none_o

 

 

Una chiacchierata con Gabriele Santoni. Martedì 29 settembre, alle ore 17, l’Associazione dà appuntamento all’ex asilo di Molina di Quosa, per discutere di nuove povertà, con interventi di Maurizio Iacono, Armando Zappolini, Emanuele Morelli e Francesco Corucci, coordina Francesco Bondielli.

Settembre, tempo di passeggiate.
none_a
#NotiziedalComune #EstateVecchianeseInsiemeaDistanza
none_a
AVVISO
none_a
. . . si fanno proposte al contrario?
Velocizzare .....
Ma se il Serchio facesse una piena seria con tutto .....
E' APPENA USCITO IL SOLE
SIAMO IN DIVERSI CHE PARLIAMO .....
. . . qui se c'è qualcuno che scappa mi pare che tu .....
Pensieri Vivaci
none_a
Commento di Anna Ascani
none_a
COMUNICATO STAMPA DI CENTROSINISTRA PER CALCI
none_a
#bettisindaco #cascina2020
none_a
Alessandra Nardini
none_a
Pisa: Legnaioli (Lega)
none_a
POLITICA
none_a
CONFERENZA STAMPA-
Martedì 29 settembre ore 15.30
none_a
Incontrati per caso...
di Valdo Mori
none_a
SPECIALE FINALMENTE DOMENICA!
none_a
Casa Nannipieri Arte
none_a
di Bruno Pollacci
none_a
  • Circolo ARCI Migliarino

      BURRACO!

    Proseguono le attività del Circolo cercando di rispettare tutte le misure anti-Covid. Da venerdi 21 riprendono i tornei di Burraco con una serie di importanti misure di sicurezza tra cui la prenotazione obbligatoria per l'assegnazione del tavolo, norme severe per divertirsi in sicurezza.

    Tutte le notizie sulle attività sul sito FB del Circolo.


  • Emergenza del Covid-19

      Misericordie della Toscana


     Cari fratelli e sorelle, adesso più di prima siamo chiamati tutti ad un impegno e ad uno sforzo ulteriore per sostenere le nostre comunità, le persone fragili, i nostri anziani, le persone sole e chi viene purtropp colpito da covid-19...


nato
in un tempo senza tempo
spoglio
corpo al vento
apre gli occhi
guardando curioso
quel volto
e quel fuoco

fa freddo
ma la luce che .....
Segnalo il degrado/ pericolo del campanile della chiesa di Migliarino Pisano. Andrebbe, perlomeno, messo in sicurezza.
none_o
Finalmente Bionda!

28/6/2020 - 9:45

FINALMENTE DOMENICA!

 

Qui si parla un po’ della app "Immuni". Scaricarla o non scaricarla? Questo è il problema. Comunque il mio amico Massimo, che è saggio e previdente, l’ha scaricata. Qui ci si diverte anche un po’ con Face App. Senza problemi. Buona estate!

 

Innanzitutto chiedo scusa se parlo un po’ di me e di una cazzata che ho fatto. Mentre si discute della app “Immuni”, da un paio di settimane scaricabile e operativa in tutta Italia per avere un tracciamento elettronico dei contagi da Coronavirus.

 

“La potete scaricare con sicurezza, serenità e tranquillità, perché tutela la privacy, ha una disciplina molto rigorosa, non invade gli spazi privati”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte.

Salvini è di tutt’altro avviso: “Io non scarico assolutamente nulla, manca garanzia totale su privacy”.

Segue Meloni: “Sconcertante schedare gli italiani”. Sandra e Raimondo del varietà italiano, che fu una ricchezza del nostro passato televisivo.

 

A parte il fatto che sembra che la app "Immuni" non giri tanto bene su alcuni tipi di smartphone e ci siano problemi di misurazione delle distanze causate dal bluetooth, non nascondo altre mie perplessità. In una situazione in cui, per esempio ne abbiamo sentite di tutti i colori sulle mascherine e abbiamo dovuto aspettare un bel po’ per averle, si riuscirà a gestire milioni o miliardi di dati sensibili in pochi secondi? Come gestire le false informazioni generate da una tecnologia che non è stata sviluppata per risolvere problemi legati al contenimento di pandemie? Se "Immuni" invia un alert scattano subito le due settimane di quarantena sulla base di un bip generato in automatico da un algoritmo, e quando sarà possibile fare un tampone?  

 

E poi si tratta pur sempre di una app inventata da una società che conta tra gli azionisti tre figli di Berlusconi, il fondo Nuo Capital, che investe in Italia con capitali cinesi, il Centro Medico Sant’Agostino di Milano, un finanziere e altri. “Il salotto buono”, titola Il Sole 24 Ore. Se lo dice il giornale di Confindustria!

 

Ma veniamo alla cazzata. Mentre mi facevo tutte queste seghe mentali, ho ceduto e ho scaricato non "Immuni" ma Face App. Appena scaricata, l'app chiede l'autorizzazione di accedere alle foto conservate sullo smartphone, in modo da poterle modificare con i filtri. Ho così mandato a quel paese i miei dati sensibili. Con grande piacere di Yaroslav Goncharov, che l’ha fondata e messa in commercio nel 2017, sede in Russia a San Pietroburgo, ma chi ne detiene la proprietà risponde alle leggi della California. E con mio personale senso di colpa, che non sono iscritto né a Facebook, né a Instagram, non sono su Twitter e non so bene cosa sia Tic Toc, il social network cinese che punta su filmati molto brevi e affascina i minorenni.

 

Face App è un’applicazione che utilizza un algoritmo per cambiare automaticamente e molto realisticamente le fotografie dei volti di persone. Dopo il filtro “invecchiamento” del 2019, la nuova funzione del 2020 permette il cambio di genere istantaneo senza la seccatura di dover prendere l’aereo, volare a Casablanca e rimanere in ospedale una decina di giorni per cicatrizzare se l’intervento è andato bene. E in questi giorni ha riscosso un grande successo sui social. Alla tentazione non hanno resistito anche alcuni politici, mentre ad altri personaggi pubblici hanno provveduto gli utenti. Il boom di utilizzi tuttavia fa tornare di stretta attualità il problema della privacy e in particolare quello della raccolta, della conservazione e dell’impiego dei dati sensibili. 

 

Così mia figlia mi ha fatto una foto e mi ha preso un viso sorridente, l’ha salvata, ha scelto l’opzione sesso femminile e, al posto del parrucchino grigio e striminzito stile Geppetto che mi ritrovo, mi sono caduti sulle spalle dei bei capelli lisci biondi che incorniciavano il viso di una ragazza più giovane di me. Io l’ho guardata e mi sono messo a ridere. Mi sono così divertito che ho condiviso la foto sulle chat. Il problema era la firma. Mi fossi chiamato Marcello sarebbe stato facile cambiare in Marcella. Ma Ovidia torna male. Allora mi sono affidato alla letteratura, mi è subito venuto in mente un magnifico racconto di Tabucchi, Lettera da Casablanca, che vi consiglio di leggere, e ho firmato la foto “la tua Giosefine” (chiedo scusa all’autore).

 

Nell’immagine, fissa e muta, ero irriconoscibile, tranne gli occhi e la maglietta ero proprio un’altra persona, non si vedevano le movenze maschili e non si sentiva il timbro basso della voce. Non tutti mi hanno riconosciuto al primo colpo. Ecco i commenti che mi sono arrivati.

Che bionda! Hai un futuro a Migliarino. Vai alla Costanza? Che gnocca! E però… sei una bella ragazza!!! Incontreresti sicuramente. Ti presto la borsetta? Sei uguale a Sarah Jessica Parker! Quella di Sex and the City.

 

Addirittura una mia cara amica mi ha raccontato una storia buffa. Si è divertita come una matta con le sue cugine quando una cugina ha postato una foto di un uomo sul gruppo Wathsapp di famiglia, di sole donne, (tre cugine e cinque sorelle, compresa la mamma) con l’indicazione che forse era un parente di parte materna. Da lì in poi si è scatenato l'inferno, con le peggiori ipotesi di parenti sparsi in tutto il mondo e di figli illegittimi di cui “Sai, non ci sarebbe da sorprendersi con i tempi che corrono”. Solo dopo qualche giorno è stato svelato che era semplicemente una cugina, trasformata in maschio.

 

Insomma Face App spopola, buffissimi i commenti che si possono leggere in rete sui volti della politica con genere cambiato e sui vip, soprattutto quelli molto preoccupati della privacy.

 

Massimo Gramellini, all’ultima puntata prima della pausa estiva della sua trasmissione, Le parole della settimana, ha giocato con Face App con le foto di Conte e Salvini. In studio c’era Giorgia Meloni che, di fronte alla sua trasformazione e alla domanda di Massimo Gramellini Si piace? ha risposto: Non sto male, eh! Insomma le dirò, quasi quasi sto meglio. Sono seguiti decine di commenti dalla serie: Tu quoque Gramellini. Inguardabile. Caduta di stile. Cambiato canale.Il varietà continua, ma non è più quello di un tempo.

 

Concludo da dove ero partito, “Immuni” comporta problemi di privacy e può avere conseguenze sulla nostra libertà di movimento. È facoltativa, ma per incentivare gli italiani a scaricarla suggerirei di tralasciare il solito refrain a reti unificate, tipo: Installate l’app! App… però, basterebbe un filtro simile a quello di Face App: una tua foto di come sei ora, opzione intubato e ventilato, un clic e… In questo caso le perplessità sulla privacy e sulla nostra libertà si farebbero meno intense, penso, anzi le mie sparirebbero.


Post scriptum
Nella galleria di foto: Ovidio in versione Giosefine; attori e attrici: quel gran figo di Brad Pitt, Scarlett Johansson; Catherine, duchessa di Cambridge, nota come Kate d’Inghilterra; politici: Giuseppe Conte in versione Beppina, Matteo Salvini, Giorgia Meloni, Luigi Di Maio diventato Luigina, Nicola Zingaretti; amici: Alessandra in versione Giovanni, Riccardo trasformato in Anna dai capelli rossi, Cristina in versione Lenny Kravitz, pallido e smunto, ma non fidatevi delle apparenze: è lei l’artefice di questo divertimento.

+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

codice di sicurezza Cambia immagine

Inserisci qui il codice di sicurezza
riportato sopra:




4/7/2020 - 8:00

AUTORE:
Filippo

I volti di Albertone e delle sua sorellona Aurelia Sordi sono una goccia d'acqua, un anticipo vivente e postumo di Faceapp.

28/6/2020 - 12:50

AUTORE:
Gabri

Bravo bravo.

28/6/2020 - 11:57

AUTORE:
Lenny K.

PREMESSA
Salvini che si preoccupa della tutela della privacy è come Siffredi che confessa i suoi problemi di impotenza: poco credibile, anche per una mente sgombra da pregiudizi.

SVOLGIMENTO
Sei una gran bella bionda Giosefine, niente da aggiungere.
Sai, in Sardegna quella delle parentele è una faccenda seria, che noi continentali non possiamo capire.
Io sono mezzosangue, padre toscano e madre sarda, e non gli sto dietro comunque.

CONCLUSIONE
Spero che l'algoritmo di Face app funzioni meglio di quello di Face book, che ultimamente m'ha fregato alla grande.