none_o

 
 
 

Una conversazione con il filosofo Sebastiano Maffettone riscritta in forma di lettera. Il Coronavirus ha aumentato la consapevolezza della nostra fragilità. L’idea della vulnerabilità e della morte dell’intera umanità è distruttiva, ma può farci recuperare l’idea che siamo esseri umani che appartengono alla stessa specie.

COMUNICATO STAMPA FORUM TOSCANO
REGIONE TOSCANA. .....
Mettetevela la mascherina, magari esteticamente ci .....
Il negazionismo di alcuni politici è assimilabile .....
. . . . . . . . . . . . . per interesse fazioso o .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Molina di Quosa, 25 gennaio
“Bepi” di Marco Azzurrini e Francesco Bottai

17/1/2020 - 17:04

“Bepi” di Marco Azzurrini e Francesco Bottai per la prima del teatro “garbato” a Molina di Quosa

Al Magazzino di Antonio la stagione teatrale 2020 di Molina mon amour

Si chiama “Bepi” ed è il primo spettacolo della rassegna di teatro “garbato” proposta dall’associazione Molina mon amour.

“Vita, fisime e batticuori” del pittore (e arsellaio) marinese saranno raccontate con le parole e la musica di due grande protagonisti del mondo artistico pisano: l’attore Marco Azzurrini, che condivide con Molina mon amour la direzione artistica della rassegna, e il musicista Francesco Bottai.

L’appuntamento è per sabato 25 gennaio al civico 26 di piazza Martiri della Romagna: si parte alle 20.15 con il buffet, mentre alle 21.30 è previsto l’inizio dello spettacolo.

Prenotazione obbligatoria: 3791913131. 


La scheda dello spettacolo a cura degli autori.

“Bepi”
vita, fisime e batticuori di Giuseppe Viviani, pittore e arsellaio

di e con:
Marco Azzurrini e
Francesco Bottai

musiche e canzoni originali:
Francesco Bottai

Produzione e collaborazione artistica:
I Sacchi di sabbia

E con la collaborazione del Museo della Grafica di Pisa

Questo spettacolo vuole essere un omaggio a Giuseppe Viviani, artista a tutto tondo.

Grande pittore, ma soprattutto grandissimo incisore, forse l’artista pisano per eccellenza del ‘900.
Attraverso la forma teatrale del racconto e della canzone, si vuole ripercorrere parte della sua biografia e raccontare il personaggio ai suoi estimatori, ma anche ai tanti che ancora non lo conoscono.
I pisani riconobbero tardi l’importanza della sua arte, solo nella seconda parte della sua carriera, ma oggi ci pare importante non dimenticarlo.
Cercheremo di raccontarlo in modo ironico, attraverso una surreale presentazione delle sue opere, con un narratore-critico d’arte sui generis e con l’evocazione di Viviani stesso.
Parleremo del suo rapporto con il territorio, con la caccia, la pesca.
Attraverso il racconto teatrale e le canzoni metteremo in luce la sua vita d’artista, a prima vista tranquilla, ma piena di paure e contraddizioni.
Poi, ci soffermeremo con la sua amicizia con lo scrittore lombardo Piero Chiara, che lo convince, già cinquantenne, a lasciare per un po’ la “sua” Marina di Pisa e a fare la sua vita di artista a Zurigo e a Parigi.
Sarà proprio questo viaggio uno dei temi dello spettacolo con i pisani che, come dice il Fucini, “un c’enno adatti per andà per er mondo a strapazzassi”. E il pisanissimo Viviani non smentisce l’indole indicata dal poeta, portando con sé in viaggio le sue fobie e le sue buffe paure. 


La rassegna di teatro “garbato” propone altre tre date.

29 febbraio. “Die Panne”, di Friederich Dürrenmatt. Con Valentina Bischi, Francesca Sardella e Angelo Lazos.

28 marzo. “Da zero a mille, o della memoria dannata di Pisa”. Di e con Paolo Giommarelli e Sergio Costanzo. Regia di Paolo Giommarelli. 

3 maggio. “Piantate in terra come un faggio o una croce”. La vita di Caterina da Siena e Beatrice di Pian degli Ontani. Di e con Elisabetta Salvatori.

Al violino, Matteo Ceramelli. Quest’ultimo spettacolo avrà luogo alla pieve di Pugnano.

I dettagli di ogni spettacolo, strada facendo.



Francesco Bondielli
ufficio stampa Molina mon amour
Facebook
3495472256



    
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: