none_o


Mi è capitato di leggere su FB un post di Massimo Cerri sulla situazione del lago di Massaciuccoli. Una specie di lettera del lago stesso che rievoca i bei tempi passati quando questo posto era zona di caccia, di pesca e di svago per tutti i vecchianesi. Altri post a commento confermano questa visione dell’abbandono di questo luogo ricordando, con una vena nostalgica, gli anni in cui non vi era nessun tipo di vincolo.

di Antonio Mazzeo, consigliere regionale
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Dico soltanto, che per ostentare e compiacersi della .....
Come sempre non riesco a capire un'acca negli scritti .....
Gentile Luisa, non la conosco ma la garbatezza dei .....
caro Ultimo, mai affermare di essere sicuri di qualcosa!. .....
Sant' Anna di Stazzema, Eros Tetti (Europa Verde Toscana)
none_a
Rafforzare il legame caccia-agricoltura
none_a
CascinaOltre
none_a
Per Forza Italia: Roberto Sbragia
none_a
Vincenzo Marini Recchia
none_a
di Giancarlo Lunardi
none_a
“colpa di privatizzazione e ‘monocoltura’ balneare”
none_a
MATTEO SALVINI INCORONA ELENA MEINI
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Sabato 8 febbraio alle 21 Sandro Ivo Bartoli porta in scena a Vecchiano il Quartetto D'Archi del Pucciniano
Il Festival Pucciniano all'Olimpia

5/2/2020 - 13:36

Il Festival Pucciniano all'Olimpia: sabato 8 febbraio alle 21 Sandro Ivo Bartoli porta in scena a Vecchiano il Quartetto D'Archi del Pucciniano 

 

“Cinquant'anni di musica”. È il titolo voluto dal pianista Sandro Ivo Bartoli per il concerto che terrà con il concorso del Quartetto d'archi del Festival Pucciniano al Teatro Olimpia di Vecchiano il prossimo 8 febbraio alle 21, un paio di giorni prima di festeggiare il suo cinquantesimo compleanno . “Ospitiamo come sempre con enorme soddisfazione una delle grandi eccellenze artistiche del nostro territorio”, affermano il Sindaco Massimiliano Angori e l'Assessore alla Cultura Lorenzo Del Zoppo. “Quinto appuntamento sui generis all'interno della rassegna teatrale di Teatro Musica e Arti Performative che il Comune di Vecchiano allestisce da ormai sette anni, l'evento promette una girandola di emozioni, musicali e non”.
«Ogni concerto racconta una storia – dice il celebre pianista – e questo non fa eccezione; ne racconta una bellissima: la mia, ossia quella di un uomo ordinario che si è ritrovato a vivere una vita straordinaria». Bartoli è uno dei massimi pianisti italiani in attività. Vecchianese, classe 1970, ha compiuto i suoi studi al Conservatorio di Firenze ed alla Royal Academy of Music di Londra prima di imbarcarsi in una prestigiosa carriera internazionale che lo ha visto protagonista di una vicenda artistica unica nel suo genere.

Affermatosi inizialmente come interprete del Novecento Storico italiano, del quale ha lasciato importanti testimonianze discografiche nelle monografie dedicate a Malipiero e Casella, ma soprattutto con le incisioni dei Concerti di Respighi e l'integrale dei Concerti di Malipiero con la quale vinse il prestigioso Diapason D'Or, si è poi distinto per le doti di non comune  virtuosismo che la sua pianistica ha dimostrato negli anni nei concerti di Rachmaninov, Ciajkovskij, Franck, Beethoven, Liszt, Chopin, Rubinstein e molti altri.
 
«I musicisti girano il mondo, è inevitabile, ma il cuore rimane sempre legato a casa; mi piaceva salutare i miei primi cinquant'anni nel teatro più vicino alle mie origini, fra amici, con la voglia di far sentire quei lavori che più di altri hanno segnato il mio cammino sin qui. Da anni collaboro con il Festival Pucciniano, insieme abbiamo inanellato tanti successi in Italia, in Germania, in Giappone,
 
da qualche tempo anche mia moglie collabora con la prestigiosa istituzione, ed aver potuto coinvolgere in questo piccolo divertimento musicale una delle più importanti realtà culturali del nostro territorio mi pare, di per sé, un bel regalo di compleanno».
 
Il programma ha un sentore viennese, e si aprirà con una magnifica Sonata di Schubert per violino e pianoforte, quella in la minore D 385: «è un piccolo capolavoro, ma è anche il primo pezzo che, anni fa, suonai assieme a colei che sarebbe diventata mia moglie, la violinista canadese Debra Fast. L'abbiamo ripresa recentemente per dei concerti nel nord Italia, e rimane un lavoro al quale, per ovvi motivi, entrambi siamo profondamente legati». A seguire il celeberrimo Trio in sol maggiore per pianoforte e archi detto “lo zingaro”, di Haydn. «Quando studiavo a Lucca questo fu il primo trio che mi capitò di eseguire. All'epoca il violinista era Enrico Bernini, che oggi milita nell'orchestra del Festival, e che con mio grande piacere sarà con noi sabato sera nella replica, circa 35 anni dopo, di quella significativa esperienza».
 
La seconda parte vedrà il grandioso Concerto in do maggiore K415 di Mozart, che l'autore stesso dedicò alla formazione di quintetto con pianoforte. «Avevo poco più di vent'anni quando lo suonai la prima volta a Londra, con i solisti della Philharmonia: il leggendario Hugh Bean e Rosemary Furniss ai violini, Roger Benedict alla viola e Andrew Shulmann al violoncello. Fu una serata memorabile, per me, e da allora lo ho avuto modo di riproporlo tante volte. In certe lettere, Mozart lo definisce un “concerto per le grandi occasioni”: il finale ideale alla nostra serata. Farlo a Vecchiano con il Quartetto d'archi del Festival Pucciniano, con Enrico Bernini e Debra Fast ai violini, Leonardo Bartali alla viola e Paolo Ognissanti al violoncello sarà un momento di grande soddisfazione».
Sandro Ivo Bartoli va in scena con il Quartetto d'archi del Festival Pucciniano al Teatro Olimpia di Vecchiano sabato 8 febbraio alle ore 21.  Biglietti interi €10, Ridotti €7, Ridotti Under 18 €1, in prevendita sui circuiti Box Office Toscana, TicketOne, e presso l'Edicola-Tabacchi Baglini, Piazza Garibaldi, Vecchiano.
L’Amministrazione Comunale ringrazia gli sponsor della stagione teatrale 2019-20 dell’Olimpia che sono: Orsini Franco SRL e Unicoop Firenze. La rassegna completa è disponibile sul sito www.comune.vecchiano.pi.it .
 
 Programma:
 
Franz Schubert (1799 – 1828)
Sonata in la minore per violino e pianoforte D385
         Allegro
         Andante
         Minuetto
         Allegro
 
Franz Joseph Haydn (1732 – 1809)
Trio in sol maggiore Hob. XV:25 “lo zingaro”
Andante
Adagio
Finale: Rondò all'Ongarese
 
intervallo
 
Wolfgang Amadeus Mozart (1756 – 1791)
Concerto per pianoforte e orchestra in do maggiore KV415 “a quattro”
Allegro
Andante
 
 
Rondò: allegro
 
 
QUARTETTO D'ARCHI DEL FESTIVAL PUCCINIANO
Enrico Bernini, violino
Debra Fast, violino
Leonardo Bartali, viola
Paolo Ognissanti, violoncello
 
SANDRO IVO BARTOLI, pianoforte
 

Fonte: Ufficio comunicazione-Comune di Vecchiano
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: