none_o

Ho assistito ad una interessante conversazione riguardo al problema della manifestazione novax del 20 giugno scorso. Qualche offesa è passata, qualche frase di troppo a mio giudizio è scappata ma certo è difficile esimersi dal classificare e definire una tale sconsiderata presa di posizione. L’articolo di giornale che riporta il fatto va giù duro e titola “La vittoria degli imbecilli: il 41% degli italiani non vuole vaccinarsi contro il Covid 19”.

Sono l'autore del libro "Litoralis" edito nel 2001, .....
Ci disse il prof. Raffaello Nardi: volete andare al .....
Come mai nel VIDEODRONE di Bocca di Serchio non è .....
. . . . . . . . . . . . . . . non capisco i virologi .....
Coordinamento provinciale di Forza Italia Pisa
none_a
di Ermes Antonucci
none_a
di Simone Dinelli
none_a
Noi di Uniti per Calci non ci stiamo
none_a
di GIUSEPPE TURANI-IL GUERRIERO MANCATO
none_a
Causò dimissioni del sindaco Vignali di Parma, dopo 10 anni
none_a
Italia dei Valori
none_a
“Le critiche e le offese sono cose ben differenti”
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
le Eccellenze italiane dello spettacolo”
none_a
Molina di Quosa, 11 luglio
none_a
Bagno degli Americani
none_a
di
Bruno Pollacci
none_a
FIAB-Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 5 luglio
none_a
Cascina, 4 luglio
none_a
Tirrenia, 4 luglio
none_a
Villa di Corliano, 29 giugno
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
San Giuliano Terme
Una canzone e una cerimonia per Christin

20/6/2020 - 18:39


Una canzone e una cerimonia per ChristinIl, giovane camerunense, residente a San Giuliano Terme,  scomparso a marzo a causa del Covid-19

Si chiama   "Destino crudele"  la canzone che   Michele Ferrara  ha scritto per onorare la memoria di  Christin Tadjuidje Kamdem.
Christin aveva trent'anni ed è scomparso lo scorso   marzo a causa del Covid-19, pochi giorni prima della discussione della propria tesi di laurea, che l'Università di Pisa ha deciso di concedergli alla memoria.

Venerdì 19 giugno, nella Sala consiliare del Comune di San Giuliano Terme, ha avuto luogo la cerimonia in ricordo di Christin, durante la quale è stato proiettato il video della canzone scritta da Michele per il giovane camerunense.

Canzone che ha portato l'amministrazione comunale a organizzare questo momento di condivisione.
Hanno partecipato anche alcuni rappresentanti dell'Associazione studentesca camerunense di Pisa assieme all'associazione Sante Malatesta, che da oltre vent'anni favorisce l'integrazione degli studenti universitari in situazioni di difficoltà.
In particolare: Stephen Kenfack, presidente dell'Associazione studentesca camerunense di Pisa,  Pietro Barbucci e  Giuseppina Barsacchi, rispettivamente presidente e vicepresidente dell'associazione Sante Malatesta.

L'amministrazione comunale è stata rappresentata dalla vicesindaca Lucia Scatena, che ha consegnato a Michele, alla comunità camerunense e all'associazione una targa per ricordare sia il momento di condivisione sia Christin e la sua storia.

Di seguito, l'intervento della vicesindaca.

"Christin aveva trent'anni e veniva dal Camerun. Il Coronavirus lo ha portato via a marzo, poche settimane prima di raggiungere uno degli obiettivi più importanti della vita, quello che attraverso l'età adulta conduce dritto al futuro: la laurea.
Come vicesindaco del Comune di San Giuliano Terme è per me un onore,   oggi, rappresentare la comunità nel segno di uno dei valori su cui da sempre si fonda: la solidarietà.

Lo stesso valore che ha contribuito in maniera determinante alla Medaglia d'argento al merito civile che ci è stata assegnata due anni fa per i fatti dell'estate del '44 che tutti ben conosciamo.
Oggi  la nostra solidarietà è tutta per la comunità camerunense, che ringrazio per essere presente in Sala del Consiglio con l'associazione Sante Malatesta, per ricordare insieme a noi Christin e la sua storia, i suoi sogni.

Sono sentimenti che condividiamo nel profondo, favoriti dal bellissimo gesto di Michele.

Mi fa particolarmente piacere che i giovani riescano ancora ad appassionarsi alle storie con cui entrano in contatto, magari in maniera casuale, dai social. In questo caso non c'è il lieto fine, purtroppo.

Ma la storia di Christin e la canzone di Michele ci ricordano come sia fondamentale dare spazio a una delle grandi assenti del nostro tempo: l'empatia.
Qualcuno diceva che il modo migliore per onorare chi non c'è più è pensare a chi c'è ancora.

Diventa, quindi, ancora più importante stringere legami forti e duraturi con le comunità con cui condividiamo territori, tempo e spazio, come   oggi  con la comunità camerunense, con gli stessi diritti e gli stessi doveri in un clima di pace e integrazione sociale, religiosa e culturale.
Un pensiero mi sento di dedicarlo anche a tutte le vittime del Covid-19 a nome dell'amministrazione e della comunità sangiulianese. 
Si sente spesso parlare della realtà come di un "inferno", definizione spesso usata in questi mesi difficilissimi.
Mi piace invece pensare che si possa affrontare, nonostante tutto, come diceva Calvino: "L'inferno dei viventi non è qualcosa che sarà; se ce n'è uno, è quello che è già qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme.

Due modi ci sono per non soffrirne.

Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo più.

Il secondo è rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non è inferno, e farlo durare, e dargli spazio".

Lucia Scatena, vicesindaca di San Giuliano Terme

(didascalia foto , da sinistra: Michele Ferrara, Lucia Scatena, Stephen Kenfack, Pietro Barbucci)

Comune di San Giuliano Terme - comunicazione

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra: