none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Caro sig. Gio' la facevo migliore. E invece è solo .....
Hai ragione, sono un bischero a confondermi ancora .....
IDV Toscana
none_a
di David Barontini portavoce M5S di Cascina
none_a
Il nostro é un ordinamento garantista non giustizialista
none_a
“Magari che ci metta lo zampino il coronavirus…”
none_a
Umberto Mosso‎ #SEMPREAVANTI Pistoia e provincia.
none_a
di Renzo Moschini, ex parlamentare
none_a
di Giovanni Greco coordinatore CascinaOltre
none_a
Calci
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
none_o
Iucca via! (si disse)

27/1/2020 - 9:05





Aver cercato di estirpar la yucca
è come mungere il toro invece della mucca.
Ruspe trattori e tanta gente
a far un lavoro senza arrivare e niente.
Perché? solo perché viene da lontano, la yucca?

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




27/1/2020 - 11:35

AUTORE:
Bruno della Baldinacca

...il ginepro coccolone essendo autoctono doveva ritornar padrone del proprio territorio, si ma dopo che è riapparso sulle dune.
Negli anni /60/70 Gioiello Orsini e poi dopo Emilio Spinesi fecero in buona fede i tentativi di fermare il disastroso dissesto causato da un enzima "ficcato" nelle nostre prime lavatrici elettriche che quel "troiaio sconosciuto" andando in mare poi ritornava con aerosol distruttivo fino al vivaio di piante di Giampiero del Masoni.
La jucca, l'olivonus e le tamerici galliche furono messe come frangivento e senza protezione come poi fu fatto dall'Oasi 1 fino la Bufalina dalla giunta Spinesi con l'allora bella cifretta di 220 milioni spiccioli e con il tentativo di lunghe file di stipa morta per fermare il vento letale per proteggere il pino d'Aleppo, l'olivonus ed altre frangivento.

A distanza di anni si è visto che aveva ragione il dottore agrario di Viareggio (che non ricordo il nome) ma sosteneva già a quel tempo che la natura lo sa da se come fare e che la prima protezione erano le piante grasse che poi tanto grasse non sono ma hanno il potere di fermare la sabbia alzata dai venti di libeccio e più si innalza la duna, più loro alzan la testa e vedendo la prospettiva dal ciglio del mare, non esistono alti fusti in prima fila (come nelle foto, i primi sdraiati o in ginocchio, poi i più grandi dietro)

...però si e visto che l'ameriana jucca non traversa la via del Balipedio perché le piante ad alto fusto la mettono "in ombra" e schianta!
Quando vidi i cartelli messi dal Parco con relativa spesa di euro 52mila per estirpare "l'infestante" giglio di Firenze come la chiamano alcuni la jucca gloriosa; dissi che eran soldi buttati via perché i rizomi poi risorgevano a Pasqua di ogni anno.
Certo, se eran pioppi, poi da vecchi facevano i pioppini, le querce i morecci...ma...fra le jucche si trovano: le morchelle rotunde, le rosselle, i cantharellus lutescens, i grasselli, i finferli, e...bellissime fioriture bianche fuori stagione; tutti i nuoci non vengon per male.

27/1/2020 - 10:54

AUTORE:
Meneghino

Se la yucca producesse qualche succulenta zucca
o potesse essere pascolo o foraggio per la mucca
gli si farebbe un'accoglienza più che fragorosa
perché si propaga facilmente e non è pretenziosa.
Per togliercela dalle palle serve tanto sale nella zucca!

27/1/2020 - 9:42

AUTORE:
Argene

Ma guarda un po' te se dall'America Latina
si deve subì una pianta sì fetente e meschina.
Ci si lamenta degli stranieri che non son turisti
perché considerati fardelli o gravosi acquisti.
Meglio il ballo latinoamericano che la yucca americanolatina!