none_o


Era nata per sosta di preghiera ai pellegrini che si recavano a Roma, poi per santificare la processione del Corpus Domini che dalla chiesa di San Ranieri vi si recava a messa e a festeggiare la giornata con bancarelle di dolciumi e  “coperte” per merenda sugli “aguglioli”. Poi, per la cattiva strada che aveva preso la bella strada, tutto si dissolse lentamente fino a che un gruppo di migliarinesi si diedero da fare per chiuderne il transito...

. . . . . . . . . . . . l'epidemia corona virus, .....
. . . si perchè di bullismo se ne parla solo se succedono .....
Quasi tutti conoscono il detto "chi rompe paga ed i .....
. . . o a Migliarino martedì?
Adnkronos Salute
none_a
Libri
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Per gli atleti pisani 19 medaglie
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Pisa Bocce
none_a
Se fossi nata albero sarei cresciuta molto, almeno spero,

invece sono corta e mingherlina e accrescere è un mistero.

Mi è stata tolta l'occasione .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
Le aree naturali protette
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
di Giuseppe Pierozzi
Racconto di fantasia

20/11/2019 - 13:21

Shangri-la
 
Alla fine del Medio Evo il monaco Adalberto di Aquileia era un missionario che percorreva le regioni dell’Asia centrale per cercare dei popoli che non conoscevano Dio e rivelare loro la vera religione  che  li avrebbe portati  alla salvezza.

Nel corso di uno dei suoi viaggi solitari  si trovò  in una valle deserta che era chiusa da una chiostra di monti. Al loro centro gli parve di scorgere un varco e allora, fidando nell’aiuto del Signore si accinse a fare la scalata per trovare un passaggio.

Dopo ore di salita alla fine giunse in cima al passo. Sotto di lui vide che si apriva  a perdita d’occhio, una larga vallata, ricca di vegetazione nella quale si scorgevano dei campi coltivati e degli agglomerati di costruzioni che erano certamente dei villaggi. Si rese conto che si trattava di una regione inesplorata che non era segnata sulle carte e, dopo aver trovato un sentiero, si accinse alla discesa.

Dopo alcune ore giunse alfine ad un centro abitato dove c’erano molte costruzioni. Gli abitanti che lo videro lo accolsero con gentilezza e lo rifocillarono. Essi parlavano un dialetto che egli era in grado di  comprendere perché aveva trascorso alcuni anni in un convento in Anatolia e aveva imparato un idioma molto simile a quello degli abitanti del villaggio. Fu stupito di apprendere che essi erano cristiani. Il monaco Adalberto aveva notato che nel muro di molte case era dipinta una L maiuscola capovolta, che appariva anche su delle bandiere che sventolavano su alcune torri.
E che alcune ragazze portavano al collo una catenina d’oro con un pendaglio anch’esso a forma di L capovolta e, inoltre quando essi gli parlavano della loro fede facevano con le mani  uno strano gesto : si toccavano con la mano destra, prima la spalla sinistra, poi la fronte e dopo il petto. Quando chiese spiegazioni su tutto ciò e domandò dove si trovasse, gli abitanti lo condussero davanti alla chiesa al cospetto di un sacerdote.

Questo era vestito con una tunica nera su cui portava una grossa catena d’argento con appesa una L rovesciata. Il sacerdote lo accolse con benevolenza e, alle richieste del monaco, gli raccontò che, un secolo addietro, un altro  monaco proveniente dall’occidente aveva attraversato quelle montagne e, sfinito, aveva trovato rifugio nella grotta di un eremita. A quello aveva rivelato che era portatore della vera religione, quella rivelata da Gesù Cristo, il figlio di Dio, che avrebbe portato l’umanità alla salvezza. E gli disse qual era il messaggio di pace e di amore che esso aveva lasciato al mondo. Infine, con gli ultimi aneliti, gli narrò che Gesù era stato condannato a morte. Dopo queste parole il vecchio monaco, distrutto dalle fatiche passate, era spirato. L’eremita, folgorato  dalla rivelazione del monaco,  era sceso a portare la buona novella e aveva assicurato al popolo che nelle parole del Redentore essi avrebbero trovato la salvezza eterna.

Il popolo, che professava una grande venerazione per il sant’uomo, aveva abbracciato la nuova religione e aveva assunto come simbolo di questa lo strumento del martirio di Gesù, quello che anche loro impiegavano per la pena di morte. E il sacerdote spalancò la porta della chiesa invitando il monaco a seguirlo ed entrando  egli ripeté lo strano segno. La chiesa era una costruzione che aveva una pianta a forma di L capovolta in cui si entrava per il braccio più lungo che poi finiva ad angolo retto col braccio più corto a destra. In fondo c’era un altare sotto il quale molte persone erano in preghiera.

Il  monaco aguzzò gli occhi per alcuni minuti per abituare la vista all’oscurità e, quando poté distinguere l’altare, sgranò  gli occhi e aprì la bocca mentre un brivido  percorreva tutto il suo corpo. Con orrore si era accorto che, sopra l’altare si ergeva una trave verticale con, ad angolo retto,  un braccio più corto da cui pendeva una figura umana con un cappio al collo e con la testa piegata da un lato sul petto.
In quel paese l’esecuzione della pena di morte veniva fatta per impiccagione.
 







Fonte: Giuseppe Pierozzi.
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: