none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
. . . o a Migliarino martedì?
scusate sapete come è andata l'assemblea dei soci .....
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Libri
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
Pontedera, 10 febbraio
Whatsapp: pericoli e insidie dello strumento di comunicazione

8/2/2020 - 15:22

Whatsapp: pericoli e insidie dello strumento di comunicazione più usato dagli adolescenti

La Fondazione Charlie propone un incontro aperto a Pontedera

Whatsapp è senza ombra di dubbio uno strumento straordinario, che consente una comunicazione immediata ed efficace, l’invio di foto, video, link, messaggi vocali e la creazione di gruppi esclusivi. Tutti lo usiamo quotidianamente e siamo ben consapevoli delle opportunità e dei vantaggi che lo caratterizzano.

Non tutti però sono al corrente che l’utilizzo di Whatsapp, che è proprio uno degli strumenti maggiormente usati dagli adolescenti, è vietato ai minori di 16 anni. Dai dati Telefono Azzurro/Doxa del 2017, appare tuttavia che il 73% dei ragazzi al di sotto di 13 anni usa regolarmente whatsapp per comunicare con gli amici, con i compagni di scuola e con la famiglia.

Tale restrizione è motivata dai creatori della app come forma di protezione della privacy dei bambini, è stato tuttavia appurato che esistono molte situazioni relative all’utilizzo di whatsapp che possono generare ansia e sofferenze emotive non facilmente gestibili per un adolescente.

Lunedì 10 Febbraio alle ore 21 presso la Biblioteca Comunale G.Gronchi di Pontedera, nell’ambito del ciclo di appuntamenti promosso dalla Fondazione Charlie Onlus sul tema Adolescenza e Tecnologie  Digitali, avrà luogo un’interessante conferenza/dibattito, con ingresso libero e gratuito, per riflettere su come Whatsapp possa rappresentare un pericolo per gli adolescenti.

Insieme alla dott. Antonietta Sajeva, psicologa, che da anni si occupa di formazione per genitori e insegnanti ed è referente di uno sportello di ascolto psicopedagogico rivolto ad alunni, genitori e insegnanti,  cercheremo di esplorare, attraverso la sua esperienza diretta con gli adolescenti, quelle situazioni che possono rappresentare un problema per i ragazzi, che possono essere fonte di difficoltà o di malessere.

Spesso i genitori non sono al corrente di ciò che accade nella vita online dei propri figli, non sanno come proteggerli in caso di abusi subiti, né sono in grado di valutare obiettivamente se i propri figli si comportano correttamente.

In questo incontro tenteremo di individuare alcune dinamiche che possono portare a compiere atti di cyber bullismo, cercando di mettere a fuoco gli aspetti più critici e le situazioni in cui gli adulti possono e devono intervenire, per proteggere i propri figli, per educarli a utilizzare gli strumenti di comunicazione in modo consapevole e responsabile.

E’ importante per tutti, soprattutto per genitori ed insegnanti, soffermarsi a riflettere su questi temi, al fine di sviluppare maggiore sensibilità e consapevolezza, per individuare e trasmettere un’etica di comportamento applicabile nell’ambito dei social network, che non può assolutamente prescindere da un’educazione all’attenzione e al rispetto per gli altri.


 

    
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: