none_o

 

 

Questo sembra un articolo scritto a quattro mani, in realtà è solo il frutto di uno scambio di email tra chi scrive e uno scienziato e amico lontano, Guido Tonelli, che naturalmente, non ha alcuna parte nella stesura finale. Gli errori di questa chiacchierata tra amici sono miei. Grazie agli amici della Voce per avermi ridato l’opportunità di scrivere in questo spazio.

#InsiemePossiamoFarcela
none_a
#Covid19 #EmergenzaCoronavirus
none_a
UNICOOP FIRENZE
none_a
#Covid19 #EmergenzaCoronavirus
none_a
"avere o non avere".
(prima che red traduca). (grazie .....
«Io rispetto l'opinione di Angela Merkel con la quale .....
Coronavirus, studio dell’Imperial .....
mi permetta di farle due volte i complimenti:
la prima .....
Libri
none_a
Cosè un ATM e un BANCOMAT
none_a
Incontrati per caso
di Valdo Mori
none_a
I "raccontini" di Michele
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


Si presentava alla gara con ben 27 atlete.
none_a
PISA OVEST
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
La pesca nel lago
(1976)

Ugo:- Come è ita Dreino?

Drea:- Dai 'n occhiata,
con venti nasse .....
Buongiorno, abito in Via Paganini a Colignola, quotidianamente percorro le strade bianche nelle vicinanze fino ad arrivare ad Asciano, lungo i condotti. .....
Gli ingegneri clinici: “Problemi di approvvigionamento” In tutta la regione c’è un team di circa 60 ingegneri che garantisce il corretto funzionamento di tutti i macchinari
Coronavirus, in Toscana richiesti 540 ventilatori per terapia intensiva.

24/3/2020 - 13:04


Coronavirus, in Toscana richiesti 540 ventilatori per terapia intensiva. Gli ingegneri clinici: “Problemi di approvvigionamento” In tutta la regione c’è un team di circa 60 ingegneri che garantisce il corretto funzionamento di tutti i macchinari


Firenze, 24 marzo 2020 - Sono 540 ventilatori richiesti per reparti di terapia intensiva di tutta la Toscana, ma non ci sono aziende in grado di metterli a disposizione in tempi brevi. L’Ordine degli Ingegneri della Provincia di Firenze raccoglie e si fa portavoce delle osservazioni che arrivano dagli ingegneri clinici e dai professionisti  che lavorano nelle aziende del settore medicale, impegnati in prima linea nella lotta contro il coronavirus. “C’è un problema di produzione e di tempi - dichiara il presidente dell’Ordine, Giancarlo Fianchisti -  le aziende, quasi tutte all’estero,  non ce la fanno a mantenere questi ritmi e le informazioni che vengono fornite sui termini di consegna non sono certe”.
Dopo l’aggiudicazione in tempi record della gara Consip, le aziende sanitarie toscane cercano di rifornirsi di un numero sempre maggiori di ventilatori attraverso Estar, l’ente di supporto tecnico-amministrativo regionale. L’approvvigionamento di macchinari tecnologici per terapia intensiva diventa così una corsa contro il tempo.

“Gli ingegneri clinici in tutta la Toscana sono in prima linea - continua Fianchisti -  e lavorano senza sosta in questa emergenza per garantire il corretto funzionamento di macchinari e di tecnologie vitali per le persone malate”. In tutta la regione c’è un team di circa 60 ingegneri che, con il supporto dei tecnici,  garantisce il corretto funzionamento di tutti i macchinari, compresi quelli per sale operatorie e terapia intensiva e sub-intensiva, si occupa del  collaudo dei nuovi strumenti e ha piena conoscenza del parco macchine.

“Soprattutto in questi ultimi giorni, con gli ambulatori chiusi, si è lavorato a pieno regime per trasferire i macchinari utili nei reparti messi a dura prova dell’emergenza sanitaria e, in stretta collaborazione con il personale sanitario, si è riusciti a massimizzare le tecnologie a disposizione adattandole alla situazione di emergenza. Un lavoro enorme con medici e infermieri  -  conclude il presidente dell’Ordine della provincia di Firenze - che sta mostrando la grande capacità di reazione di tutto il sistema sanitario. Il problema di approvvigionamento diventa cruciale e richiede uno sforzo ulteriore a un sistema già allo stremo”
 
Gli ingegneri clinici iscritti all’Aiic-associazione italiana ingegneri clinici oggi sono circa 1.700, più della metà dei quali lavora presso i servizi ospedalieri. Una professione in crescita e giovane, come rileva la fascia di età prevalente: l’83% dei professionisti ha meno di 40 anni.


 
-- Clara D'AcuntoCel. +39 338-4706653Mail.

 ufficiostampa@gallitorrini.comLorenzo Galli TorriniCel. +39 333-3222377Mail. lorenzo@gallitorrini.com

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: