none_o

 

 

Questo sembra un articolo scritto a quattro mani, in realtà è solo il frutto di uno scambio di email tra chi scrive e uno scienziato e amico lontano, Guido Tonelli, che naturalmente, non ha alcuna parte nella stesura finale. Gli errori di questa chiacchierata tra amici sono miei. Grazie agli amici della Voce per avermi ridato l’opportunità di scrivere in questo spazio.

#InsiemePossiamoFarcela
none_a
#Covid19 #EmergenzaCoronavirus
none_a
UNICOOP FIRENZE
none_a
#Covid19 #EmergenzaCoronavirus
none_a
"avere o non avere".
(prima che red traduca). (grazie .....
«Io rispetto l'opinione di Angela Merkel con la quale .....
Coronavirus, studio dell’Imperial .....
mi permetta di farle due volte i complimenti:
la prima .....
Libri
none_a
Cosè un ATM e un BANCOMAT
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
I "raccontini" di Michele
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


Si presentava alla gara con ben 27 atlete.
none_a
PISA OVEST
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
La pesca nel lago
(1976)

Ugo:- Come è ita Dreino?

Drea:- Dai 'n occhiata,
con venti nasse .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
di Umberto Mosso
CHE COSA HA IN TESTA RENZI?

19/2/2020 - 12:42

CHE COSA HA IN TESTA RENZI?


Questo è l’interrogativo che oggi tutti i media pongono all’opinione pubblica. L’intento, però, non è quello di dargli una risposta realistica, ma di alimentare la confusione in testa all’opinione pubblica.
La disabitudine, per alcuni l’inclinazione “industriale”, a dare un giudizio su Renzi a prescindere da quello che fa e dice, è diventata ormai lo standard professionale che assicura più facilmente il pane e il companatico. Pezzi di maniera, scritti con la benda sugli occhi e i tappi nelle orecchie, in una stanza al buio e con la mano sinistra. La premessa è che, essendo l’uomo inaffidabile e imprevedibile, puoi scrivere qualunque cosa perché chi legge, condizionato così da anni, si beve tutto senza usare la testa.
Giornalisti, opinionisti, retroscenisti, professori, verrebbe da aggiungere “macchinisti, fuochisti, facchini, uomini di fatica”, come Totò con l’onorevole Trombetta, trasformati in maghi Otelma con la sciarpetta del tifoso, nelle redazioni trasformate in succursali di una qualche curva.
Scrive oggi uno dei commentatori ritenuti più influenti “Renzi ha tenuto in ostaggio la commissione giustizia fino a quando la maggioranza non ha trovato una soluzione unitaria sulle intercettazioni accettata anche (sic) da Italia Viva.” In questa frase c’è tutto quello che va capito.
C’è una proposta di legge che modifica i decreti sicurezza, c’è una maggioranza che, secondo la linea “dobbiamo dimostrare al pubblico che Italia Viva è ininfluente”, concerta le cose senza condividerle coi “renziani”, ma pretende che questi vi si allineino senza battere ciglio, magari in cambio di qualche favore sottobanco. Poi c’è “anche” un partito, sarà piccolo, ma vero, che notoriamente ha le sue idee nel merito di ogni cosa e che intende far valere le sue ragioni. Legittimamente, come gli altri.
Si dà il caso che discutere nel merito con Italia Viva non sia ritenuto conveniente. Perché almeno nove volte su dieci quelle ragioni sono forti e utili per il Paese. Ma, ohibò dicono i geni della politica, se lo facciamo e passa una proposta “renziana”, quelli mettono la bandierina e noi che figura ci facciamo? A lungo andare la gente si accorge che non sono corsari su una filibusta, ma gente seria e competente, e noi risultiamo essere i minus habens che siamo! Meglio insistere facendoli incazzare, così possiamo dire che sono polemici, imprevedibili, inaffidabili, che mettono a rischio il governo che pure hanno voluto. La batteria mediatica è già caricata a molla, i tifosi seguiranno.
Chi si è assuefatto alla cattiva politica avrà un nemico per distrarsi. Poi magari protesterà contro l’immobilismo e voterà a destra. Ma vi pare normale che, in questo quadro, la domanda indotta all’opinione pubblica dal mainstream politico-mediatico sia “Che cosa ha in testa Renzi?”. La domanda più semplice alla quale rispondere, per eludere l’informazione e il giudizio nel merito delle proposte di riforme di Italia Viva. Magari discutendone, prima, in maggioranza, come quelle degli altri.
Rispondo con un’altra domanda. Se la persona con la quale condividete la vita, il governo è la vita del Paese, si comportasse in modo così infingardo con voi, tentando inutilmente di umiliarvi, che fareste?

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: