none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . si fanno proposte al contrario?
Velocizzare .....
Ma se il Serchio facesse una piena seria con tutto .....
E' APPENA USCITO IL SOLE
SIAMO IN DIVERSI CHE PARLIAMO .....
. . . qui se c'è qualcuno che scappa mi pare che tu .....
Pensieri Vivaci
none_a
Commento di Anna Ascani
none_a
COMUNICATO STAMPA DI CENTROSINISTRA PER CALCI
none_a
#bettisindaco #cascina2020
none_a
Alessandra Nardini
none_a
Pisa: Legnaioli (Lega)
none_a
POLITICA
none_a
CONFERENZA STAMPA-
Martedì 29 settembre ore 15.30
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
none_o
Solo imbecilli?
di Trilussa

26/12/2019 - 18:11

Che gli imbecilli siano sempre esistiti è cosa nota. Ognuno di noi ne conosce sicuramente qualcuno! Ma quando succede una cosa come quella della deliberata distruzione di un simbolo, come la cappellina sulla via del Mare in memoria di due giovani contadini ammazzati dai nazisti, la cosa appare sotto una luce diversa.

Non c’entra la madonna perchè le immagini delle madonne in maiolica di tutte le edicole votive, che erano lì da molti anni pregate e venerate, erano già state distrutte o asportate in precedenza negli ultimi tempi. Già questo un piccolo segnale di cambiamento. Semplici vandali, in quel caso, gente senza storia e senza cultura che nella noia di una vita inutile gode del semplice atto vandalico come unica soddisfazione della sua mente vuota di idee e principi.


Qui invece sembra si sia voluta colpire anche la memoria. Il ceppo sulla via del Mare fatti celebrava la morte di due giovani migliarinesi assassinati dai nazisti. Assassinati per gusto, senza necessità, per quella particolare condizione d’animo derivata dalla guerra, da tutte le guerre, dove l’esistenza diventa molto più semplice divisa totalmente fra i due estremi della vita e della morte; dove i principi di umanità si perdono nella fatica e nel rischio quotidiano e la morte di un tuo simile perde di senso e di importanza trasformandosi in un atto che ha perso tutta la sua ferocia.


Perché i due giovani, uno appena ventenne, non erano pericolosi nemici e nemmeno partigiani, non rappresentavano una minaccia ma erano dei semplici contadini, persone umili e indifese per cui appare improbabile rappresentassero un reale pericolo per il militare nazista che gli ha uccisi.


Non sappiamo poi se questo ignobile gesto possa essere collegato alla comparsa recente proprio su questo giornale, in Storie e Paesi, dell’articolo dedicato ad un altro martire della ferocia nazista, Giuliano Magli, anche questo un ragazzino non ancora sedicenne.


Certo è che pensare che il sacrificio di questi giovani innocenti dopo appena pochi decenni non venga più guardato con dolore e ricordo ma profanato in nome di un regime e di un’idea rozza e violenta, fa molto male e anche molto riflettere. Ci si domanda dove siano finiti, nella nostra società opulenta e sempre più egoista e chiusa in se stessa, i principi che hanno portato il nostro Paese ad essere una democrazia compiuta. Che fine abbia fatto il rispetto della vita e della memoria storica, alla base stessa del nostro vivere civile.


Non penso sia opera di fanatici, nazisti o fascisti che operano in nome di un’idea, di un’idea profonda e radicata del mondo e della società e che vogliano esprimere questa loro convinzione con atti di protesta e vandalismo. Penso invece sia bassa opera di individui che non hanno idee. Né del mondo né della società in cui vivono. Penso a persone ignoranti e incivili, persone senza cultura, senza ideali se non quelli del gesto compiuto con indifferenza o con rabbia, una rabbia prima di tutto contro sé stessi, contro la loro nullità, la loro irrilevanza nel mondo.


Penso invece a quei poveri ragazzi trucidati senza colpa fino a ieri pensati con dolore, per le loro giovani vite spezzate inutilmente, per le loro famiglie distrutte e trasformati, con un semplice barbaro gesto oggi, in oggetti di protesta, di rabbia o di contestazione.
 
Un cambiamento misero ed epocale che dovrebbe far riflettere sull’esistenza di un problema serio nel nostro Paese: quello dell’incultura e dell’ignoranza, e non solo della storia recente, e della mancanza nella generazione più giovane di quel complesso informativo ed educativo senza il quale il Paese sta scivolando sempre di più in una condizione simile alla barbarie.




+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




31/12/2019 - 10:10

AUTORE:
Michele Antognoli

Da piccolo mi raccontarono quella storia, straziante. Poi l'ho rivissuta negli occhi della donna che la raccontava nel bel video girato nelle nostre frazioni sulle stragi del fascismo e i disastri della guerra. Ogni volta andando al mare una piccola fitta a quel cippo, sotto quel cipresso. Il contrasto fra la gioia verso l'estate ed il dovere di una memoria che ferisce. Colpire quel monumento significa non conoscerne le origini, significa essere lontani dalle proprie radici umane, significa forse anche il volersi allontanare (per responsabilità) dalla propria umanità. Ripristiniamo quel cippo ma restauriamo sopratutto la catena con cui si trasmettono quella sensibilità ed umanità che solo da umani potremo conservare. L'acqua e l'aceto che lavarono quei corpi martoriati al sole non basteranno per lavare il sudicio delle coscienze di chi ha oltraggiato una memoria così dolorosa.

29/12/2019 - 9:56

AUTORE:
Libero

Ribadisco con forza la mia indignazione per l'ignobile gesto e mi indispone moltissimo l'omertà della gente che non vede non sente e non parla...è mai possibile che tutto scivoli via nelle fogne senza che qualcuno sia a conoscenza anche di un minimo indizio che possa aiutare ad identificare questi balordi criminali?!