini e che viene considerato il capo del centrodestra.

Dunque noi siamo al lavoro per rimediare i danni degli altri, in primis della Lega. Nel merito: il governo deve subito togliere alla proprietà di Ilva ogni alibi, eliminando autogol come quello sull'immunità voluto dal vecchio esecutivo. Lo scudo penale è stato tolto da loro. Ho fatto dodici decreti per tenere aperta quella fabbrica e mi sono preso gli insulti dei miei compagni di schieramento per averlo fatto. Taranto deve avere un futuro che passa per l'acciaio. Sul resto sappiamo che i numeri della maggioranza sono complicati. Più sarà forte Italia Viva in Parlamento e nella società più potremo portare avanti i nostri ideali liberali, garantisti, filo business. Anche per questo rivolgo un appello ai tanti delusi dal centrodestra: come si può stare in uno schieramento che ha come leader il Salvini che firma il reddito di cittadinanza e spende 20 miliardi per prepensionare qualche migliaio di dipendenti pubblici con Quota 100? Chi crede negli ideali liberaldemocratici e riformisti oggi venga con Italia viva e non resti con la destra a trazione leghista. Si combatta con noi in Parlamento e nella società contro gli estremisti»

Pensa che Conte sia all'altezza del ruolo? E appoggerebbe un governo a guida Pd, se si arrivasse alla sostituzione dell'attuale premier?

«Auguro al presidente del Consiglio buon lavoro. E non proseguo neanche un centimetro in polemiche assurde. Cosa succede in caso di crisi di governo lo decide la Costituzione, non qualche velina di palazzo. Lavoriamo perché il premier faccia del bene all'Italia. Lo giudicheremo per i risultati, non per la simpatia».

Nella maggioranza esiste un partito del voto anticipato?

«No. L'attuale maggioranza ha molti limiti ma non è masochista. Non anticiperà mai il voto delle elezioni politiche. Meglio dunque utilizzare questo periodo per fare qualcosa di utile. Per esempio ridurre il costo degli interessi sul debito.

Quando abbiamo preso il governo l'Italia spendeva 77 miliardi di euro di interessi, oggi - grazie alle nostre riforme e all'azione di Mario Draghi - spendiamo 59 miliardi. Io dico: diamo stabilità al governo e torniamo sotto quota 50 miliardi. Si può fare, si deve fare».

Esponenti del Pd che un tempo erano renziani hanno equiparato le sue critiche alla manovra a quelle della destra, altri l'hanno paragonata a Turigliatto, famoso guastatore ai tempi di Prodi. Come risponde?

«Sono imbarazzato per loro. Fino a qualche mese fa erano pasdaran renziani, ora debbono compiacere i nuovi capi del partito e per mantenere una poltroncina dicono di tutto. Andreotti chiamava questo atteggiamento "Sindrome del beneficiato rancoroso". Io mi limito a sorridere pensando a quanto debba essere arida una vita dove non si combatte per un'idea ma si vive sognando un mezzo incarico. Nessuna polemica da parte mia: io lotto per ridurre le tasse, loro per mantenersi vivi.

Mi piace ricordarli con tanto affetto, liberi come ai vecchi tempi».



Fonte: Laura Cesaretti
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: