none_o

 

 

 

Cronaca della prima regata dell’America’s Cup, tra un Forza Italia e un Forza Nuova Zelanda, con disappunto del nostro corrispondente sul giro di miliardi spesi in una gara in cui la vela non c’entra niente; ecco quindi, per contrasto, il riferimento al Maori e alla sua antica canoa. E poi la polemica: i monoscafi volanti sono ancora barche a vela?

. . . . . . . . . . . . . fai stiantà dal ridè. .....
A seguito di accertamenti circa la sua veridicità .....
Non ero convinto della rassegna stampa ma c'ero cascato. .....
Faccio un appello alla redazione della Voce del Serchio .....
  • Circolo ARCI Migliarino

      Consegna mascherine

    Campagna per la consegna della mascherine fornite dalla Regione Toscana per tutti i cittadini di Migliarino.

    Il circolo ARCI aderisce alla iniziativa. Di seguito gli esercizi che hanno aderito dove si possono ritirare e gli orari addetti.

     

    CONSEGNA MASCHERINE PROROGATA FINO A LUNEDI 23 NOVEMBRE (SABATO E DOMENICA COMPRESI)


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


Natale 2020

Un angelico coro sopra la capanna
l'amore sviscerato della mamma
il calore del bue e dell'asinello
il vagito del dolce Bambinello
le .....
25 PERSONE SOTTO L'OMBRELLO AD ASPETTARE IL SERVIZIO CHE NON ARRIVA MAI, A METATO C'ERA UNA DIRETTRICE VALIDA CHE FACEVA GIRARE TUTTO BENE L'HANNO TOLTA. .....
Quando Capalbio era al Bagno Gorgona
"Guernica a Pisa" al Circolo il Fortino.

23/6/2020 - 13:50


"Guernica a Pisa" al Circolo il Fortino. Quando Capalbio era al Bagno gorgona


Finalmente al Fortino si ricomincia con le attività sociali, quelle vere, con la presenza fisica delle persone...Sabato 27 dalle 18 grande occasione per parlare di cultura, di Pisa, di Marina di Pisa e del Bagno Gorgona. Sandra Lischi e Adriana Nannicini, autrici di “Guernica a Pisa”, parleranno con i giornalisti Giorgio Meletti, del Fatto Quotidiano, e Giuseppe Meucci. Il libro racconta di un gruppo di amici che in una Pisa ancora in rovina dopo la guerra costruiscono idee e progetti. Si parla di Picasso e della scultura del Trecento, di Adriano Olivetti, dei fratelli Taviani e della Mondadori, dei cineguf e dei partigiani, di Neruda, di Fibonacci, di case torri. Di scrittori e di artisti. Di mare e di vita quotidiana. Di donne e uomini che insegnando, lavorando nell’editoria, facendo politica, studiando e scrivendo, curando mostre e impegnandosi in battaglie urbanistiche e ambientali hanno cercato di trasformare una città talvolta pigra e miope. Filo conduttore e simbolo è una Guernica che si sposta nel tempo fra case, città e generazioni. Il libro arricchisce il racconto della storia della città di Pisa, ne valorizza particolari e vicende che solo in parte sono note e vive nella memoria.
Una parte non secondaria del libro è quella dedicata ai soggiorni marinesi, alle estati trascorse facendo base al Bagno Gorgona, un “bagno di tipo nuovo”, che in quegli anni viveva una vera e propria epopea, nascendo sulle rovine dell'ospizio marino e riempiendosi presto delle frequentazioni della cultura, non solo pisana, di personaggi appassionati di pesca, di pesce e di libri.
“Quando Capalbio era al Bagno Gorgona” è il titolo scherzoso del racconto che sabato narrerà Fabiano Corsini, che all'epoca dei fatti faceva l'aiutante bagnino di quel Vittorio Sbrana, geniale tecnico tutto fare degli studios di Tirrenia. Nel dopocena Michele Lischi presenterà una selezione di foto storiche, in gran parte inedite, dei suoi archivi.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




23/6/2020 - 19:43

AUTORE:
fabiano corsini

050 36195--- precisare per ogni tavolo il numero dei conviventi per singolo gruppo