none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
. . . o a Migliarino martedì?
scusate sapete come è andata l'assemblea dei soci .....
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Libri
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
none_o
Le balene.

10/2/2020 - 21:07


Le bugie di Chiucco.


Dopo ogni libecciata, le donne e gli anziani andavano col carretto a rastrellare i pinuglioli che il vento aveva scosso. Formavano un tappeto soffice e rossiccio e l’odore della resina entrava nelle nari. Ammucchiavano nelle corti i pinuglioli per scaldare il forno del pane. La libecciata di primavera, durata tre giorni, era finita e Chiucco, preso il carretto, era andato nella pineta della marina. Non perse tempo e legò con la cordicella il cumulo raccolto, che sovrastava il carretto tanto che appena si intravedevano le ruote; ma il peso era di poco conto e Chiucco se ne veniva spedito e alle prime case del borgo comincio a salutare chi conosceva.
Che c’è al mare? — gli chiese qualcuno.
S’è arenata una balena-, lui rispose d’acchito, con una lunatica fantasia che gli altri solevano definire bugia perché non possedevano forse il privilegio del sentire poetico. Non si accorse della meraviglia suscitata.
La voce corse veloce e lo precedette e quando fu al campanile, vicino casa, chiese ad uno come mai tutta la gente andava di corsa verso il mare:
M’han ditto che sulla spiaggia s’e arenata una balena grossa.
— Aspetta un minuto, disse Chiucco, rimetto il carretto e vengo a vedella
anch’io-.


Stavo leggendo un delizioso libretto di Serafino Beconi: Torre del lago al tempo di Ferruccio di Deo, edito nel novembre 2001 dalla tipografia L’Ancora di Viareggio per conto della Circoscrizione n.1 di Torre del lago Puccini e mi sono venute in mente le vere balene spiaggiate sui nostri lidi. Sia il 26 febbraio 2011 che il 15 gennaio 2015, due grandi cetacei si sono arenati, morti, sulle nostre spiagge destando una notevole curiosità, minore per la prima spiaggiata in San Rossore, difficilmente raggiungibile e pattugliata dalle guardie, molto maggiore la successiva dato che il luogo era Lido di Camaiore e la rimozione fatta con riflettori e “concorso” di pubblico. Queste due le ho fotografate abbondantemente, ma a memoria mia c’è un'altra “balena” (era un capodoglio) che si arenò verso gli anni ’60 in San Rossore e mi ricordo ancora di esserci salito sopra e, ricordo maggiore dato che l’odorato è il più incisivo dei sensi, che “s’agganghiva dal puzzo”!
E chi ce l’aveva la macchina fotografica?
 Paparo, ma lui lavorava a pago e d’estate, quindi non restava che un “mago” migliarinese e chi se non Renato Moncini?
Dopo le foto del film girato a Bocca di Serchio, pubblicate su questa sezione qualche giorno fa, dalla South Carolina ne sono arrivate altre e fra queste c’era “questa”!


Andiamo ancora indietro per completare il quartetto fotografico: siamo a Massa, 5 settembre 1908, quel giorno, sulla spiaggia della marina di Massa Bondano c'erano centinaia di persone, carabinieri, barche, bandiere e... almeno un fotografo!
L'avvenimento fu così importante da farne cartoline e mandarle in giro per il mondo per allargare la strabiliante notizia.


In altri casi ci saremmo detti: alla prossima!
Stavolta: speriamo che non ci sia la prossima!

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




12/2/2020 - 14:05

AUTORE:
Fiona

Grazie Umberto...ma sono ancora più impressionata, penso a quanta sofferenza dobbiamo subire prima di salutare questo povero mondo...ma soprattutto povera bestia!

11/2/2020 - 11:15

AUTORE:
u.m.

...la curiosità intendo. Io, da maschio, ne ho da vendere!
Il pallone è lo stomaco gonfio di gas della fermentazione che lo ha estroflesso, addirittura dalla bocca!
Grazie per la curiosità e anche per la bella interpretazione della f.d.g.

qui ci sta:"alla prossima"!

11/2/2020 - 8:42

AUTORE:
Fiona

A parte la storicità delle immagini che impressionano sempre e comunque, mi desta la curiosità quella specie di pallone che si vede a ridosso dell'animale nella prima foto...potrei sapere di cosa si tratta?