none_o

 


Lunedì 8 marzo, sulla pagina facebook di Molina mon amour, è possibile seguire un ricordo di Agitu Ideo Gudeta, una donna dal carattere forte e capace di grandi progetti. La principessa delle capre felici, una storia di Ovidio Della Croce, arricchita dalle illustrazioni di Daniela Sandoni e dalla voce di Daniela Bertini. L’iniziativa ha ricevuto il patrocinio del Comune di San Giuliano Terme.

. . . c'è solo un assonanza: i nomi cominciano per .....
. . . . . . . . . . . è breve . . . . . . . dalla .....
La sostituzione di Arcuri è un punto irrevocabile .....
per affrontare dei confronti sul forum, allora meglio .....
di Bruno Pollacci
Direttore dell'Accademia d'Arte di Pisa
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • “Un 8 marzo nel segno del supporto costante alle politiche di genere, anche così contrastiamo la pandemia e i suoi effetti negativi”.

      La Provincia di Pisa consegna la Palazzina di Via Galli Tassi alla Casa della Donna di Pisa

  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


le conchiglie dei ricordi,
affiorano
sciacquate dal battito
sulla pelle riemersa,
dove sale e libeccio s'incontrano.
Dune ed ombra
s'aggrovigliano .....
Fra uno ( leghista ? ), che parla di mercato delle vacche di Conte, come se il centrodestra non l' avesse mai fatto, ricordate Scilipoti e altri, e .....
none_o
Vedi alcune foto e link - Alluvione Serchio: primo cedimento.

27/11/2019 - 10:01

 Vedi alcune foto della rottura arginale del 25/12/ 2009, dei primi lavori di ripristino arginale, del rinforzo con palancole dalla chiesa di Migliarino al ponte sull'Aurelia e l'allargamento dell'alveo del Fiume Serchio dai ponti di Migliarino alla località "dal Mori".

 

Vedi anche il link 
https://youtu.be/uMUnmKYQayc

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

29/11/2019 - 20:45

AUTORE:
Bruno Baglini

Era impressionante vedere dal cavalcavia autostradale quella falla che sempre più si allargava e vedere "pisciare" acqua sulla A 11 sembrava una scena da film....

Ero già pronto per la messa di Natale quella mattina di 10 anni fa.
La notizia mi arrivò dalla "vedetta" del piano di sopra di casa mia.
Dina Morroni, mia cognata, come suo zio Gino e la Imperia, cognata di Vando il panaio, sapevano tutto in tempo reale anche stando a casa e...quando mi sentii chiamare dalla finestra dissi: vai, ci risiamo è morto qualcuno che si conosce, oppure sta male-male.
Invece era il Nostro Serchio che era messo malissimo.
Cravatta e stivali e via di corsa in Via Di Piaggia al n°153 li c'era la Iliana, la mì sorella e famiglia in pericolo pensai; invece l'acqua va dove il terreno pende e li a 10 metri dal Serchio erano all'asciutto.
Come potevo rendermi utile? non con il gitto o un tappo di sughero...ormai.
Feci delle foto per il nostro; allora piccolo giornale VdS online (180/200 visite giornaliere) le spedivo via mail al direttore Paolo Magli alle sede della Nazione di Pistoia e dopo poco apparivano su FLASH VdS ma non in maniera seriale come ora, ma una foto/una notizia aggiornata e avanti notte e giorno seguente e con la concausa della mancanza di giornali cartacei del Natale e santo Stefano, la nostra Voce del Serchio dalle 200 visite giornaliere, passò a 3.300 e fu letta anche da Antonio Tabucchi dal Portogallo....salvate i miei libri ma prima salvatevi voi.

Ora siamo chiamati non a dare risoluzione definitiva perché se piove tre volte tanto sarà ancora dura; però investire sulla prevenzione è sempre stato meno costoso che riparare ai disastri avvenuti.
In quei giorni ognuno fece il suo ed anche di più.
Poi in seguito facemmo grandi assemblee di popolo con tecnici ben istruiti e...ricordo una mia proposta che all'epoca non disponendo dei mezzi e conoscenze di allerta attuali fu presa così e così, ma il prof Raffaello Nardi capo dell'Autorità di Bacino la prese subito per buona anche perché la prima cosa che disse nel consiglio comunale aperto a Vecchiano fu: è mancata l'informazione e non che ad essere informati si fermava la piena, però tanti beni e cose potevano esser salvate.
Tutto rimediabile se non ci son vittime? si!
Infatti ad ogni "disgrazia" la prima cosa che facciamo e veder se si muovono braccia e gambe, poi la macchina o il motorino si ricompra e via.
Però..un bell'avviso di pericolo si legge e si ascolta volentieri e la "cosa" che mi parve più immediata fu un avviso da parte delle autorità con il cellulare e...non mancarono le prime obiezioni.
No, ci vuole un giro con altoparlante, tre squilli di tromba o il suono delle campane.
Ricordo che andai anche da don Lido Batini che mi rispose: se alle due di notte mi avvertono per telefono
che il Serchio rompe gli argini, come le suono le campane? a doppio? tipo festa? a morto? o a martello e il tu' figliolo lo capisce il significato della scampanata anomala?
Quindi meglio avvisare tutti per telefono con messaggio chiaro e non "solo" il prete di paese.

Buon futuro a tutti noi ed affrontiamolo nel migliore dei modi e vinca la miglior proposta senza guardare da dove proviene il seme.
...si dice che la Torre di Pisa sia stata salvata da un "disegnino" di una bambina Indiana, quindi...