none_o

Tornano i concerti Musikarte del Festival Musicale Internazionale Fanny Mendelssohn. Uno straordinario viaggio musicale, iniziato sette anni fa, un appuntamento ormai classico atteso con trepidazione da moltissimi appassionati. Artisti provenienti da 20 nazioni di tutto il mondo hanno portato la loro musica e il loro talento nelle dimore storiche del Lungomonte pisano, veri gioielli del nostro territorio, nei palazzi, nei teatri, nei musei della provincia di Pisa.

Invito alla partecipazione gratuita
none_a
ASBUC di:Vecchiano-Filettole-Nodica-Avane
none_a
La Redazione
none_a
Vecchiano
none_a
. . . o a Migliarino martedì?
scusate sapete come è andata l'assemblea dei soci .....
Non sta a me risolvere il caso, ci sono persone preposte. .....
Evisto? noi ci siamo chetati e te sei rimasto con il .....
Libri
none_a
Il sito degli "ARTISTI PISANI SCOMPARSI" per una significativa memoria culturale
none_a
Come Steve McCurry e l'afghana dagli occhi verdi nel 2002
none_a
Torna il 16 febbraio l’anteprima del Consorzio Vino Chianti e del Consorzio Tutela Morellino di Scansano
none_a
Soci Unicoop-UISP e Coop.Arh
none_a
Pisa, 1 marzo
none_a
Pontasserchio, 16 dicembre
none_a
Pontasserchio 22-23 febbraio
none_a
Pisa, 22 febbraio
none_a
L'Associazione il retone-presenta
none_a
Molina di Quosa, 16 febbraio
none_a
Ernesto va alla guerra
none_a
Il pettirosso è in procinto di partire
mentre la mimosa comincia a fiorire.
Esitano i narcisi dal color del sole
più audaci si mostrano le odorose .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Renzo Moschini
none_a
Riserva del Chiarone
none_a
SR-domenica 26 gennaio
none_a
Pisa, il segretario Pd passa a Italia Viva
Massimiliano Sonetti aderisce al partito di Matteo Renzi

11/2/2020 - 0:03

Pisa, il segretario Pd passa a Italia Viva, rivolta nei dem
Massimiliano Sonetti aderisce al partito di Matteo Renzi e nel Pd si scatenano tutti contro di lui: Mazzeo, Nardini, Pieroni

08 febbraio 2020

Il segretario Pd scappa con Renzi. E nei dem si rivoltano tutti. Zingarettiani, lettiani, pure gli ex renziani.

Succede a Pisa, dove sono ore di tensione. Il segretario provinciale del Pd, Massimiliano Sonetti, si è dimesso dall'incarico di partito intenzionato a aderire a Italia Viva. Lo ha annunciato lo stesso Sonetti in una nota per spiegare le motivazioni delle sue decisioni e dopo su Facebook ha pubblicato il logo del suo nuovo partito.

"Constato con amarezza - ha scritto Sonetti alla segretaria regionale del Pd Simona Bonafè - che ogni sforzo da me profuso, nella mia veste di segretario, per contenere la litigiosità interna al partito appare vano. Constato che ciò mi impedisce di scorgere un disegno unitario nella moltitudine contraddittoria delle voci che si levano sulle scelte fondamentali di questo cruciale momento storico". Secondo Sonetti, anche nel Pd pisano si avverte "la forte presenza di componenti politiche che stanno facendo proprie, di fatto, battaglie sbagliate, come quella sulla durata di un processo, che deve essere ragionevole come stabilisce la stessa Costituzione: è l'emergere di una rincorsa verso un ambiguo populismo, esattamente il contrario di quello che un partito, che abbia a cuore la democrazia e il progresso civile, dovrebbe fare".

Nel Pd è rivolta. A partire proprio dagli ex renziani come Antonio Mazzeo, consigliere regionale dem: "Quello che sta accadendo in queste ore a Pisa, con il segretario provinciale del Pd che decide di andarsene in Italia Viva soltanto per una propria candidatura al Consiglio regionale, è quanto di più distante ci sia dal mio modo di fare e vivere la politica".

 

"La verità è che Sonetti, oltre ad essere il segretario della sconfitta del centrosinistra a Pisa, è colui che ha tenuto inchiodato il partito per interessi personali, facendosi scivolare addosso critiche pesanti di Sindaci e amministratori sul suo operato" tuona pure il lettiano Andrea Pieroni.

E Alessandra Nardini, zingarettiana, anche lei pisana e consigliera regionale: "Quando guidi una comunità politica devi rispettarla, devi vivere questo ruolo come un servizio, non usarlo finché pensi possa far comodo, saltellando da una parte all'altra a seconda delle convenienze e abbandonandolo quando realizzi che puoi ottenere una prospettiva migliore altrove".

Fonte: La Repubblica-Firenze
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: