none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Caro sig. Gio' la facevo migliore. E invece è solo .....
Hai ragione, sono un bischero a confondermi ancora .....
IDV Toscana
none_a
di David Barontini portavoce M5S di Cascina
none_a
Il nostro é un ordinamento garantista non giustizialista
none_a
“Magari che ci metta lo zampino il coronavirus…”
none_a
Umberto Mosso‎ #SEMPREAVANTI Pistoia e provincia.
none_a
di Renzo Moschini, ex parlamentare
none_a
di Giovanni Greco coordinatore CascinaOltre
none_a
Calci
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
none_o
Un viaggio nel tempo.

17/1/2020 - 16:04


La carovana di un ricco mercante ebreo, amico di Erode, sta attraversando il deserto tra la Giudea e l'Egitto, scortata da una squadra di legionari romani. Questi trovano nel deserto, legata ad un palo, una giovane donna e, vincendo l'opposizione del mercante, la prendono sotto la loro protezione insieme ad un gruppo di ebrei, tra i quali c'è un neonato sfuggito alla strage ordinata da Erode.

Con l'aiuto della donna che adesca il giovane legionario Fabio mentre questi è di guardia all'accampamento, il mercante riesce a mandare un messaggio al re per avvertirlo che gli ebrei, che si sono uniti alla carovana, portano in salvo un neonato. I soldati di Erode accorrono immediatamente, ma la donna, già pentita dell'aiuto dato al mercante, riesce a far fuggire alcuni ebrei col bambino. Si accende una violenta battaglia tra i romani e le guardie di Erode; viene ucciso Fabio e con lui la donna che, prima di moIrire, confessa il suo amore per il legionario. Ella ha contribuito a salvare quel neonato, che è il Messia, ed il suo gesto, espressione di un animo rigenerato, l'ha redenta.
Il film intreccia fra l’altro i conquistatori romani con i ribelli sahariani e la Sacra Famiglia in fuga in Egitto.


E allora?

Cosa c’incastra una storia romano-ebraica, profano-sacra e amorosa-avventurosa con questo giornale?
Andate avanti e lo scoprirete:
è un  film, La peccatrice del deserto, anno 1959 , genere drammatico.
Interpreti: Ruth Roman, Akim Tamiroff, Arnoldo Foà, Otello Toso
Regia Gianni Vernuccio, Steve Sekely.
Paese: Italia, Durata: 85 min


Con  la carnale e mediterranea Ruth Roman (Jezebel),   Vernuccio rivela la straordinaria capacità di ripresa in tempi brevi e con grande spirito di adattamento, dato che il film è girato e montato  in 40 giorni, ma che ora è scomparso dalla distribuzione per il fallimento della casa  americana Rko che ne aveva i diritti. Tutta l’idea che oggi si può avere di questo film, al momento perduto, viene da 600/700 fotogrammi riversati in un fotoromanzo con lo stesso titolo.
Siamo ancora lontani dall’accostamento promesso, ma non guardate solamente la foto di copertina  e le altre a colori dove si vedono tende, mare e dune, ma arrivate alle ultime due in bianco e nero.


O chi sono quei giovani non romani e neanche arabi, accanto alla tenda dove c’è un legionario con la spada e in posa con la bella Ruth?
Il giovane è Renato Moncini e le ragazze sono amiche migliarinesi e il posto è BOCCA di SERCHIO!
Torna tutto ora?
Giovani allora curiosi di veder girare un film, io ora curioso tanto da aver chiesto a Renato se avesse foto del suo periodo marino-migliarinese in Bocca ed ora spero di aver incuriosito anche i lettori.


Grazie Renato, lontano, ma non il pensiero Tuo per casa tua e il nostro per Te… e poi cosa è un oceano?

Una pisciata un po’ più grossa!
 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: