none_o

Ho assistito ad una interessante conversazione riguardo al problema della manifestazione novax del 20 giugno scorso. Qualche offesa è passata, qualche frase di troppo a mio giudizio è scappata ma certo è difficile esimersi dal classificare e definire una tale sconsiderata presa di posizione. L’articolo di giornale che riporta il fatto va giù duro e titola “La vittoria degli imbecilli: il 41% degli italiani non vuole vaccinarsi contro il Covid 19”.

Sono l'autore del libro "Litoralis" edito nel 2001, .....
Ci disse il prof. Raffaello Nardi: volete andare al .....
Come mai nel VIDEODRONE di Bocca di Serchio non è .....
. . . . . . . . . . . . . . . non capisco i virologi .....
Coordinamento provinciale di Forza Italia Pisa
none_a
di Ermes Antonucci
none_a
di Simone Dinelli
none_a
Noi di Uniti per Calci non ci stiamo
none_a
di GIUSEPPE TURANI-IL GUERRIERO MANCATO
none_a
Causò dimissioni del sindaco Vignali di Parma, dopo 10 anni
none_a
Italia dei Valori
none_a
“Le critiche e le offese sono cose ben differenti”
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
Libri.
none_a
Incontrati per caso..
di Valdo Mori
none_a
le Eccellenze italiane dello spettacolo”
none_a
Molina di Quosa, 11 luglio
none_a
Bagno degli Americani
none_a
di
Bruno Pollacci
none_a
FIAB-Pisa
none_a
San Giuliano Terme, 5 luglio
none_a
Cascina, 4 luglio
none_a
Tirrenia, 4 luglio
none_a
Villa di Corliano, 29 giugno
none_a
  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


  • Circolo ARCI MIgliarino

      Chiusura del Circolo

    Il Circolo ARCI Migliarino comunica ai propri soci che il bar resterà chiuso dalla data odierna (10.3) fino al 3 di aprile 2020. La riapertura sarà condizionata dalle disposizioni successive riguardo alla diffusione della malattia in ambito nazionale.


FC FORNACETTE CASAROSA
none_a
Dai monti al mare
none_a
camp estivi
none_a
di Marlo Puccetti
none_a
nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
Libri.
Le emozioni letterarie di Lily.

23/6/2020 - 15:08


 
Siamo stati in un tempo sospeso e ristretto o di restringimento in cui la mia percezione è variata dallo sgomento per la libertà negata fino ad arrivare alla sensazione del nido riparatore dalle intemperie. La stessa modalità di quando la tua casa ti avvolge, chiudendosi ad un forte temporale e tu ti rannicchi nel tuo letto, sentendoti al sicuro. Fino a quando non sobbalzi impaurito, temendo che lo scrosciare dell‘acqua o il vento impetuoso possano travalicare il tuo riparo, fare del male a chi è fuori. A chi inevitabilmente ne potrebbe essere travolto. Si sono dette troppe cose sul tempo che avremmo avuto a disposizione, quasi come un risarcimento di tutto quello rubato dal lavoro, dalla nostra frenesia di vita affollata di impegni. Avremmo cucinato, dedicato tempo a pensare, a leggere. L‘ansia in realtà mi ha distolto proprio dal leggere, la mia grande passione. Anzi mi ha reso insofferente, tranchant nei giudizi, tagliente, priva di filtri, più manichea del solito. Con l’idea di morte che aleggiava intorno mi sono sentita in diritto di esprimere senza mediazioni quello che pensavo. Condivisibile o no…

Nella mia biblioteca ci sono dei libri che si “devono“ leggere ma che non ho mai amato e mai amerò. Il fatto che siano bastioni della letteratura non ha per me, adesso, nessuna importanza. Li considererò da qui in avanti dal punto di vista della mia unicità di persona irripetibile. Una formica fra le tante ma unica. Non ce ne sarà mai nessun’altra uguale a me. E neppure a tutti voi.

