none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . si fanno proposte al contrario?
Velocizzare .....
Ma se il Serchio facesse una piena seria con tutto .....
E' APPENA USCITO IL SOLE
SIAMO IN DIVERSI CHE PARLIAMO .....
. . . qui se c'è qualcuno che scappa mi pare che tu .....
Commento di Anna Ascani
none_a
COMUNICATO STAMPA DI CENTROSINISTRA PER CALCI
none_a
#bettisindaco #cascina2020
none_a
Alessandra Nardini
none_a
Pisa: Legnaioli (Lega)
none_a
POLITICA
none_a
CONFERENZA STAMPA-
Martedì 29 settembre ore 15.30
none_a
Trasporti: Legnaioli (Lega)
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
none_o
Guarigione dal COVID
dr. G.Pardini

19/4/2020 - 9:55


Quando è che un soggetto si può considerare guarito dalla malattia e non più contagiante? Per questo bisogna partire dalle possibilità diagnostiche che oggi abbiamo nei confronti del virus Covid19. Come si sente dire spesso nei confronti della malattia abbiamo due indagini fondamentali: il tampone faringeo o nasale e i test sierologici. Importante è chiarire subito che nessuno dei due, da solo, è in grado di garantire o di certificare il nostro stato nei confronti della malattia.


Il tampone negativo certifica infatti che al momento del test noi non abbiamo nelle nostre mucose il temuto virus, ma non ci garantisce che possiamo non averlo magari solo il giorno dopo. E’ quindi un test utile solamente per controllare che un soggetto apparentemente sano, oppure contagiato e già guarito, non contenga più il virus nelle sue mucose e quindi non sia più in grado di contagiare altre persone. Il suo utilizzo principale consiste quindi nel poter dichiarare con sicurezza non contagiante la persona o senza sintomi oppure che ha avuto la malattia.


Ricordiamo comunque che questi tests non sono sicuri al cento per cento ma hanno, entrambi, dei margini di errore legati sia alla natura specifica dei test che alla possibilità di un’errata esecuzione da parte del laboratorio o del prelevatore. Per questo la negatività del soggetto è dichiarata per prudenza solo dopo due tamponi entrambi negativi.


Il test sierologico si esegue prelevando una piccola quantità di sangue con un prelievo venoso oppure semplicemente pungendo un dito e depositandola in un pozzetto con un reagente. Pur avendo una sicurezza inferiore il test rapido dal dito è di facile esecuzione e la risposta è immediata: si legge entro dieci minuti semplicemente osservando se all’interno della piccola striscia di plastica compaiono o meno delle piccole bande scure che indicano la presenza di anticorpi.


Gli anticorpi ricercati sono di due tipi IgG e IgM (le sigle) che indicano le immunoglobine (anticorpi) di tipo G e di tipo M. Le Immunoglobuline M sono a comparsa rapida, si sviluppano precocemente al contagio e hanno una durata molto limitata nel tempo mentre le G compaiono solo successivamente ed hanno una durata molto maggiore nel tempo, talvolta tutta la vita. Bisogna purtroppo dire che per quanto riguarda il Covid 19 non sappiamo ancora quanto queste immunoglobuline G durino nel tempo, essendo un virus completamente nuovo.


Le IgG sono i famosi anticorpi che ci danno la protezione al contagio, come quelli che si sviluppano entro due o tre settimana quando ci vacciniamo contro l’influenza. Se cioè entriamo in contatto con quel dato virus contro cui ci siamo vaccinati questi anticorpi, già presenti nel nostro organismo, ne impediscono la replicazione, lo attaccano e la malattia non si sviluppa.


Alcuni anticorpi di tipo G durano per tutta la vita come quelli contro il morbillo e altre malattie dell’infanzia, altri hanno durata di anni come quelli per il tetano che periodicamente vanno “richiamati”, altri durano ancora meno come quello per l’influenza. Ma nel caso del virus influenzale conta molto anche la sua capacità di mutare velocemente. Gli studiosi sperano che questi anticorpi prodotti dal contagio col Covid 19 durino a lungo in modo da rendere molto più efficace una vaccinazione di massa.


C’è anche la speranza che il Covid 19 possa divenire un virus stagionale come quello influenzale ma, come ho detto, trattandosi di un virus nuovo non ancora studiato non possiamo saperlo. Anche l’effetto delle temperature estreme rimane al momento solo una speranza osservando come la sua distribuzione nel mondo sia soprattutto orizzontale risparmiando le zone del pianeta in alto e in basso, o almeno essendo in queste zone meno aggressivo e contagiante.


Per tornare al certificato di non contagio riguardo al Covid 19 anche in questo caso la sola ricerca degli anticorpi non risolve il problema. Un soggetto può essere stato contagiato e presentare entrambi gli anticorpi, specie quelli di tipo G a significare un contagio non troppo recente ed essere protetto dalla malattia, ma non possiamo essere sicuri che non abbia ancora nelle mucose la presenza del virus e quindi sia ancora contagiante.


Il virus poi naturalmente scompare col tempo ma ancora non sappiamo quanto ancora permane nelle mucose del contagiato ed ecco che per ottenere un certificato di guarigione e di non contagio il soggetto deve quindi corrispondere ad entrambi i requisiti: avere le immunoglbuline G (anticorpi durevoli, anche se non sappiamo ancora quanto) e anche il tampone negativo.  Solo in questo modo possiamo essere sicuri che il soggetto non può essere contagiato perché ha gli anticorpi specifici e nemmeno può contagiare perchè ha il tampone (meglio due) risultato negativo.


Per la famosa immunità di gregge ci si riferisce ad una popolazione che presenta anticorpi contro uno specifico virus in una percentuale talmente elevata, come numero di soggetti, che il virus non riesce ulteriormente a diffondersi. Al momento al momento del passaggio da un contagiato ad un nuovo soggetto se questo presenta una sufficiente quantità di anticorpi specifici contro il virus questo non è in grado di penetrare e replicarsi. L’epidemia quindi non ha modo di espandersi e si esaurisce. 

 

Per essere veramente efficace tuttavia la percentuale di soggetti protetti deve arrivare almeno al 60-70 per cento della popolazione. E’ evidente che quanto più elevata è la percentuale di popolazione protetta quanto maggiore è l’efficacia di questo tipo di immunità. E’ quello che si prova ogni anno di ottenere con la vaccinazione influenzale cercando di arrivare ad una copertura di almeno il 70 per cento di tutta la popolazione.


E’ questa la strategia principale a cui tendono oramai gli scienziati di tutto il mondo, l’unica veramente capace di fare fronte alla pandemia, anche se per questo servirà ancora del tempo.



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




25/4/2020 - 19:18

AUTORE:
Luca

Ineccepibile come sempre. E' stato anche il mio di medico e purtroppo non ci sono più dottori del suo calibro.

21/4/2020 - 10:54

AUTORE:
sandro

Chiaro come sempre il dottore. E' stato il mio dottore di famiglia e lo rimpiango sempre per competenza e capacità di ascolto. Quasi un amico, ne approfitto per un saluto.