none_o

 
 
 

Una conversazione con il filosofo Sebastiano Maffettone riscritta in forma di lettera. Il Coronavirus ha aumentato la consapevolezza della nostra fragilità. L’idea della vulnerabilità e della morte dell’intera umanità è distruttiva, ma può farci recuperare l’idea che siamo esseri umani che appartengono alla stessa specie.

Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Angori Sindaco-Questa mattina un evento tragico a Marina di Vecchiano
none_a
Notizie dal Comune
none_a
Mettetevela la mascherina, magari esteticamente ci .....
Il negazionismo di alcuni politici è assimilabile .....
. . . . . . . . . . . . . per interesse fazioso o .....
A parte che in questo momento le cuffie sono uno strumento .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Pisa, 30 novembre
Cavalieri di specchi

27/11/2019 - 16:28

Dopo il grande successo al debutto al Pisa Book Festival, tornano Fabrizio Bartelloni e Giovanni Vannozzi con il loro romanzo a quattro mani: "Cavalieri di specchi", storia di un'amicizia sospesa fra il noir, l'introspezione e l'affresco sociale, con uno sguardo ironico e disincantato sulle miserie e sugli splendori della natura umana. Questa volta i due autori saranno ospiti della Mai.Social.Maison (via Cavour n. 57 -Pisa) dell'avvocato Michele Di Gregorio, da anni ormai teatro e palcoscenico di molti e importanti eventi culturali della città di Pisa. A presentarli e a moderare l'incontro di sabato 30 novembre alle ore 21:00 ci sarà Marina Caterina Magnani, mentre le letture saranno affidate a Giuliano Domenichelli Giorgi. IL LIBRO SINOSSI Federico e Alessandro, sono loro, due “cavalieri di specchi” avventurosi e guasconi, a occupare il centro della scena in questo originale romanzo, che sfrutta un’ispirazione antica, quella del capolavoro di Cervantes, per raccontare una storia di stretta attualità, proiettando l’eterno conflitto tra realtà e rappresentazione, tra l’individuo e la sua maschera, all’interno delle camere oscure della “società liquida” preconizzata da Bauman. Due personaggi all’apparenza agli antipodi, un avvocato affermato il primo, cresciuto nel ventre obeso della borghesia, e un figlio dei quartieri di frontiera il secondo, con vene e muscoli rinsecchiti dalle dipendenze di cui è ostaggio, e tuttavia legati fin da ragazzini da una affinità profonda e misteriosa che pare in grado di resistere a tutti gli urti e gli scarti della vita. Sarà l’irrompere nelle loro vite della giovane e ambigua Chiara a lacerare la scenografia che protegge le quinte delle loro esistenze, trascinandoli in una sciarada dai risvolti sempre più cupi e obbligandoli a riflettere l’uno negli occhi dell’altro l’immagine impietosa di ciò in cui sorte e arbitrio li hanno trasformati. GLI AUTORI Fabrizio Bartelloni, avvocato e magistrato onorario presso la Procura di Lucca, quando sveste la toga coltiva pessime abitudini, fra cui quella della scrittura. Dopo la raccolta di racconti Frammenti (Ensemble, 2014), con cui vince il Premio Giovane Holden, inizia a collaborare con MdS Editore, per cui fa da “curautore” di Sulle spallette alle nove, Vituperio delle genti e Maledetti pisani, e con cui pubblica la sua seconda silloge, Testimoni d’accusa. Dal 2015 dirige la collana di narrativa Cattive strade. È ideatore, insieme a Marco Masoni, della rassegna Spiriti solitari – cantautori ascoltati, visti e raccontati. Giovanni Vannozzi, vive a Pisa, nonostante alcuni tentativi di fuga all’estero. Insegnante nella scuola primaria e pubblicista, non ci riesce proprio, a staccarsi dalla scrittura. Al suo primo romanzo, Basta, smetto (Edizioni ETS, 2010), seguono i progetti con MdS Editore: il romanzo collettivo Sulle spallette alle nove, la raccolta di racconti Long Playing, vita a 33 giri, l’antologia corale Maledetti pisani e i laboratori di scrittura Favolare e Gabbie con i detenuti del “Don Bosco” di Pisa. Allergico alla noia e alla ripetizione, oltre allo scrivere ama il rosso (ma dipende da chi lo indossa).
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: