none_o

Ho assistito ad una interessante conversazione riguardo al problema della manifestazione novax del 20 giugno scorso. Qualche offesa è passata, qualche frase di troppo a mio giudizio è scappata ma certo è difficile esimersi dal classificare e definire una tale sconsiderata presa di posizione. L’articolo di giornale che riporta il fatto va giù duro e titola “La vittoria degli imbecilli: il 41% degli italiani non vuole vaccinarsi contro il Covid 19”.

Sono l'autore del libro "Litoralis" edito nel 2001, .....
Ci disse il prof. Raffaello Nardi: volete andare al .....
Come mai nel VIDEODRONE di Bocca di Serchio non è .....
. . . . . . . . . . . . . . . non capisco i virologi .....
Coordinamento provinciale di Forza Italia Pisa
none_a
di Ermes Antonucci
none_a
di Simone Dinelli
none_a
Noi di Uniti per Calci non ci stiamo
none_a
di GIUSEPPE TURANI-IL GUERRIERO MANCATO
none_a
Causò dimissioni del sindaco Vignali di Parma, dopo 10 anni
none_a
Italia dei Valori
none_a
“Le critiche e le offese sono cose ben differenti”
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
le Eccellenze italiane dello spettacolo”
none_a
Molina di Quosa, 11 luglio
none_a
Bagno degli Americani
none_a
di
Bruno Pollacci
none_a
FIAB-Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 5 luglio
none_a
Cascina, 4 luglio
none_a
Tirrenia, 4 luglio
none_a
Villa di Corliano, 29 giugno
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Roma, 24 giugno
Camera dei Deputati onora Raffaello,
conferenza di Luca Nannipieri

17/6/2020 - 16:39

La Camera dei Deputati onora i 500 anni della morte di Raffaello ospitando la conferenza del critico e storico dell'arte Luca Nannipieri sul grande artista del Rinascimento.

 

Dopo le conferenze nei più importanti musei italiani, come la Pinacoteca di Brera a Milano, i Musei Capitolini a Roma, il Parco Archeologico di Pompei, il Museo Mambo di Bologna, il Museo Macro di Roma, il Palazzo Graneri della Roccia di Torino, e in luoghi istituzionali come il Senato della Repubblica, dopo l'interruzione dovuta alle restrizioni del Covid, il critico Nannipieri arriva a Montecitorio, alla Camera dei Deputati, per le ricorrenze del genio rinascimentale, a cui le Scuderie del Quirinale hanno dedicato una mostra storica tuttora in corso.


La conferenza di Luca Nannipieri, che prende avvio dal suo libro pubblicato da Skira, avviene mercoledì 24 giugno, ore 12, presso la Sala Stampa della Camera dei Deputati, viene introdotta dall'onorevole Manuela Gagliardi, e prevede l'intervento di Giuseppe Di Leo, giornalista di Radio Radicale.

L'incontro viene anche trasmesso sul canale ufficiale webtv della Camera dei Deputati e su Radio Radicale. 


Nella conferenza e nel volume di Luca Nannipieri (foto Luigi Polito), Raffaello viene analizzato in una prospettiva inedita, mettendo in risalto il contributo che il grande artista rinascimentale ha dato allo sviluppo del pensiero laico.

Scrive Nannipieri:"L'uomo è molto più importante di Dio. Sembra scritto questo nell'opera che riteniamo più importante di Raffaello, lo Sposalizio della Vergine, conservata alla Pinacoteca di Brera. Guardando la scena, paradossalmente, centrale non è Dio, non è il suo racconto, ma è l'opera dell’uomo.

Te lo dice lo sguardo, anzitutto. Raffaello voleva che lo dicessero anzitutto loro: i tuoi occhi. I tuoi occhi che, osservando l'opera, sono sospinti a guardare con insistenza non tanto i personaggi evangelici quanto il grandioso tempio in prospettiva che troneggia su tutto. Silenziosamente si fa strada quel laicismo - quella fiducia cioè nella potenza dell'uomo, prima che in Dio - che la modernità ha interamente metabolizzato".
Nello Sposalizio della Vergine di Raffaello, il protagonista assoluto è lo spazio umano, terreno, perfettamente e armonicamente razionalizzato. Il racconto cristiano diventa, forse per la prima volta nella storia, assolutamente comprimario, ausiliario.
È un cambio di prospettiva concettuale radicale che il nostro artista non svilupperà mai compiutamente (se non nella Stanza della Segnatura in Vaticano, e nello specifico nella  Scuola di Atene), ma che di fatto testimonia pittoricamente l'essenza del Rinascimento: e soprattutto apre, assieme ad altre opere coeve, quella crisi e quel conflitto tra uomo e Dio che l’arte moderna e contemporanea porterà ai suoi estremi.
 
Luca Nannipieri, critico d'arte, volto televisivo (sue le rubriche "Capolavori rubati" e "SOS Patrimonio Artistico" su RaiUno), ha pubblicato vari libri sull'arte, tra cui "Capolavori rubati" (Skira, 2019), "Raffaello. Il trionfo della ragione" (Skira, 2020), "Bellissima Italia. Splendori e miserie del patrimonio storico artistico nazionale" (RAI Libri, 2016).

Scrive e collabora con quotidiani e settimanali nazionali come Panorama e Il Giornale. Dirige Casa Nannipieri Arte, curando mostre e conferenze da Giacomo Balla a Keith Haring. 

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: