none_o

 

 

 

 

 

Tentativo di risposta alla domanda di un mio ex alunno, leggendo gli articoli che più mi hanno colpito in questa settimana, ripensando ad alcune poesie che si studiano anche in terza media e immaginando un altro mondo possibile.

Purtroppo è così, l'Italia pare dividersi in furbi .....
Meno male che ci pensa la Regione, sui divieti alle .....
. . . un 3% di "imbechilli" c'erano già al tempo del .....
Enrico Rossi, giustamente, ha detto che oggi fara'un'ordinanza .....
di Giulia Baglini
none_a
Baragli: "Export quasi cancellato, serve liquidità ora o non ripartiremo"
none_a
Libri
none_a
Cosè un ATM e un BANCOMAT
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


Si presentava alla gara con ben 27 atlete.
none_a
PISA OVEST
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
La pesca nel lago
(1976)

Ugo:- Come è ita Dreino?

Drea:- Dai 'n occhiata,
con venti nasse .....
Ottima la raccolta degli stralci a Migliarino da parte di Geofor. Brava l'Amministrazione che ha sollecita il servizio precedendo la richiesta di numerosi .....
none_o
San Rocco e i cocomeri.

17/3/2020 - 21:32


Alessandro Manzoni nel suo romanzo ci descrive con realismo e poesia incomparabili il flagello della peste che nel 1630 colpi tutta l’Italia. Questa terribile epidemia riapparve in Toscana, con una virulenza eccezionale, nel 1633, mietendo anche a Cascina numerose vittime.

Di per sé stessa tremenda, la peste aveva effetti indotti altrettanto gravi e dannosi.

La paralisi dei commerci: nessuno più si avventurava in viaggi, né si ammettevano forestieri entro la cinta muraria, così che venivano a mancare viveri e mercanzie.

La carestia: la gente stava chiusa in casa per paura del contagio, trascurava le normali attività produttive, limitandosi al minimo indispensabile, e nascondeva agli altri eventuali scorte di viveri.

Il sospetto: le persone diffidavano le une delle altre, timorose - era l’ipotesi migliore -  che il proprio vicino potesse essere contagioso, quando poi non si scatenavano in una fanatica caccia all’untore, il capro espiatorio dell’impotenza contro il male, della superstizione e dell’ignoranza.

In questo contesto gli antichi cascinesi cercarono nella fede l’ultima ancora di salvezza e si rivolsero a S. Rocco — la Chiesa lo ha sempre indicato come protettore contro le epidemie — perché salvasse la città dalla distruzione. E il santo esaudì le preghiere.

La riconoscenza del popolo eresse nel Santuario della Madonna dell’Acqua un altare in onore del santo, alla cui base c’è un’iscrizione in latino che suona così: “Questo altare fu innalzato con le offerte di pie persone l’anno della salvezza 1633, nel quale un gran numero di cittadini di Cascina fu ammalato di un grave morbo contagioso”.

Da allora i cascinesi presero a ringraziare S. Rocco per il suo intervento miracoloso. 

LA FESTA DEL COCOMERO

Il canto che esce dal Santuario della Madonna dell’Acqua si spande all’intorno nella campagna assolata e silenziosa di metà agosto. La melodia si fa ora più forte ed e udibile a tratti anche da S. Giovanni alla Vena, sull’altra riva dell’Arno, da Cascina e da Fornacette: i fedeli sono usciti dal tempio, preceduti da un buon numero di preti paludati a festa, il sudore che scorre a rivoli sulle guance arrossate, e si sgranano cantando in una processione che attraversa il prato, percorre un piccolo tratto della via Fiorentina e poi rientra in chiesa.

È una processione che viene da lontano, vecchia nel tempo: è la processione delle reliquie di S. Rocco, che il popolo di Cascina venera e onora da quando, nel 1633, gli si rivolse perché facesse cessare l’epidemia di peste che minacciava di sterminare gli abitanti della città.Terminata la funzione religiosa, la gente sciama sul prato antistante il Santuario e sulle vicine rive dell'Arno. Dai cesti che le donne hanno al braccio saltano fuori pane, prosciutto, formaggio e vino. I numerosi banchi disseminati all'intorno offrono — a pagamento, s’intende — dolci, bibite e soprattutto cocomero, il fresco frutto di stagione che col tempo e andato caratterizzando, dandogli anche il nome, la festa di S. Rocco.

I ragazzi, sul prato, corrono, mangiano, giocano. Gli uomini bevono, fumano e ragionan d’affari. Le donne intessono chiacchiericci, l’occhio attento a che i figli non si faccian male e agli uomini non manchi niente. Si fa sera, si chiamano i ragazzi e a gruppi si torna, a piedi come si era venuti, verso Cascina.

È  questa una descrizione che più o meno si adatta a una qualsiasi festa di S. Rocco, o del cocomero, dalla prima meta del '600 fino agli anni precedenti la seconda guerra mondiale. Nel dopoguerra la festa si è spenta e oggi è morta: la gente va al mare e ai monti, i santi vengon lasciati tranquilli in Paradiso e la peste non si sa cosa sia. Resta il cocomero, l'aspetto di festa popolare che in passato affiancava quella religiosa, e resta anche — fortunatamente — la voglia di ritrovare antiche radici perdute. In quest'ottica l’Amministrazione comunale di Cascina sta cercando da qualche anno di far rivivere, ai primi di settembre, quando cioè tutti o quasi sono rientrati dalle ferie, questa antica festa, pur limitatamente al cocomero.

 

Tratto dal libro “Beppe der Cei” di Paolo Vestri, Pacini editore, febbraio 1986

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: