none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . si fanno proposte al contrario?
Velocizzare .....
Ma se il Serchio facesse una piena seria con tutto .....
E' APPENA USCITO IL SOLE
SIAMO IN DIVERSI CHE PARLIAMO .....
. . . qui se c'è qualcuno che scappa mi pare che tu .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Marina di Vecchiano
MARdiVE. La spiaggia del Parco.

19/1/2020 - 16:48

MARdiVE. La spiaggia del Parco.


L’evento a Marina di Vecchiano di sabato ha giocato uno scherzo alle previsioni meteo che davano pioggia. Tanti i messaggi, anche alle 7 del mattino, dei volontari che chiedevano se l’evento di pulizia veniva rimandato. La risposta ha sorpreso molti perché nonostante piovesse in molte zone, il meteo a Marina di Vecchiano ha voluto concedere spazio al bel tempo!

Tutti i partecipanti hanno potuto vedere ancora una volta la grande spiaggia libera, la magia di questo luogo con i suoi chiaro scuri, con l’odore di salmastro, con le Apuane a fare da cornice. Il sole ha accolto 150 volontari, guidati dagli intraprendenti Acchiapparifiuti, dagli energici di Sea Shepard e poi dai ragazzi della Lipu, di Legambiente, WWF e da tanti altri senza sigle che li identificassero.

I colori del mare d’inverno hanno fatto risaltare le sagome dei tanti che con i sacchi che sventolavano al vento hanno raccolto, selezionato, imbustato e ammucchiato tantissimi rifiuti, trasportati dal mare durante le ultime mareggiate e dalle ultime piene sia del Serchio che dell’Arno, più di 400 sacchi ritirati dagli operatori del Comune che hanno affiancato il lavoro dei volontari, sacchi di indifferenziato e di plastica e polistirolo, di pezzi di gommapiuma, tantissime bottiglie e tanti bastoncini dei cotton fioc. Ma anche tanto rifiuto di grosse dimensioni: taniche, pezzi di reti, scafi di barche, pezzi di motori, una bicicletta.

Tanti chilometri di spiaggia aggrediti da questi rifiuti, e il lavoro dei volontari non è stato sufficiente a liberare la spiaggia, ma è stato estremamente importante esserci, perché esserci non vuol dire solo mani che raccolgono, vuol dire cuori che battono per un disastro di cui siamo colpevoli con i nostri stili di vita, vuol dire pensieri che si scambiano su come si potrebbe fare per curare i sintomi e combattere le cause di questa malattia, vuol dire moltiplicare la sensibilità di chi da domani non solo andrà a MARdiVE, ma in qualsiasi altro posto.

La speranza è che esserci stati produca un dubbio, una messa in discussione dello stile di vita e del modo di abitare il mondo. Ecco che sabato 18 gennaio 2020, a Marina di Vecchiano, è stata molto di piu che una giornata di pulizia…Arrivederci presto!


Fonte: Mina Canarini ed altre/i
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




22/1/2020 - 10:23

AUTORE:
Coriandolo

Carissimi grazie!
Domenica mi son trovato casualmente a passeggiare sul molo a Lido di Camaiore e quello che ho visto nelle acque che ondeggiavano leggermente verso la battigia è demoralizzante! Non parlo di residui vegetali che poi si trasformano in palline ma di frammenti minuscoli di plastiche di involucri spezzettati che galleggiavano insieme a materiali di più grossa misura in quantità vergognosamente macroscopica...mi sono sentito un verme!!!