none_o

Ar Campo Sportivo (Partita accanita) 

 

 - Tonfani 'n pedata alla galetta!...

a me un me lo faresti sa!... pioppino.

Nato d'un cane, na fatto anco gambetta,…

lassa 'r pallone, rivogani un golino.

- O l'arbitro un lo vede?... fa trinchetta...…o mallegato, venduto, burattino...però ti becco doppo 'n bricichetta...ti sganghero, ti stronco, ti spicino...

La forza della storia, la visione del futuro
none_a
A.S.B.U.C. di Migliarino
none_a
Piazza Garibaldi-Vecchiano
none_a
Sezione Soci Coop Valdiserchio-Versilia
none_a
. . . . al di là di una decina scarsa di persone normali, .....
. . . mi ha telefonato or ora da Amsterdam, dicendomi .....
Aspettiamo von ansia che RENZI Matteo confermi la sua .....
Credo sia vergognoso che solo due esponenti della lega .....
di Giuseppe Pierozzi
none_a
Racconto breve di: Giuseppe Pierozzi
none_a
RITROVATO A PISA L'ARON PIU' ANTICO DELLA TOSCANA
none_a
Libri ed altro.
none_a
Pisa, 4 dicembre
none_a
Giovedì 5 dicembre alle ore 21.00
none_a
di Stelya Biagiotti
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Pontasserchio, 7 dicembre
none_a
Vecchiano, 1 e 8 dicembre
none_a
Pisa, 30 novembre
none_a
FIAB Pisa
none_a
Il punto di vista di Marlo Puccetti
none_a
Polisportiva Sangiulianese
none_a
Risultati 3a giornata
none_a
Il “Punto di vista” di Marlo Puccetti
none_a
Il Lonfo non vaterca né gluisce
e molto raramente barigatta,
ma quando soffia il bego a bisce bisce,
sdilenca un poco e gnagio s'archipatta.
È .....
Alla cassa di un supermercato una signora anziana sceglie un sacchetto di plastica per metterci i suoi acquisti.
La cassiera le rimprovera di non adeguarsi .....
Racconto breve di: Giuseppe Pierozzi
Il prete in Calabria

28/11/2019 - 17:19

Il prete in Calabria
 
Quella sera don Gianni, il giovane parroco del paese di  *** centro agricolo dell’interno della Calabria era stato chiamato a somministrare l’estrema unzione a un vecchio morente che abitava in una casa tra i vicoli della parte vecchia del paese che si inerpicavano fino alla cima dove sorgeva la chiesa.

Don Gianni era un giovane coraggioso che si era sempre battuto per affermare nelle azioni e nelle coscienze della gente, la parola di Cristo. Ma nel quartiere della città di XXX dove gli era stata assegnata la cura di una delle chiese, le sue prediche che parlavano di carità e di giustizia, avevano suscitato il malcontento della maggior parte dei fedeli che appartenevano a classi borghesi agiate, proprietari terrieri, commercianti e professionisti per cui questo malcontento era giunto alle orecchie del vescovo e gli erano state portate da diversi personaggi importanti della diocesi. Anche il sindaco gli aveva rappresentato i propri timori che le prediche del giovane prete potessero turbare la pace sociale specie in quei tempi dove si verificavano nelle città  scioperi e manifestazioni “sovversive”.

Il vescovo aveva più volte avuto degli incontri con don Gianni in cui gli aveva raccomandato moderazione e di non insistere su dei temi che non erano di sua competenza ma che si occupasse della salute delle anime dei suoi fedeli. Ma don Gianni non poteva reprimere la sua indignazione di fronte ai soprusi e alle ingiustizie che vedeva nella società per cui era stato deciso dalla curia vescovile di trasferirlo nella parrocchia di un paese dell’interno. In questo paese dominava una potente famiglia di mafiosi che taglieggiava gli abitanti  imponendo pizzi, controllando ogni attività, corrompendo, truccando gli appalti, inquinando con i rifiuti tossici il territorio e soprattutto investendo i profitti nel traffico di droga che distribuiva e diffondeva trai giovani.

Anche in questo paese  don Gianni non esitò a denunciare questi delitti ad alta voce e i cittadini lo ascoltavano a capo chino senza osare di fare commenti e  se ne andavano tacendo. Cominciarono a giungere minacce al giovane prete, per telefono, con delle lettere anonime. Poi gli fecero trovare un gatto morto sulla soglia della canonica. Ma il massimo della tensione nel paese fu raggiunto quando il coraggioso parroco indicò inequivocabilmente chi era la persona cui facevano capo tutte le scelleratezze che rovinavano la vita del paese e della gioventù. Intorno a lui si fece il vuoto.
Quella sera che don Gianni ritornava a casa dopo aver impartito l’estrema unzione al vecchio morente, era una notte buia senza luna, fredda e ventosa e in giro non c’era anima viva. Il prete percorreva ora una viuzza in salita che, a destra aveva un muretto che la proteggeva da uno strapiombo di almeno 15 metri. Quando giunse a metà della salita sentì i passi di due persone che venivano verso di lui: uno dall’alto e uno dal basso.

Essi si avvicinavano e lui riuscì a scorgere  nel buio che erano due giovani che una volta frequentavano l’oratorio ma che da qualche tempo erano stati assoldati nel clan mafioso che dominava il paese e non ebbe dubbi su quello che stava per succedere. Il capo li aveva mandati per ucciderlo e questa sarebbe stata la prova per mezzo della quale i giovani sarebbero stati ammessi nella società mafiosa.
Quando i due gli furono vicini e avevano estratto le pistole, don Gianni gridò loro protendendo le braccia: “Fermi! non lo fate! Siete dannati! Penso io!”.

E scavalcò il muretto gettandosi  nel vuoto.






Fonte: Giuseppe Pierozzi
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: