none_o

Servono forse convegni interminabili, ospiti illustri e location spaziali per ottenere partecipazione e divertimento? Servono mezzi illimitati, spazi dedicati, progetti faraonici per riunire persone e Associazioni per un progetto comune di alto livello? Talvolta, come è successo questo sabato, basta un piccolo spazio ed una piccola occasione per ottenere risultati eccellenti e oltre ogni aspettativa. 

Si sa che Colombo, il suo uovo, l'ha rotto!

Ma .....
Come spesso succede nessuno ci aveva pensato ( nemmeno .....
sicuramente la strizza in emilia romagna l'hanno sia .....
. . . . . . . . . . . . . per nascondere la strizza. .....
L'Associazione "La Voce del Serchio" ed MdS Editore
none_a
Abbracci e baci, il contesto emotivo influenza la gestualità sociale
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
A Palazzo Roncioni
none_a
Volterra, 9 febbraio
none_a
Poste Italiane
none_a
Pisa, 31 gennaio
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Pisa
none_a
FIAB Pisa
none_a
Con le “De Soda Sisters”
none_a
CSI Pisa
none_a
Le squadre di ValdiSerchio
di Marlo Puccetti
none_a
CSI -Centro Sportivo Italiano
none_a
Le squadre di ValdiSerchio
di Marlo Puccetti
none_a
Nella notte fredda e bianca
la Befana un poco arranca
urge ormai di farsi l'anca
e per questo sembra stanca.

Befanotto suo marito
è davvero inviperito
dice: .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
di Moschini
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
Corradino e Giorgio D'Ascanio

13/1/2020 - 15:05

Un incontro di Valdo Mori davvero significativo per il nostro territorio:

 

 

Noi ragazzi di quinta elementare del quartiere di S. Antonio il pomeriggio ci ritrovavamo in Via Bixio e dopo a giocare al pallone in Piazza San Paolo a Ripa d'Arno.

Sulle panchine giocavamo o facevano merenda e spesso ascoltavamo le storie che il Signor Piccinetti ,un arzillo novantenne fiorentino, ci raccontava. Mi rimase impresso quella dell'uomo che accendeva i lampioni sui lungarni.

Sull'angolo con Via Nisi c'era una grande abitazione che ci raccontavano fosse abitata da un dirigente della Piaggio.

Dal cancello che dava sul garage si vedeva in effetti un Signore anziano che armeggiava su di una piccolissima auto. Incuriositi ci domandavamo cosa poteva essere: non un motoveicolo Piaggio perché aveva quattro ruote

Infatti era l'APE 400 che venne prodotta solo in Francia per non offuscare la nascente Fiat Nuova 500 !

Con l'occasione ricordo anche che accanto all'abitazione dell'Ing. D'Ascanio c'era quella di alcuni parenti del Conte Piero Bargagli Stoffi reso famoso dalle partecipazioni al Maurizio Costanzo Show ma che fu anche un progettista nel 1967 dell'auto elettrica denominata Urbanina che però non entrò mai in produzione.

Tornando alla Piaggio dove io ho lavorato dal 1970 al 1978 come impiegato al Servizio Controllo e Collaudo avevamo spesso contatti con l'Ing. Giorgio che si occupava di Analisi Valore e Controllo Qualità.

Devo dire che la quadratura mentale e il senso dell'organizzazione che la grande industria dava a quei tempi mi sono stati di grande aiuto nel proseguimento della mia attività di Direttore Commerciale.

Un giorno, eravamo negli anni '70 l'Ing. Giorgio d'Ascanio venne presso i nostri uffici all'officina 3 con due parabrezza della Vespa e incaricò il nostro valido Team (Fanetti, Bracci, Dal Monte) di sovrapporli e bloccarli sulla sua Vespa in modo da non bagnarsi quando pioveva durante i suoi giri in stabilimento.

Per l'epoca era anche questa una interessante innovazione.

L'Ing. Corradino pur essendo in pensione aveva sempre un suo ufficio nello Stabilimento dove si recava spesso ed elargiva ancora i suoi preziosi consigli e pareri. 

Ricordo che sulla scrivania aveva uno strano congegno che guardava sempre con attenzione e a volte a mò di sfida.

Passeggiava nervosamente e poi gli si avvicinava; finalmente un piccolo rumore e da un foro laterale usciva una sigaretta che subito si metteva in bocca !

Era una piccola macchina ideata da lui stesso che "sputava" una sigaretta all'ora !

Era l'unico modo per ridurre il fumo per un grande tabagista come lui !







    

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: