none_o

Correva l’anno 1867 quando Henry Nestlè comunicò alla stampa di aver salvato la vita ad un bambino prematuro la cui madre non poteva allattarlo perché gravemente malata. Disse di averlo nutrito con un prodotto costituito da “latte svizzero intero con l’aggiunta di cereali cotti al forno con un procedimento speciale di mia invenzione”. Era nata la famosa farina lattea che procurò al signor Nestlè ingenti guadagni....

. . . non aveva paura di gnente e di nessuno.
Gni .....
. . . . . . . . . . . . . . . una più der diavolo. .....
. . . una cosa alla volta, poche e chiare. Toglieremo .....
In parlamento siedono gli eletti dai cittadini, candidati .....
di Bruno Pollacci
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
“Troppi errori e burocrazia nella manutenzione, serve cambio radicale”
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      Nuova apertura


    Il Consiglio di Circolo Arci Migliarino è lieto di annunciare ai propri Soci la riapertura dei locali che avverrà il giorno 1 agosto con orario dalle ore 19 alla mezzanotte. Sabato e domenica compresi. L'orario potrà variare in caso di eventi. Informazioni su iniziative sulla pagina FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
di Umberto Mosso (da leggere per gli schifiltosi)
LE BIZZARRIE DELLA SINISTRA DISSIPATA

23/5/2020 - 9:23

LE BIZZARRIE DELLA SINISTRA DISSIPATA

 

Credo che alcune obbiezioni riguardanti la politica di Matteo Renzi e di Italia Viva non siano frutto di un ragionamento politico, ma abbiano a che fare, da un lato, con la psicologia del profondo, da un altro con una mutazione antropologico – culturale che ha coinvolto massicciamente i dissipatori, bontà loro, della sinistra massimalista e tradizionalista.Per quanto riguarda la psicologia del profondo non ho altro da aggiungere a quanto scrisse in un bellissimo articolo (“L’odio per Renzi e il lutto della sinistra” la Repubblica 17/07/2017) il professor Massimo Recalcati, che dette una spiegazione magistrale sui motivi psicoanalitici dell’avversione di alcuni nei confronti di Matteo Renzi.

 

Chi ne è affetto lo legga, aiuta a capirsi e a vivere meglio, al di là di Renzi.Per quanto riguarda, invece, la mutazione antropologico – culturale attribuisco quelle obbiezioni a una perdita di allenamento alla buona politica da parte di chi, avendo smarrito la bussola da molto tempo e non riuscendo a ritrovarla, o dovendosi accontentare di succedanei non completamente appaganti, ragionano secondo schemi che la “sinistra vera, quella ormai perduta” non gli avrebbe mai consentito.I casi sono tanti, ma ne cito solo un paio tra i più nazionalpopolari.Il primo riguarda il concetto di “consenso”, che è alla base della democrazia rappresentativa, ma la cui ricerca, nel caso dell’avversario Renzi, diventa un’attività disprezzabile, al limite del losco. “Lo fa” oppure “lo dice solo per guadagnare consenso”.

E chiudono lì il discorso. In democrazia tutte le forze politiche hanno il dovere di cercare il consenso, altrimenti il governo democratico su cosa si dovrebbe basare? Renzi è il politico che, più di ogni altro, si è fatto guidare dai principi e dai contenuti che riteneva utili al Paese, opinabili fin che si vuole nel merito, piuttosto che dalla ricerca del consenso purché sia. Anche sfidando l’impopolarità che, infatti, in molti casi non lo ha risparmiato, preferendo molti italiani, anche di sinistra, essere furbescamente lisciati per il verso del pelo.Infatti il secondo riguarda la notazione, ossessiva, che un partitino del 3% dovrebbe stare “al suo posto” e non interferire con le politiche dei “grandi”.

Una obiezione bizzarra, direi da vecchia concezione elitaria e “benpensante” della politica (da lì arrivare a “che roba contessa….” Il passo è breve). Sarà che mi sono formato alla scuola di un partito che non si poneva limiti di intervento in rapporto alla sua forza elettorale, che non solo era nettamente minoritaria, ma pure confinata in un isolamento che riusciva a rompere solo per una grande, pervicace e perfino rompiscatole capacità di proporre idee, obbiettivi, strategie sulle quali costruiva il consenso (per l’appunto). Se qualcuno in quel partito avesse detto “facciamocene una ragione, abbiamo solo il 20%, siamo in netta minoranza e abbiamo contro l’80% del paese, quindi diamoci una ridimensionata proporzionale al nostro peso elettorale” sarebbe stato preso per matto. Io ho imparato che una buona idea non diventa cattiva solo perché perde alle elezioni, o ha poco consenso oggi. Rileggetevi il Galileo di Brecht. Così come una idea cattiva può stravincerle con largo consenso (buttate un occhio sul Mein Kampf).

Ho imparato che è assolutamente legittimo, se combatti con le armi della democrazia, far valere le tue ragioni oltre il peso elettorale che hai. Il ruolo politico non si esaurisce tutto nel risultato elettorale e la battaglia politica democratica dura 365 giorni l’anno, non uno ogni cinque. Pretendere che questo valga per alcuni e per altri no è una roba di destra pericolosa, altro che neoliberismo.

 

Altrimenti non avrebbe senso la lotta politica, il dibattito pubblico, lo stesso Parlamento.

Basterebbe, come sostengono alcuni grillini doc, che il Parlamento fosse la riunione dei capigruppo che esprimessero ciascuno, come nel CdA di una S.p.A., un voto equivalente alla percentuale ottenuta alle elezioni. Il grillismo è entrato nell’anima di certa “sinistra” e l’ha corrotta senza che se ne accorgesse. In altri tempi sarebbero state definite vittime di soggettivismo piccoloborghese. Fortunatamente non sono più quelli. Oggi ci sono solo presuntuosi che fanno lezioni su cose che loro per primi hanno dimenticato. O gente fuori allenamento, che parla di partito leaderistico solo perché non ha uno straccio presentabile di leader, e obbietta sulla supervalutazione del 3% solo perché non riesce a far fruttare al meglio la sua percentuale.

Che sia il 2% o il 22% fa lo stesso.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




23/5/2020 - 21:04

AUTORE:
XXXL

...anche Bertinotti poteva fare il Presidente del Consiglio della Repubblica Italiana...ma....se...e invece poverino volle fare il Presidente della Camera dei Deputati e non il Ministro del lavoro...per non avere obblighi a trattare come ora sta facendo il Ministro Bellanova che ha fatto piu lei da sola quanto 30 anni i Sindacati
Poi l'oro si compra a grammi, la ferraglia a chili oppure a tonnellate.
....non dire sacco se non lo hai nel gatto e ride ben chi ride ultimo.

23/5/2020 - 19:17

AUTORE:
vecchianese di s. Frediano

scrivimi, se ti viene la voglia..
Sei sempre in fondo alla classifica delle letture, Maccione poi, non pervenuto.
Il 2 o il 22 è lo stesso ? Vedremo che succede se prendi il 2 % alle elezioni. Te intanto scrivi eh...