none_o


Evento davvero memorabile a san Giuliano Terme il 25 luglio a partire dalle ore 18, all'interno del Fuori Festival di Montepisano Art Festival 2024, manifestazione che coinvolge i Comuni del Lungomonte pisano, da Buti a Vecchiano."L'idea è nata a partire dalla pubblicazione da parte di MdS Editore di uno straordinario volume su Puccini - spiega Sandro Petri, presidente dell'Associazione La Voce del Serchio - scritto  da un importante interprete delle sue opere, Delfo Menicucci, tenore famoso in tutto il mondo, studioso di tecnica vocale e tante altre cose. 

Che c'entra l'elenco del telefono che hai fatto, con .....
Le mutande al mondo non le metti ne tu e neppure Di .....
Da due anni a questa parte si legge che Putin, ovvio, .....
È la cultura garantista di questo paese. Basta vedere .....
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a: spaziodonnarubr@gmail.com
per pubblicare scrivere a spaziodonnarubr@gmail.com
di Matteo Renzi, senatore e presidente di IV
none_a
Da un'intervista a Maria Elena Boschi
none_a
Di Mario Lavia
none_a
di Roberto Sbragia - Consigliere provinciale di Pisa Forza Italia
none_a
Copmune di Vecchiano - comunicato delle opposizioni
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Mauro Pallini-Scuola Etica Leonardo: la cultura della sostenibilità
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
APOCALISSE NOKIA di Antonio Campo
none_a
Di Fabiano Corsini
none_a
Una "Pastasciutta antifascista"
none_a
Pontasserchio, 18 luglio
none_a
Pisa, 19 luglio
none_a
di Alessio Niccolai-Musicista-compositore, autore
none_a
Il mare
con le sue fluttuazioni e il suo andirivieni
è una parvenza della vita
Un'arte fatta di arrivi di partenze
di ritorni di assenze
di presenze
Uno .....
Nel paese di Pontasserchio la circolazione è definita "centro abitato", quindi ci sono i 50km/ h max

Da dopo la Conad ci sono ancora i 50km/ h fino .....
Arpat Toscana
Ambiente e salute, Campi elettromagnetici

30/1/2020 - 21:46

Ambiente e salute, Campi elettromagnetici


Promuovere la ricerca scientifica sui rischi da esposizione a campi elettromagnetici.


28/01/2020


L’Organizzazione mondiale della sanità dal 2000 ha intensificato gli studi sui risultati delle ricerche sui danni da parte delle radiofrequenze.


La presenza di campi elettromagnetici a radiofrequenze (RF) nella nostra vita quotidiana ha destato sospetti e timori di cancerogenicità nella popolazione soprattutto dall’avvento dei telefoni cellulari, ma gli studi scientifici in merito erano partiti già prima.


L’Organizzazione mondiale della sanità dal 2000 ha intensificato gli studi sui risultati delle ricerche sui danni da parte delle RF, analizzando il rischio di tumori della regione testa-collo, ipoteticamente più suscettibile per vicinanza fisica con il telefono.


A livello nazionale l’ultimo rapporto 2019 dell’Istituto Superiore di Sanità (Rapporti ISTISAN 19/11: Radiazioni a radiofrequenza e tumori: sintesi delle evidenze scientifiche – 08/2019)(Vedi pdf allegato) non modifica secondo l'Istituto il grado di rischio, per cui all’uso comune del cellulare non sembra sia associato l’incremento del rischio di alcun tipo di tumore cerebrale, ma mantiene il dubbio su possibili effetti sulla salute e chiede di intensificare gli studi.


A tale proposito si ricorda che lo IARC (l'Agenzia Internazionale per la ricerca sul cancro) ha abolito il Gruppo 4 (agente probabilmente non cancerogeno) nella tabella della valutazione dei rischio di tutti gli agenti inquinanti e i campi elettromagnetici sono stati classificati nel gruppo 2B (agenti possibilmente cancerogeni).


I tumori presi in esame nello studio dell'ISS sono il glioma, il neurinoma del nervo acustico, i tumori delle ghiandole salivari e i tumori dell’ipofisi. In circa 20 anni di ricerche mondiali, 4 studi epidemiologici hanno evidenziato un incremento dei casi di glioma e neurinoma acustico in relazione all’uso dei cellulari. Tuttavia, gli altri studi condotti non hanno evidenziato un rapporto di causalità tra queste malattie ed esposizione a RF e l’analisi delle serie storiche mostra un mantenimento delle percentuali di incidenza tumorale pressoché identiche a quelle precedenti all’epoca dei “telefonini”.


Quest’ultimo concetto vale anche per gli esperimenti in vivo sui topi e in vitro sul DNA. Problematiche di brevi periodi di osservazione, vista la questione troppo recente in ordine di tempo, continui progressi nella tecnologia dei telefoni cellulari (più RF nei primi modelli che negli smartphone attuali) e difficoltà a sovrapporre i risultati sul DNA di topo a quello dell’uomo, hanno reso questi studi difficili da confrontare e da riprodurre e complessi da interpretare.


In base a tutte queste informazioni, l’ISS conclude nel suo report che “Dal punto di vista delle implicazioni normative, a parere dell'OMS e di numerosi panel internazionali di esperti, le evidenze scientifiche correnti, sebbene non consentano di escludere completamente la possibilità di effetti a lungo termine dell’esposizione prolungata a bassi livelli di campi a radiofrequenza, non giustificano modifiche sostanziali all’impostazione corrente degli standard internazionali di prevenzione dei rischi per la salute.”


L'Italia si è dotata di una legge quadro e di decreti applicativi che limitano l'esposizione a livelli molto più bassi di quelli vigenti in altri paesi europei. Questo ha garantito livelli di esposizione della popolazione assai contenuti. L'azione di prevenzione basata sulla valutazione preventiva da parte delle agenzie per l'ambiente di ogni nuovo impianto da installare ha consentito uno sviluppo ordinato, pur nelle difficoltà di garantire con risorse calanti una continua vigilanza sul rispetto dei limiti.

 A cura di Alessia Marcocci, con il contributo di Gaetano Licitra



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri