none_o

 

 


Questa volta Finalmente domenica! la scrive Bruno Ferraro, il nostro inviato speciale a Auckland, nel caso ci fosse qualche appassionato/a velista tra i lettori e le lettrici di questa rubrichetta o, se non ci fosse, per gli amanti di spiagge e di isole vulcaniche.

Massimiliano Angori Sindaco
none_a
Mercato Di Pisa
none_a
di Andrea Epifori
none_a
le modalità di distribuzione sono totalmente online
none_a
male, lo scorso anno si pagava, dalle 8. 00 alle .....
Perché, a marina di pisa quanto costa? Poi a marinadipisa .....
Salve a tutti.
3 mesi di lockdown chiusi in casa .....
Beh' se questi post sono pubblici e firmati con nome .....
Intervista a Paolo Ghezzi
none_a
Nardini (Pd): "Il mitico scooter è inimitabile"
none_a
A cura di: Pensieri Vivaci (Pino Vincenzo)
none_a
Assistenti civici, il prefetto Serra
none_a
Bando assistenti civici, scontro nel governo.
none_a
La giustizia al tempo del Covid 19
none_a
CascinaOltre
none_a
di Umberto Mosso (da leggere per gli schifiltosi)
none_a
La Mossa del cavallo
none_a
MdS Editore
none_a
Siamo nuovamente aperti, per voi!
none_a
Sabrina Banti
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
Misericordie d'Italia
none_a
Triste evento a Pontasserchio
none_a
Pisaciclabilenotizie
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


di Marlo Puccetti
none_a
BRUNO FIORI, PRESIDENTE PISA OVEST
none_a
Si presentava alla gara con ben 27 atlete.
none_a
PISA OVEST
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Buona sera a tutti,
dopo il COVID 19, riprendiamo da dove eravamo rimasti, al 17 Febbraio 2020, quando all'imbrunire nella sede dell'ASBUC di Vecchiano .....
di Giulia Baglini
Remaschi: "Salvaguardare la montagna e la filiera agricola.

7/4/2020 - 16:53

Remaschi: "Salvaguardare la montagna e la filiera agricola. Risorse regionali, nazionali ed europee per far ripartire l'economia rurale"

Focus sulla montagna pistoiese e sul florovivaismo. Parla l'assessore regionale Marco Remaschi

 
 Dalle analisi sui dati epidemiologici del Coronavirus in Italia è emersa in questi ultimi giorni la narrazione di una cosiddetta fase due, di una lenta ripartenza che dovrebbe coinvolgere gli attori economici del nostro Paese. Nella provincia di Pistoia esiste una vasta area montana che negli anni ha dimostrato attaccamento alle proprie radici e capacità di innovazione. Siamo sicuri che la nostra montagna pistoiese riuscirà ad affrontare e superare questa crisi. Per capire meglio di quali strumenti istituzionali può usufruire questo territorio, abbiamo raccolto la testimonianza di Marco Remaschi, Assessore Regionale con delega all’Agricoltura e alle Politiche per la Montagna   
Il 27 febbraio scorso è stato presentato a Campo Tizzoro il Marchio d’Area della Montagna Pistoiese. In attesa di una lenta ripartenza e della cosiddetta fase due, come pensa che possa essere sfruttato al meglio questo strumento? 


Il Marchio d’Area della Montagna Pistoiese riguarda lo sviluppo e la valorizzazione complessivi di una zona omogenea sotto vari aspetti: permette di fare sistema, di mettere in rete non solo le parti istituzionali ma anche i vari operatori del territorio, dagli agricoltori, ai commercianti, dagli artigiani ai titolari di strutture ricettive. 
Oggi più di ieri si capisce che fare rete e stare insieme produce degli effetti positivi.  Emerge la cosiddetta innovazione di processo: fare attività stando insieme produce una riduzione dei costi di carattere generale e genera anche una migliore visibilità sul mercato. E’ fondamentale, quindi, valorizzare complessivamente un'area per tutte le sue bellezze, da quelle paesaggistiche  a quelle ambientali, architettoniche e rurali.
 
L’Ecomuseo della Montagna Pistoiese ha fatto da capofila al progetto del Marchio d’Area. Tutti speriamo che riprenda al più presto la sua eccellente attività di promozione turistica della montagna
Credo che nessuno di noi abbia mai vissuto un’emergenza del genere. Dobbiamo intanto superare questa prima fase dal punto di vista sanitario e poi vedere come ripartire.

A mio modo di vedere le aree rurali saranno un forte elemento di attrazione nella fase post-emergenziale, in quanto le persone tenderanno a non aggregarsi nelle città d'arte secondo i canoni del turismo di massa. Di conseguenza, lo sviluppo delle aree rurali rappresenterà una grande opportunità di ripartenza per il settore turistico.
 
Un focus sulle aziende agricole della montagna. Quali strumenti di sostegno proporrà la Regione per alimentare la ripresa?Già in passato abbiamo messo in campo diverse risorse finanziarie, come quelle del Programma di sviluppo rurale del Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale 2014-2020, ma anche risorse di carattere regionale. Oltre a questo c’è bisogno di investimenti,  di capitali freschi e di idee innovative. Devo dire che su tale aspetto stiamo trovando soddisfazione: ci sono tanti giovani che hanno deciso di ritornare sui territori rurali, investendo risorse e creando delle opportunità con attività di tipo agro-silvo-pastorale e anche con attività innovative che vedono il bosco come una risorsa. Si pensi alla terapia forestale, attivata nella zona di Pian dei Termini.

Sulla zootecnia nelle zone montane dell’Appennino Pistoiese ci sono investimenti molto interessanti, con aziende di allevamenti che stanno dando buona soddisfazione.

Possiamo citare la famiglia Savigni a Sambuca Pistoiese, esempio di eccellenza e innovazione, oppure la Dynamo Camp, capofila del Piano integrato di filiera.
 
Prima della pandemia da Covid-19 si parlava molto di investire sull’economia Green. La montagna con il progetto Mo.to.re ha avuto un ruolo da protagonista sul tema delle energie rinnovabili e delle innovazioni tecnologiche, sulle quali l’economia globale post Covid-19 dovrà puntare ancora di più. Che ruolo potrà avere la montagna pistoiese tra gli attori di questo nuovo scenario?


Io sono sono convinto che niente sarà come prima, che questa esperienza a livello mondiale cambierà i nostri comportamenti. Noi come Regione Toscana dobbiamo essere all'altezza, dobbiamo saper cogliere questa opportunità. E’ chiaro che non sarà un momento facile, anzi sarà un momento molto duro e drammatico. Io spero che l’Europa faccia l’Europa,  non possiamo contare solo sulle risorse regionali o nazionali. Speriamo che si riesca a ridisegnare un percorso nel quale imparare da questa esperienza e rilanciare la nostra azione. Sono convinto che sarà così.
 
Recentemente il Comune di Pistoia, che detiene il 5,3% delle quote della Centrale del Latte d’Italia (Cli),  ha manifestato la volontà di vendere tali quote. Il pacchetto azionario di maggioranza relativa di Cli è stato acquisito dal gruppo reggiano Newlat, il quale ha presentato un’Offerta pubblica di acquisto e scambio sul resto del capitale. Quali sono le prospettive future?


Nell’incontro che abbiamo avuto con la filiera del latte e con le parti istituzionali, il Comune di Pistoia ha manifestato la volontà di uscire con la vendita delle sue quote. Noi speriamo che ancora una volta il pubblico riesca a stare dentro la compagine sociale e anche a disegnare quelle che sono le strategie per il nostro territorio: salvaguardare e valorizzare la filiera zootecnica da latte nella nostra Regione significa preservare la nostra montagna e le zone di alta collina.

Ritengo che le attività agricole e la zootecnia siano fondamentali per la tenuta complessiva del territorio. Io incontrerò i vertici del gruppo nel corso dei prossimi giorni, ma ci sono già elementi che fanno ben sperare: l'amministratore di Newlat ha fatto sapere  che il fiore all’occhiello di questa nuova operazione è sicuramente la filiera del latte biologico della Regione Toscana, in particolare del Mugello.
 
Quali saranno le prossime azioni in sostegno al settore florovivaistico?
Il florovivaismo rappresenta per la Regione Toscana oltre il 30% del PIL dell'agroalimentare, è un settore fondamentale sia per il numero di imprese che per il numero di occupati.

Siamo molto preoccupati, le aziende florovivaistiche sono tra le più colpite da questa crisi. Abbiamo chiesto sia al ministro Bellanova che al Presidente del Consiglio Conte, con una lettera che ho inviato personalmente, una grande attenzione per questo settore: risarcimenti per i mancati ricavi, per il materiale che i vivaisti sono stati costretti a distruggere, interventi sulla liquidità delle aziende ed infine anche azioni di promozione, che secondo noi  sono fondamentali per dare nuova linfa e nuova vitalità al settore del verde. Io credo che nel nuovo Decreto Legge governativo la floricoltura troverà sicuramente spazio. Dobbiamo valutare se tutte le azioni messe in campo saranno sufficienti.

Su questo abbiamo già interagito con l‘Europa, per farci rappresentare al meglio da chi porta la voce di questo territorio nel resto del continente, dove il florovaivaismo è un’attività rilevante, anche per altri stati membri. Ci devono essere attenzione e risorse importanti, perché senza risorse l’economia non riparte.


Fonte: Giulia Baglini - Giornale online Pistoia Sette
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: