none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
. . . o a Migliarino martedì?
scusate sapete come è andata l'assemblea dei soci .....
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Libri
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
Marina di Vecchiano
MARdiVE. La spiaggia del Parco.

19/1/2020 - 16:48

MARdiVE. La spiaggia del Parco.


L’evento a Marina di Vecchiano di sabato ha giocato uno scherzo alle previsioni meteo che davano pioggia. Tanti i messaggi, anche alle 7 del mattino, dei volontari che chiedevano se l’evento di pulizia veniva rimandato. La risposta ha sorpreso molti perché nonostante piovesse in molte zone, il meteo a Marina di Vecchiano ha voluto concedere spazio al bel tempo!

Tutti i partecipanti hanno potuto vedere ancora una volta la grande spiaggia libera, la magia di questo luogo con i suoi chiaro scuri, con l’odore di salmastro, con le Apuane a fare da cornice. Il sole ha accolto 150 volontari, guidati dagli intraprendenti Acchiapparifiuti, dagli energici di Sea Shepard e poi dai ragazzi della Lipu, di Legambiente, WWF e da tanti altri senza sigle che li identificassero.

I colori del mare d’inverno hanno fatto risaltare le sagome dei tanti che con i sacchi che sventolavano al vento hanno raccolto, selezionato, imbustato e ammucchiato tantissimi rifiuti, trasportati dal mare durante le ultime mareggiate e dalle ultime piene sia del Serchio che dell’Arno, più di 400 sacchi ritirati dagli operatori del Comune che hanno affiancato il lavoro dei volontari, sacchi di indifferenziato e di plastica e polistirolo, di pezzi di gommapiuma, tantissime bottiglie e tanti bastoncini dei cotton fioc. Ma anche tanto rifiuto di grosse dimensioni: taniche, pezzi di reti, scafi di barche, pezzi di motori, una bicicletta.

Tanti chilometri di spiaggia aggrediti da questi rifiuti, e il lavoro dei volontari non è stato sufficiente a liberare la spiaggia, ma è stato estremamente importante esserci, perché esserci non vuol dire solo mani che raccolgono, vuol dire cuori che battono per un disastro di cui siamo colpevoli con i nostri stili di vita, vuol dire pensieri che si scambiano su come si potrebbe fare per curare i sintomi e combattere le cause di questa malattia, vuol dire moltiplicare la sensibilità di chi da domani non solo andrà a MARdiVE, ma in qualsiasi altro posto.

La speranza è che esserci stati produca un dubbio, una messa in discussione dello stile di vita e del modo di abitare il mondo. Ecco che sabato 18 gennaio 2020, a Marina di Vecchiano, è stata molto di piu che una giornata di pulizia…Arrivederci presto!


Fonte: Mina Canarini ed altre/i
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




22/1/2020 - 10:23

AUTORE:
Coriandolo

Carissimi grazie!
Domenica mi son trovato casualmente a passeggiare sul molo a Lido di Camaiore e quello che ho visto nelle acque che ondeggiavano leggermente verso la battigia è demoralizzante! Non parlo di residui vegetali che poi si trasformano in palline ma di frammenti minuscoli di plastiche di involucri spezzettati che galleggiavano insieme a materiali di più grossa misura in quantità vergognosamente macroscopica...mi sono sentito un verme!!!