none_o

Servono forse convegni interminabili, ospiti illustri e location spaziali per ottenere partecipazione e divertimento? Servono mezzi illimitati, spazi dedicati, progetti faraonici per riunire persone e Associazioni per un progetto comune di alto livello? Talvolta, come è successo questo sabato, basta un piccolo spazio ed una piccola occasione per ottenere risultati eccellenti e oltre ogni aspettativa. 

. . . . . . . . . . . . . per nascondere la strizza. .....
Salvini era al governo nel posto che voleva, si è .....
E' una regola: due volte al mese, primo e terzo lunedì .....
A parte il fatto che appare assai singolare mandare .....
Abbracci e baci, il contesto emotivo influenza la gestualità sociale
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
Dal mondo
none_a
Pisa
none_a
FIAB Pisa
none_a
Con le “De Soda Sisters”
none_a
Presentazione libro-24 gennaio
none_a
Confcommercio
none_a
Molina di Quosa, 25 gennaio
none_a
Pisa, 24 gennaio
none_a
Pisa
none_a
CSI -Centro Sportivo Italiano
none_a
Le squadre di ValdiSerchio
di Marlo Puccetti
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Le squadre di Val di Serchio
di Marlo Puc
none_a
Nella notte fredda e bianca
la Befana un poco arranca
urge ormai di farsi l'anca
e per questo sembra stanca.

Befanotto suo marito
è davvero inviperito
dice: .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Moschini
none_a
Gli Amici di Pisa esprimono mo
none_a
di Renzo Moschini
none_a
Racconto breve di: Giuseppe Pierozzi
Il prete in Calabria

28/11/2019 - 17:19

Il prete in Calabria
 
Quella sera don Gianni, il giovane parroco del paese di  *** centro agricolo dell’interno della Calabria era stato chiamato a somministrare l’estrema unzione a un vecchio morente che abitava in una casa tra i vicoli della parte vecchia del paese che si inerpicavano fino alla cima dove sorgeva la chiesa.

Don Gianni era un giovane coraggioso che si era sempre battuto per affermare nelle azioni e nelle coscienze della gente, la parola di Cristo. Ma nel quartiere della città di XXX dove gli era stata assegnata la cura di una delle chiese, le sue prediche che parlavano di carità e di giustizia, avevano suscitato il malcontento della maggior parte dei fedeli che appartenevano a classi borghesi agiate, proprietari terrieri, commercianti e professionisti per cui questo malcontento era giunto alle orecchie del vescovo e gli erano state portate da diversi personaggi importanti della diocesi. Anche il sindaco gli aveva rappresentato i propri timori che le prediche del giovane prete potessero turbare la pace sociale specie in quei tempi dove si verificavano nelle città  scioperi e manifestazioni “sovversive”.

Il vescovo aveva più volte avuto degli incontri con don Gianni in cui gli aveva raccomandato moderazione e di non insistere su dei temi che non erano di sua competenza ma che si occupasse della salute delle anime dei suoi fedeli. Ma don Gianni non poteva reprimere la sua indignazione di fronte ai soprusi e alle ingiustizie che vedeva nella società per cui era stato deciso dalla curia vescovile di trasferirlo nella parrocchia di un paese dell’interno. In questo paese dominava una potente famiglia di mafiosi che taglieggiava gli abitanti  imponendo pizzi, controllando ogni attività, corrompendo, truccando gli appalti, inquinando con i rifiuti tossici il territorio e soprattutto investendo i profitti nel traffico di droga che distribuiva e diffondeva trai giovani.

Anche in questo paese  don Gianni non esitò a denunciare questi delitti ad alta voce e i cittadini lo ascoltavano a capo chino senza osare di fare commenti e  se ne andavano tacendo. Cominciarono a giungere minacce al giovane prete, per telefono, con delle lettere anonime. Poi gli fecero trovare un gatto morto sulla soglia della canonica. Ma il massimo della tensione nel paese fu raggiunto quando il coraggioso parroco indicò inequivocabilmente chi era la persona cui facevano capo tutte le scelleratezze che rovinavano la vita del paese e della gioventù. Intorno a lui si fece il vuoto.
Quella sera che don Gianni ritornava a casa dopo aver impartito l’estrema unzione al vecchio morente, era una notte buia senza luna, fredda e ventosa e in giro non c’era anima viva. Il prete percorreva ora una viuzza in salita che, a destra aveva un muretto che la proteggeva da uno strapiombo di almeno 15 metri. Quando giunse a metà della salita sentì i passi di due persone che venivano verso di lui: uno dall’alto e uno dal basso.

Essi si avvicinavano e lui riuscì a scorgere  nel buio che erano due giovani che una volta frequentavano l’oratorio ma che da qualche tempo erano stati assoldati nel clan mafioso che dominava il paese e non ebbe dubbi su quello che stava per succedere. Il capo li aveva mandati per ucciderlo e questa sarebbe stata la prova per mezzo della quale i giovani sarebbero stati ammessi nella società mafiosa.
Quando i due gli furono vicini e avevano estratto le pistole, don Gianni gridò loro protendendo le braccia: “Fermi! non lo fate! Siete dannati! Penso io!”.

E scavalcò il muretto gettandosi  nel vuoto.






Fonte: Giuseppe Pierozzi
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: