none_o

Ho assistito ad una interessante conversazione riguardo al problema della manifestazione novax del 20 giugno scorso. Qualche offesa è passata, qualche frase di troppo a mio giudizio è scappata ma certo è difficile esimersi dal classificare e definire una tale sconsiderata presa di posizione. L’articolo di giornale che riporta il fatto va giù duro e titola “La vittoria degli imbecilli: il 41% degli italiani non vuole vaccinarsi contro il Covid 19”.

Sono l'autore del libro "Litoralis" edito nel 2001, .....
Ci disse il prof. Raffaello Nardi: volete andare al .....
Come mai nel VIDEODRONE di Bocca di Serchio non è .....
. . . . . . . . . . . . . . . non capisco i virologi .....
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
Pisa, 9 luglio
none_a
Pontasserchio, 10 luglio
none_a
Molina di Quosa, 11 luglio
none_a
Bagno degli Americani
none_a
di
Bruno Pollacci
none_a
FIAB-Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 5 luglio
none_a
Cascina, 4 luglio
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
none_o
Muro di Berlino, la notte in cui crollò e finì un mondo
Il 9 novembre di 30 anni fa

9/11/2019 - 11:02

Cittadini di Berlino est e Berlino ovest iniziano a circolare liberamente da una parte all'altra del 'Muro'

 

 Gioia e picconate, abbracci e idranti, sbarre che si alzano e fiumane di vessati che sfociano nella libertà, l'euforico stordimento prodotto dall'onda d'urto del treno della Storia quando passa sferragliando e fischiando così sonoramente da rendere impossibile non accorgersene: la notte della caduta del Muro di Berlino, 30 anni fa, fu tutto questo e definirla 'storica' è quasi riduttivo. Era il 9 novembre del 1989. 
Il simbolo della fine della cortina di ferro, del mondo diviso in due blocchi atomici, della riunificazione della Germania era stato preparato e preannunciato dalle fughe estive di tedeschi orientali attraverso Ungheria e Cecoslovacchia. Ma anche, il 18 ottobre, dalle dimissioni del leader della Ddr, Erich Honecker, che ancora a gennaio aveva preconizzato vanamente altri 'cento anni di Muro'. 


Quella notte cominciò poco prima delle 19 con la conferenza stampa del portavoce del governo della Ddr, Guenter Schabowski, in cui l'allora corrispondente dell'ANSA a Berlino est, Riccardo Ehrman, con una sua domanda ne innescò altre che poi portarono all'annuncio: in pratica, si poteva oltrepassare il Muro. La diretta tv che inquadrava Ehrman seduto ai piedi del tavolone da cui parlava Schabowski spinse decine di migliaia di berlinesi dell'est verso i posti di frontiera fra le due parti della città.

Le guardie, colte di sorpresa da un afflusso così massiccio, chiesero ordini su come comportarsi ma comunque alzarono le sbarre bianche e rosse permettendo a tutti di passare senza controlli: una resistenza senza equipaggiamenti anti-sommossa, del resto, era tecnicamente impossibile o sanguinosamente inutile.

All'inizio ci fu stupore e incredulità per la beffa ai Vopos, gli agenti della Polizia del popolo che per quasi 30 anni avevano sparato contro chiunque tentasse di scavalcare il Muro e che si erano resi responsabili più o meno direttamente della morte di almeno 140 fuggiaschi solo a Berlino.
Poi, per tutta la notte, solo festa per il flusso di tedeschi dell'est accolto dagli applausi di tanti concittadini dell'ovest: si urla "libertà" e ci si abbraccia, anche fra parenti costretti a vivere divisi per decenni. Giovani - giovane era gran parte di chi si mosse quella notte - che vedono luoghi di cui avevano solo sentito parlare dai più anziani, come l'elegante viale Ku'damm. Si stappano bottiglie, si accendono fiaccole, si sventolano bandiere della Germania e prime copie di un tabloid che già annunciava 'Berlino è di nuovo Berlino'.
Ma l'iconografia scolpita nelle menti è fatta anche e, forse soprattutto, dai ragazzi che si arrampicano sul Muro tirandosi su a vicenda; dal piccone che solleva solo polvere dalla granitica e ormai affollata sommità della barriera; dal lavorio di martelli grandi e piccoli, dei primissimi 'Mauerspechte', i 'picchi del Muro'. E poi i potenti idranti cui si resiste in piedi o, in maniera irridente, accovacciati dietro un ombrello con una confusa consapevolezza che sono solo schizzi alzati dal debole colpo di coda di un regime ormai agonizzante: in tre giorni, due milioni di persone passarono il confine sancendo la fine di un mondo. "Il muro era come una macchina del tempo.

Si passava Checkpoint Charlie e si piombava nel passato, negli anni Cinquanta. Meno luci, niente insegne, anche l'aria aveva un altro odore, impestata dalle Trabant, le vetturette in plastica simbolo dell'industria nella Ddr", ha scritto Roberto Giardina, giornalista e scrittore, testimone di quegli anni.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




12/11/2019 - 13:13

AUTORE:
fred

il muro è crollato nell'89... ma io ricordo bene che già nel 65 gli scrittori dissidenti sovietici venivano processati e finivano nei gulag...in particolare i vari Sinjavskij e Daniel tennero banco per qualche tempo sui giornali...peccato che al Teatro del Popolo di Migliarino venivano definiti "mezze penne".
Oggi i medesimi vorrebbero dare lezioni di democrazia...ohiohi in che mani siamo

11/11/2019 - 11:08

AUTORE:
Demetrio

Muri arroganza potere politica becera...l'ostentazione della sicurezza basata sulla forza e sulla prepotenza spaventa!
La soluzione ai difficilissimi problemi delle comunità non è mai così scontata né rapida e forse neppure sempre giusta.
Tornare indietro pentirsi per rimediare subito dopo non è però facile come a cascarci dentro e la sciagurata realtà di alcuni Stati ce lo dimostra!
Anche la mosca va fiduciosa a impantanarsi senza via d'uscita nella colla soltanto perché viene attratta dal profumo!

10/11/2019 - 20:58

AUTORE:
Roberto

Ho avuto la fortuna di essere a Berlino quel 9 novembre e di attraversare il muro contromano, con i vopos che tenevano il mitra basso.
Una grande giornata di speranza ed illusione.
Ed oggi abbiamo i bischeri che parlano di buttare giù il secondo muro vincendo in Emilia, mentre i loro amici li stanno di nuovo costruendo ovunque.
Ci sarà un motivo per tanta idiozia

10/11/2019 - 10:33

AUTORE:
Rizieri

Erigere muri e distruggere ponti è una vecchia strategia che illudeva, chi l'aveva progettata e messa in atto, che avrebbe funzionato...ma la storia dell'umanità ce ne ha dimostrato l'esatto contrario e la sicura sconfitta, ciò nonostante oggi se ne costruiscono ancora...tempo e denaro gettati al vento!
Meravigliosa festa per questo anniversario e profondo sincero entusiasmo...la Germania, Merkel in testa, non avrebbe potuto fare di meglio!