none_o

 

 

 

 

 

Tentativo di risposta alla domanda di un mio ex alunno, leggendo gli articoli che più mi hanno colpito in questa settimana, ripensando ad alcune poesie che si studiano anche in terza media e immaginando un altro mondo possibile.

Purtroppo è così, l'Italia pare dividersi in furbi .....
Meno male che ci pensa la Regione, sui divieti alle .....
. . . un 3% di "imbechilli" c'erano già al tempo del .....
Enrico Rossi, giustamente, ha detto che oggi fara'un'ordinanza .....
di Giulia Baglini
none_a
Baragli: "Export quasi cancellato, serve liquidità ora o non ripartiremo"
none_a
Libri
none_a
Cosè un ATM e un BANCOMAT
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


Si presentava alla gara con ben 27 atlete.
none_a
PISA OVEST
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
La pesca nel lago
(1976)

Ugo:- Come è ita Dreino?

Drea:- Dai 'n occhiata,
con venti nasse .....
Ottima la raccolta degli stralci a Migliarino da parte di Geofor. Brava l'Amministrazione che ha sollecita il servizio precedendo la richiesta di numerosi .....
none_o
ma...Buettino, è detto bene?

15/12/2019 - 19:16


 Nata nel 2001 da un’intesa tra il Ministero Italiano degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale e l’Accademia della Crusca, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, la Settimana si è sviluppata di edizione in edizione, coinvolgendo, oltre agli Istituti Italiani di Cultura, anche Ambasciate e Consolati.

La XIX Edizione della Settimana della Lingua Italiana nel Mondo si è svolta dal 21 al 27 ottobre 2019 e presentata ai cittadini con diversi momenti di incontri televisivi con scrittori ed attori. Ogni volta gli intervistati hanno sottolineata la mancanza della purezza nel parlare comune, nello scrivere e maggiormente nei ragazzi, di ogni ordine di studi, che, abbagliati e rintontiti dalle tastiere dei telefonini, portano la nostra lingua ad un livello molto basso.

Vi è di contro un altro momento, giornata questa, la Giornata internazionale della Lingua Madre, proclamata dalla Conferenza Generale dell’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura (UNESCO) nel novembre del 1999.

Dal 2000 essa viene celebrata ogni anno per promuovere la diversità linguistica e culturale ed il poliglottismo.

La data intende commemorare il 21 febbraio 1952, in cui alcuni studenti furono colpiti e uccisi dalla polizia a Dacca, la capitale dell’attuale Bangladesh, mentre manifestavano per il riconoscimento della loro lingua, il bengalese, come una delle due lingue nazionali dell’allora Pakistan.

Il 16 maggio 2007 l’Assemblea Generale delle Nazioni Unite, con la Risoluzione A/RES/61/266 chiamò gli Stati Membri a “promuovere la conservazione e la salvaguardia di tutte le lingue usate dalle popolazioni del mondo”. Nella stessa Risoluzione, l’Assemblea Generale proclamò il 2008 come Anno Internazionale delle Lingue per promuovere l’unità nella diversità e la comprensione universale attraverso il poliglottismo e il multiculturalismo. L’Anno Internazionale delle Lingue giunse in un momento in cui la diversità linguistica era incredibilmente minacciata.

Il linguaggio è essenziale per la comunicazione di ogni tipo; è proprio la comunicazione a rendere il cambiamento e lo sviluppo possibili nella società umana. Oggi usare — o non usare — taluni linguaggi può aprire una porta, o chiuderla, in diversi segmenti della società e in molte parti del mondo.

Con questo lungo preambolo voglio arrivare a dire che i dialetti sono la vera Lingua madre e per questo andrebbero valorizzati e non visti come un “cattivo italiano” o perlomeno “lingua matrigna”.

Non mi sembra che il vernacolo, nostro dialetto, abbastanza comprensibile anche alle altre regioni, sia motivo di studio nelle scuole.  

I ragazzi delle scuole medie in Garfagnana: Piazza al Serchio, Minucciano, Sillano e Giuncugnano, hanno avuto come compito la rivalorizzazione del dialetto garfagnino lavorando sul tema “Le fole di Garfagnana”. (classe terza, sez. C an. scol. 1990-1991)

Ecco il testo della “fola” Pumpicin:

 

C'era una volta un bimbin de nom Pumpicin e disse alla so ma’ che andaa a prende du fichini nell’orto, arivat muntò sopra al fic, ma arivò l’0rc ch gl dis: ”O Pumpicin damm un fichin con le to sant manin” "No ch me magni”, gliene tirò uno che cascò nell’urtica e l’0rc avea paura de bucars ei gl dis se gliene tirava un’altr, Pumpicin allungò le mani per darglielo ma lui le chiappò e lo mis nel sac e partì per Nipoiana. Arivat gridava "O moiera metta su la caldaiera ch'i ho chiapp al Pumpicin".
Arivò in ca e gl dis l’0rc: ”Caviti i calzoni” e Pumpicin:”Cavitili prima te” e cusì fecer guera, alla fin Pumpicin diede una spinta all’0rc che cad in tel’acqua a bollor e murì, e Pumpicin se ne tornò a ca.


La fola è tratta da Fole di Garfagnana, a cura di Umberto Bertolini,  Comune di Piazza al Serchio gen. 1996
 
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: