none_o


Mi è capitato di leggere su FB un post di Massimo Cerri sulla situazione del lago di Massaciuccoli. Una specie di lettera del lago stesso che rievoca i bei tempi passati quando questo posto era zona di caccia, di pesca e di svago per tutti i vecchianesi. Altri post a commento confermano questa visione dell’abbandono di questo luogo ricordando, con una vena nostalgica, gli anni in cui non vi era nessun tipo di vincolo.

Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Massimiliano Angori Sindaco
none_a
. . . . . . . . . . . . . . . . siano tanti . . . .....
. . . . . . . . . . . . è concavo o convesso? Riflettendoci .....
San Lorenzo, io lo so perché tanto
di stelle per .....
. . . . . i parlamentari.
Sicuramente quei 5 avevano .....
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
CULTURA E SPETTACOLO a cura di Giulia Baglini
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
Appello di Frei Betto
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


#VecchianoSport #Calcio
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Pisa, 7 marzo
"La sposa guerra” di Annick Emdin

2/3/2020 - 17:32


 
Un viaggio nel Novecento, voci dimenticate che riprendono vita.

È “La sposa guerra” di Annick Emdin che sabato 7 marzo alle 21 si esibirà insieme a Francesca Orsini sul palco del Teatro Nuovo  con scenografie e costumi di Simone Ricci e musiche di Lorenzo Ughi alla chitarra ed Elisa Manfredi al pianoforte.

Le canzoni, tutte originali, sono affidate alla bellissima voce di Francesca Orsini.
 
“La sposa guerra” prende ispirazione da Pippa Bacca, artista che attraversò in autostop, nella sua performance  “Spose in Viaggio”, undici paesi teatro di conflitti armati. 
 
Sul palco, una sposa e una guerrigliera si alterneranno in monologhi ispirati a personaggi di fantasia o realmente esistiti, raccontando i  diversi ruoli delle donne nelle guerre del Novecento. 
 
Lo spettacolo di narrazione teatrale è realizzato dall’associazione Levana in collaborazione con Il gabbiano e con il contributo della Fondazione Pisa e del Teatro Nuovo.

Levana è un’associazione nata a Pisa ma attiva a livello internazionale che opera in diversi ambiti artistici legati alla crossmedialità.

 

I biglietti di “La sposa guerra” sono in prevendita su https://www.ciaotickets.com/. 
 
È il quarto spettacolo a vedere unite le due giovani artiste, la cui collaborazione era iniziata con Matrioska nel 2012, uno spettacolo su Sabine Spielrein, per proseguire con Bambole Usate, che racconta la condizione femminile nei rapporti umani, e Medea, una rilettura del mito in chiave contemporanea.

Tutte le pièce sono uscite dalla penna di Annick, la  quale si è formata all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico e ha firmato, oltre agli spettacoli, anche un film e due romanzi, uno dei quali, Lividi, edito da Edizioni Anordest nel 2013.
 
Francesca Orsini ha una doppia formazione come attrice e come cantante.

Calca le scene dal 2007 ed è apparsa  in numerosi film e sceneggiati televisivi, tra cui I delitti del Barlume.

Ha collaborato, tra gli altri, con Giorgio Lopez, Renato Raimo, Boldi e Infascelli.

È la cantante nel gruppo musicale I fangoraro, fondato da Lorenzo Ughi, che è compositore e chitarrista.

La rockband si è formata nel 2003, con la produzione di dischi originali come Rodando l’amor (2010) e Danzieri (2012) e ha poi incluso Francesca come cantante nel 2014, con la produzione di Malapassione (2016) ed Elisa Manfredi, polistrumentista, nel 2020. Elisa, diplomata in chitarra elettrica presso l’Accademia Lizard, prima di entrare nei Fangoraro, ha suonato con The Margot, The Butterfly e alcune tribute band (The Doors, Muse).
 
Le scenografie e i costumi sono curati da Simone Ricci, diplomato in scenografia presso l’Accademia di Belle Arti di Firenze, autore, tra l’altro, delle scenografie de Il Cammino di Ferro (A. Chiti).
 
La bella immagine della locandina è firmata da Domitilla Ferrara.

 

 

    

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: