none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . non è difficile da capire. Ho parlato di tutor .....
. ". . . e io che credevo che Marcella fosse autonoma, .....
TRIPLICATA , la remunerazione di Tridico, sia i 5stelle .....
. . . ni vien la tosse.
Caro Civico, ammesso che .....
Villa di Corliano, 4-10 ottobre
none_a
Corso di Scrittura Creativa
none_a
Pisa, 3 ottobre
none_a
Villa di Corliano, 4 ottobre
none_a
San Giuliano Terme
none_a
Molina di Quosa, 29 settembre
none_a
Molina di Quosa, 25 settembre
none_a
Marina di Pisa
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
di Umberto M‎
(R)ESISTERA’ L’ITALIA DOPO IL 2020?

25/3/2020 - 13:31

(R)ESISTERA’ L’ITALIA DOPO IL 2020?

 

Oggi ci sembra lontano, ma il “dopo” arriverà relativamente presto. Se ne avvertono i segnali e per molti aspetti è già qui.

Siamo, giustamente, impegnati sul fronte sanitario. Bene così, con tutti i pregi dimostrati, ma anche con i limiti, che possiamo superare in corsa se la “regia” si aprirà alle migliori idee, mettendosi all’altezza delle grandi competenze e disponibilità collaborative delle quali il nostro Paese è ricco. Ma non possiamo rimandare al “dopo” un ragionamento e decisioni per fronteggiare, già oggi, una crisi economica che si preannuncia come la più grave, per ampiezza e profondità, della nostra storia. Il rischio è che quanti saranno risparmiati dall’epidemia, diverranno vittime di condizioni economiche e sociali insostenibili. Con tutte le conseguenze umane e di tenuta della democrazia facilmente immaginabili.

Ha fatto bene il Presidente Mattarella a richiamare alla memoria lo spirito unitario che caratterizzò lo sforzo della ricostruzione nei primi anni del secondo dopoguerra. Sarà bene ricordare che in quegli anni, tra il ’43 e il ’48, ci furono ben nove governi i quali, tuttavia, riuscirono a garantire la stabilità necessaria non solo per fondare la Repubblica democratica, con la sua Costituzione e le prime elezioni libere e universali, ma anche a mettere le basi per la rinascita economica. Quei governi, presieduti da Badoglio (2), Bonomi (2), Parri (1) e De Gasperi (4), erano tutti governi di Unità Nazionale, cioè con la partecipazione di tutte le forze politiche, dai monarchici ai comunisti.Quando ci diciamo che niente sarà come prima non possiamo nasconderci che, in queste settimane, un Paese che vuole continuare ad esistere non solo deve abbandonare anche gli schemi politici del “prima”, ma deve capire dove andare economicamente in un “dopo” che è già qui. Perché la pandemia era imprevedibile, ma la crisi economica globale che sta arrivando è tutta già prevedibile nelle sue linee generali ed è già oggi possibile prefigurare gli scenari futuri e le relative misure da prendere con tempestività.

Tutte le Agenzie internazionali specializzate prevedono un crollo del nostro Pil che potrebbe arrivare fino al – 11,6% nel 2020. Se questo accadesse è immaginabile in quale panorama sociale verremmo precipitati. Così come sono immaginabili i contraccolpi sulla stessa tenuta democratica del Paese.Ma dobbiamo sapere che il fronte interno risentirà di quello mondiale, nel quale una Italia indebolita diventerebbe una facile preda, da parte di Stati e soggetti economico-finanziari sovranazionali, ai quali faceva gola già prima della pandemia. Si veda, ad esempio, il ruolo dell’Eni insidiato nel Mediterraneo e in Africa sia dalla Russia che dalla Turchia. E l’Eni è un asset strategico non solo per la nostra indipendenza energetica, ma per la nostra indipendenza senza aggettivi.

Mai come in questo frangente abbiamo bisogno di una Unione Europea nuova e più forte. Le misure messe in campo dall’UE hanno recuperato il ritardo di comprensione della gravità evidenziato dieci giorni fa. Ma non bastano. Il nostro interesse è per un cambiamento profondo dell’UE, al quale diversi Paesi resistono, chi chiudendosi a difesa dei propri “risparmi” dalle “pretese” delle economie eccessivamente indebitate come quella italiana, chi profittando della crisi per accentuare la stretta contro la democrazia, come in Ungheria. Sarà una battaglia durissima anche su questo fronte vitale, perché nessuno potrà farcela da solo. Ma per farlo dovremo garantirci il massimo possibile della coesione interna, sia sociale, sia politica.Dunque se vogliamo seguire la moral suasion di Mattarella, soprattutto se vogliamo garantirci le migliori condizioni per vincere una guerra economica dura e che potrebbe durare a lungo, tutte le forze politiche dovranno impegnarsi, trovando nell’emergenza alcuni punti di incontro. Perché è evidente che per affrontare con speranza di successo quella guerra ciò che abbiamo in campo oggi, pure con le migliori delle intenzioni, non può bastare. Non so dire in quale forma e in che modo, non spetta a me farlo, ma sono convinto che presto occorrerà combattere in forme nuove, come è nuovo lo scenario economico che già si profila.

Che ogni forza politica si misuri alla luce del sole, le persone valuteranno. Abbiamo donne e uomini in grado di farcela, enormi risorse umane e competenze. Abbiamo un popolo che, se non diviso dalla ricerca individualista di obbiettivi particolari o da quella ossessiva di una impossibile rivincita di opposte ideologie, ma unito da una convincente rappresentazione dell’interesse nazionale, può vincere qualunque avversità.

Parliamone seriamente.

Senza anatemi.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: