none_o

La storia degli Usi Civici è lontana nel tempo, quando chi non era nobile o faceva parte della grande famiglia ecclesiastica doveva lottare ogni giorno per sopravvivere alla povertà. Poter sfruttare una parte della altrui proprietà per piccole attività come quella di caccia, di raccogliere legna o erba rappresentava un diritto importante per quelle comunità che è arrivato, con alterne vicende, fino ai giorni nostri. I tempi sono cambiati e anche le problematiche.
Una piccola storia può essere utile per capire.

. . . . . . . . . . . . Baldinacca,
Brasiliano .....
. . . . . . . . . . . per voi e anco per quell'artri. .....
Mancano varie tipologie di sangue. . . https:/ / .....
. . . . . . . . . . . . . . . . . solo cinque azzurri .....
Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


CHI NON RIDE MAI NON è UNA PERSONA SERIA

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


MEGLIO UN GLAP OGGI CHE UN GLU GLU DOMANI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


CREDO NEGLI ESSERI UMANI

Fratelli d'Italia - An Pisa
none_a
di Renzo Moschini
none_a
SAN GIULIANO TERME
none_a
Vecchiano, 18 giugno
none_a
S'inarca la notte
remota sopra i nostri pensieri
di stelle cosparsi.
Fuliggine d'astri e millenni ;si posa
sul dorso di lucciole ignare
che vagano .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
Viareggio- Evento su Verde e Benessere Urbano 2 Progetto Partecipativo
“Tutti insieme per la pineta ed una Viareggio migliore”

12/11/2019 - 20:38

Venerdì 15, alle 15,00
Nella sala parrocchiale, S. Maria Assunta, in via della Gronda, 324 si svolgerà il secondo incontro pubblico di informazione e formazione del progetto partecipativo: “Tutti insieme per la pineta ed una Viareggio migliore”. 
Si parlerà di verde e benessere urbano. Bernardo di Chiaravalle, nel XII secolo, scriveva: «Troverai più nei boschi che nei libri. Gli alberi e le rocce t’insegneranno le cose che nessun maestro ti dirà». Così si è deciso di approfondire la conoscenza delle piante e del ruolo che svolgono in modo silenzioso e discreto nella nostra vita di tutti i giorni.
Durante l’incontro, i relatori illustreranno come le piante offrono bellezza, producono ossigeno, assorbono anidride carbonica, mitigano le ondate di calore e ospitano biodiversità. Un gran numero di forme di vita che con la loro presenza regolano i cicli che favoriscono la conservazione di un suolo fertile, acqua abbondante e di buona qualità, aria pulita, un clima stabile, contrastando siccità ed alluvioni.
Un bene immenso che è vitale imparare a gestire e tutelare creando collaborazione e sinergie tra amministrazioni, esperti del settore e cittadini.  Per evitare la disaffezione che oggigiorno si registra nei confronti degli alberi per il rischio di caduta dovuta generalmente a potature eseguite male e fuori periodo o a una scelta non idonea delle specie piantate.
Un patrimonio la cui esistenza non è scontata, soprattutto in condizione climatiche sempre più estreme con elevato inquinamento del suolo, dell’aria e dell’acqua, come è emerso dall’incontro del 9 novembre. Condizioni che indeboliscono le piante e ne accrescono la vulnerabilità ai parassiti sempre più numerosi perché importati anche da altre zone.

E’ il caso del Matsucoccus feytaudi (importato dalla costa atlantica, ha già ucciso 11.000 pini solo alla Lecciona) e del punteruolo rosso (Rhynchophorus ferrugineus) che sta falcidiando le palme di tutt’Italia. A ciò si aggiungono gli abbattimenti sempre più frequenti. 

Solo a Viareggio, fra il 2018 e il 2019 sono stati abbattuti 567 alberi (di cui solo 124 verranno sostituiti) senza considerare il verde privato.

Una vera emergenza che ha bisogno di nuove strategie di gestione e soprattutto di maggiore interazione tra Amministrazioni, Esperti e Cittadini.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri