none_o


Era nata per sosta di preghiera ai pellegrini che si recavano a Roma, poi per santificare la processione del Corpus Domini che dalla chiesa di San Ranieri vi si recava a messa e a festeggiare la giornata con bancarelle di dolciumi e  “coperte” per merenda sugli “aguglioli”. Poi, per la cattiva strada che aveva preso la bella strada, tutto si dissolse lentamente fino a che un gruppo di migliarinesi si diedero da fare per chiuderne il transito...

. . . . . . . . . . . . l'epidemia corona virus, .....
. . . si perchè di bullismo se ne parla solo se succedono .....
Quasi tutti conoscono il detto "chi rompe paga ed i .....
. . . o a Migliarino martedì?
Adnkronos Salute
none_a
Libri
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Per gli atleti pisani 19 medaglie
none_a
Le squadre di Valdiserchio
di Marlo Puccetti
none_a
Se fossi nata albero sarei cresciuta molto, almeno spero,

invece sono corta e mingherlina e accrescere è un mistero.

Mi è stata tolta l'occasione .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
San Piero a Grado
Presepe vivente 2019

22/12/2019 - 9:24


          Presepe vivente a San Piero a Grado 2019 

Per la vigilia di Natale torna anche quest’anno a San Piero a Grado la rappresentazione del Presepe vivente, un’occasione unica per vivere fino in fondo il grande mistero della nascita di Gesù e immergersi nell'atmosfera magica alla quale fa da sfondo la bellissima Basilica.

Tutto ciò grazie all’organizzazione della parrocchia di San Piero a Grado che raccoglie molte associazioni, tra le quali l’Associazione Cattolica, l’Acli di San Piero a Grado, La Sagra del Pinolo, e grazie alla disponibilità del centro Avanzi dell'Università di Pisa.

La magia del Presepe Vivente si rinnoverà la sera del 24 dicembre alle ore 21.30 e in replica il pomeriggio del 26 dicembre a partire dalle ore 17.
Apresentare l’edizione 2019 Michele Ammannati, Massimo Francesca Gelichi, Rebecca Riccetti e Bianca Maria Bigongiali del Comitato Presepe Vivente, che interpreteranno alcuni dei personaggi storici indossando dei costumi tutti fatti in casa da abili sarte volontarie.
“Il presepe vivente di San Piero a Grado - ha dichiarato l’assessore al Turismo Paolo Pesciatini - ripropone da anni una tradizione antica che, da un lato esprime il desiderio di una comunità di partecipare alla ricostruzione emozionale di un evento storico-religioso che ha caratterizzato e segna tuttora la storia dell’umanità, dall’altro manifesta l’accrescimento dell’interesse turistico di questo luogo sacro, anche per la sua bellezza, che è San Piero a Grado. Tutti quanti abbiamo il dovere di promuovere sempre di più questa località, anche come cerniera tra la città e la sua ‘vista mare’ che è il nostro litorale pisano”.
“Parteciperò volentieri con tutta la mia famiglia al Presepe vivente di San Piero - ha dichiarato l’assessore Raffaele Latrofa - per manifestare quanto questa iniziativa ci stia a cuore come amministrazione comunale e per godere di una rappresentazione che offre spunti di riflessione e fanno apprezzare quella festività con una profondità diversa”.
Il presepe vivente nacque a San Piero a Grado nel 1997, come semplice rappresentazione della nascita di Gesù raccontata con i versi di Gozzano, per volere del parroco Don Mario Stefanini e della comunità. Una tradizione cristiana che consiste in una breve rappresentazione teatrale con lo scopo di raccontare la nascita di Gesù utilizzando scenografie che ricreino l’ambientazione della natività. Il primo presepe vivente della storia è attribuito a San Francesco d’Assisi, nel borgo di Greccio (Rieti) nel 1223. La tradizione si è poi diffusa in tutt’Italia e in altri Paesi cristiani, e i figuranti sono solitamente gli abitanti del posto.
Durante questi 20 anni, il presepe di San Piero a Grado, composto da 200 figuranti, è stato perfezionato con luci e musiche lungo tutta l’area della rappresentazione e postazioni sempre più numerose e curate nei particolari.

All’entrata si è accolti con il censimento dove i visitatori possono lasciare un segno del loro passaggio mentre entrano nella città di Betlemme. Il percorso obbligato prevede la visita al palazzo di Erode dove viene periodicamente eseguito il cambio delle guardia, poi prosegue con le varie botteghe del falegname, del fabbro, del pane, con il mercato della frutta, i dottori del tempio, la merciaia, l’arrotino, la lavandaia e le due taverne dove Maria e Giuseppe, durante il percorso tradizionale, non trovano posto per la notte.

All’ingresso e al centro del presepe trovano posto anche due gabelle nelle quali i visitatori possono scambiare gli euro con i talenti, monete appositamente coniate per la rappresentazione, indispensabili per poter assaporare ciò che viene preparato nelle varie postazioni: focacce, ricotta e formaggio, prosciutto, caldarroste e vino bollente per riscaldare i più freddolosi. Infine a ridosso dell’abside della Basilica lato mare c’è la capanna, con l’asino e il bue, dove nasce il Salvatore visitato dai magi guidati da una stella luminosa.
Il tutto è valorizzato da una bella rappresentazione che racchiude il proclama di Erode, l'arrivo della Sacra famiglia a Betlemme, la nascita di Gesù alla capanna e l'arrivo dei Re Magi

. Il 24 sera si concluderà tutto con la Santa Messa dei Pastori in Basilica.





+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




26/12/2019 - 21:54

AUTORE:
Paola Bellino

...quella di questa sera: il presepe vivente!!!!😍 grazie a tutti quelli che hanno partecipato e che hanno voluto condividere con noi questa notte magica!!