Proust e la Recherche .. Detesto che la sua omosessualità venga “nascosta“ da una codarda eterosessualità. Mi dà fastidio il suo snobismo alto borghese, genuflesso all‘idea di finezza aristocratica. Saint Loup arrossisce quando Block pronuncia erroneamente la parola “lift“. L‘imbarazzo del nobile dinanzi al borghese parvenu e grossolano, oltre che ebreo. C’ è una sorta di coquetterie nello sguardo che li osserva …Poi è la Recherche … Lo stesso per Gide anche se in maniera ancora più marcata,
 “Si le grain ne meurt“. Per giustificare la propria omosessualità racconta di quella della sua governante, forse per vendicarsi del fatto che lei si rifiutasse di accettare il magrebino che lui voleva portarsi in Francia. Inoltre terrificante la rappresentazione dell‘uomo che copre con il suo mantello il ragazzo che ha sedotto, di cui si intravedono solo le gambe che penzolano. È che il paragone con il “fanciullo divino“ Arthur Rimbaud è ai miei occhi impietoso. Li vedo nella loro miseria umana, prede e succubi delle loro catene borghesi, non comprendo e mi stizziscono le loro presunte o anche reali lotte interiori. Penso a quanto ha pagato le sue scelte Arthur, a quanto coraggio ha avuto nell‘essere sé stesso. A non rinnegare la sua virile omosessualità. A quanto amo la sua opera, soprattutto alcune illuminations e tutta la Saison. E siccome sono recidiva ho completato l‘irritazione nel voler leggere, per anni ignorata deliberatamente, Simone De Beauvoir  (Memorie di una ragazza perbene). Subito interrotto .

” …mi avevano detto …che le brune con gli occhi azzurri non sono comuni, e già avevo imparato ad apprezzare le cose rare…”

unica citazione, che nonostante la superbia, ho apprezzato nel suo libro. Perché in realtà mi pareva superbamente adatta alla mia occhi di cielo.  Il fatto è che la vita privata della De Beauvoir e del suo compagno Sartre mi disgustano. Non certamente per le loro scelte personali piuttosto per aver coinvolto e procurato sofferenze e degradazioni ad altre persone, nella più terribile delle consapevolezze, quella di considerare le loro vite di scrittori e pensatori immensamente centrali e importanti, tanto da sacrificare quelle degli altri. Immensamente complementari e sottoposte alle loro. Le giovani amanti che passavano dall’una all’altro, come falene, hanno pagato l’attrazione verso la luce con l’infelicità, frigidità, umiliazione. Prede sessuali …

Ma le formiche, come ho già detto, sono tutte diverse e tutte uniche e la loro vita ha sempre un valore, appartiene al mondo.

Uno sguardo lascia sempre un segno, impercettibile ma indelebile nella geometria esistenziale. Olga, Wanda e Arlette, le piccole amanti meritavano e meritano la nostra attenzione. La loro sofferenza, la loro intimità violata e negata mi commuovono più delle opere del “Castoro“ (De Beauvoir) e di quelle del “Cobra“ ( Sartre )…

Sono giudizi moralistici?

Sono giudizi e basta. Perché no?  
 
Antonio Tabucchi ha affrontato e si è posto la discrepanza fra opera e vita privata di grandi scrittori come lui “I morti a tavola“ (Il tempo invecchia in fretta). Un ex agente dei servizi segreti della Germania dell’est, dopo la riunificazione, ben sistemato grazie alla sua oculatezza economica (risparmi nascosti durante il regime in Svizzera) ricorda il grande scrittore che aveva il compito di controllare. Brecht, il Testone, come lo chiamava lui. Era stato parte della sua vita senza che lui lo sapesse. Ne conosceva ogni aspetto. Lo definisce moralista senza moralità. Tra il dire e il fare…
Comunque, detto tra noi, Tabucchi lo leggo sempre con immenso piacere…



+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




26/6/2020 - 18:05

AUTORE:
un amico (non di Sartre.. di Lily)

Esattamente 50 anni fa, il 26 giugno 1970, sui giornali e alla TV appariva questo: "Jean-Paul SARTRE direttore del giornale "La cause du peuple" è stato arrestato con la sua compagna Simone de BEAUVOIR per aver venduto sulla strada il suo giornale, non proibito dalla giustizia, ma perché il governo deve reprimere il delitto di opinione".

n.d.r. Avevo difficoltà a trovare una foto che si legasse all'articolo dato che tutte le immagini della famosa coppia avevano, o hanno, un diritto di riservatezza. Ho scavalcato l'ostacolo andando sulla ripresa della TV fancese e scattando un'immagine ad un fotogramma del servizio sopradetto.
Concordo pienamente con la nostra LilY: non bisogna leggere quello che piace agli altri e fa tanto moda!
Siamo sì formichine, ma non di branco!