none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . si fanno proposte al contrario?
Velocizzare .....
Ma se il Serchio facesse una piena seria con tutto .....
E' APPENA USCITO IL SOLE
SIAMO IN DIVERSI CHE PARLIAMO .....
. . . qui se c'è qualcuno che scappa mi pare che tu .....
Pensieri Vivaci
none_a
Commento di Anna Ascani
none_a
COMUNICATO STAMPA DI CENTROSINISTRA PER CALCI
none_a
#bettisindaco #cascina2020
none_a
Alessandra Nardini
none_a
Pisa: Legnaioli (Lega)
none_a
POLITICA
none_a
CONFERENZA STAMPA-
Martedì 29 settembre ore 15.30
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
none_o
Bello e Possibile
di Trilussa

12/1/2020 - 10:22


Servono forse convegni interminabili, ospiti illustri e location spaziali per ottenere partecipazione e divertimento? Servono mezzi illimitati, spazi dedicati, progetti faraonici per riunire persone e Associazioni per un progetto comune di alto livello? Talvolta, come è successo questo sabato, basta un piccolo spazio ed una piccola occasione per ottenere risultati eccellenti e oltre ogni aspettativa.


Sono partito con sconcerto e sospetto: non sono incline alle formalità e ai salamelecchi quando penso si debba trattare di cose importanti. Ma mi sbagliavo. Non era l’occasione di dotte esposizioni sul volontariato e l’associazionismo o sulla necessità, sempre più importante per il nostro paese, di questo fenomeno solidaristico per contrastare una deriva preoccupante di individualismo e sfiducia nel prossimo e nelle Istituzioni. Non era questa l’occasione.


Era invece prima di tutto quella di far vedere quanto diffuso sia, nel nostro territorio, fra la nostra gente, la volontà e il piacere di fare qualcosa per gli altri. Di far vedere quante associazioni senza scopo di lucro (se non per la soddisfazione personale) sono tuttora presenti nel nostro Comune. Obbiettivo raggiunto quando si pensa che i partecipanti erano oltre quaranta e rappresentavano almeno una ventina di Associazioni, le più varie dai Circoli ARCI alle Dame di carità, dal Gav al WWF, dalla Caritas al Nuovo Modello di Sviluppo, dalla Misericordia alla Pubblica Assistenza eccetera. Impegnati ognuno nel suo settore specifico ma per una volta tutti insieme: “con la stessa maglietta bianca” come ha detto qualcuno, con su scritto a bei caratteri “VOLONTARIO”.


Il secondo e forse più importante obbiettivo era quello di farsi conoscere, di scambiare, con il gioco e il divertimento collettivo, la reciproca conoscenza. Uno scambio non solo a parole, che ci sono state, ma anche uno scambio fisico, con abbracci, contatti di mani e piedi, spalle, schiene e quant’altro che ha reso quasi intima questa conoscenza. Una partecipazione comune nelle varie fasi dell’evento che ha coagulato il gruppo e fatto nascere nuove conoscenze, simpatie e rinsaldato anche qualche vecchia amicizia.


Ognuno di noi, spesso isolato nella propria opera, nel proprio settore e spesso spazio chiuso, ha capito la disponibilità e il desiderio degli altri di mettersi in gioco, di dare una mano aiutare, collaborare. Ognuno si è reso disponibile, ognuno ha definito le collaborazioni in essere e prospettato quelle future.


La soddisfazione è stata generale e si è espressa nell’elenco finale scritto delle emozioni, in cui si sono sprecate definizioni come divertimento, gioia, partecipazione. Stupore in qualcuno, curiosità in molti. Soddisfazione in tanti.


Un evento importante che ha superato forse le stesse aspettative degli organizzatori, sia per quanto riguarda la partecipazione (solo poche assenze all’invito) ma soprattutto per la soddisfazione di chi è stato presente. Un giorno intero non era poco e il rischio di doverlo rimpiangere era consistente ma credo nessuno lo abbia fatto, almeno a sentire le dichiarazioni finali dove ognuno ha espresso, oltre alla sua opinione riguardo ad un progetto o ad un consiglio, la netta soddisfazione di aver partecipato.


Un piccolo cambiamento credo sia avvenuto in ognuno di noi che farà guardare le altre associazioni non come qualcosa di estraneo, chiuso nel proprio mondo e con i propri interessi, ma come parte di un grande tutto a cui ognuno, con la sua opera può dare il suo importante contributo.
Non possiamo che ringraziare l’Amministrazione comunale che si è impegnata in questa occasione di incontro, le signore che con molta professionalità ci hanno seguito e indirizzato in questo percorso e tutti i partecipanti che con la loro allegria e le loro risate hanno reso questa giornata molto importante, utile e indimenticabile.
 
Una NOTA sull’età: qualcuno ha lamentato la mancanza di giovani. Vero, ce ne erano ma non moltissimi. Prevalevano gli anziani con alcuni oltre i settanta. Bene, auguro a tutti i partecipanti più giovani di arrivare a settanta anni e avere ancora la forza e il desiderio di impegnarsi a fare qualcosa per la comunità.

 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




12/1/2020 - 11:45

AUTORE:
Daniela

È stata una giornata bellissima ,organizzata con il cuore e piena di emozioni positive. Tutti noi volontari non possono che ringraziare chi si è speso per donarci questa occasione di confronto e partecipazione.