none_o

A distanza di qualche anno fa piacere ricordare quella grande e partecipata iniziativa che fu il Maggio Migliarinese e rivedere le immagini di un tempo che sembra molto lontano. Pochi volontari con modeste risorse economiche ma tanto entusiasmo, voglia di fare e partecipare alla vita sociale comune riuscirono a portare ad un piccolo paese come Migliarino una serie di eventi e di spettacoli mai visti in una così piccola comunità.

Grazie per aver ricordato quel bellissimo periodo del .....
Subito dopo giorni di pioggia ci sono grandi trattori .....
Alcune regioni fanno un open day per chi volontariamente .....
Fare politica significa lavorare con la massima trasparenza .....
Vecchiano è Volontariato
#Tantifiliunasolamaglia


VIVI IL TUO PAESE, SCENDI IN CAMPO CON NOI

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


MARE MOSSO O MARE CALMO LA TUA VITA PORTIAMO IN SALVO

Vecchiano è Volontariato
#tantifiliunasolamaglia


Un paese è di tutti quelli che lo sanno raccontare

Pisa, 20 maggio
none_a
Coltano, Venerdì 4 e sabato 5 giugno
none_a
"Dante, una terzina per volta"
di Stefano Benedetti
none_a
Pisa, 14 maggio
none_a
San Giuliano Terme, 23 maggio
none_a
CAMPIONE D'EUROPA DEI SUPERPIUMA
none_a
Migliarino Volley
none_a
Pontasserchio
none_a
Migliarino Volley - U15 Femminile
none_a
Ei fu. Siccome immobile,
dato il mortal sospiro,
stette la spoglia immemore
orba di tanto spiro,
così percossa, attonita
la terra al nunzio .....
caro baffuto baffino ricorda che la fantasia se sfocia in diffamazione e calunnia quello e reato e non pregare la Santa Vergine a Roma davanti alla porta .....
di Simone Dinelli
Gli iscritti Pd occupano la sede di Viareggio contro il sostegno a Del Ghingaro

5/7/2020 - 21:24

Gli iscritti Pd occupano la sede di Viareggio contro il sostegno a Del Ghingaro
«Il Pd siamo noi reietti, Bonafe’ dovresti essere commissariata te». Esplode a Viareggio la protesta da parte di diversi iscritti del Pd, che potrebbero anche boicottare la corsa di Eugenio Giani


VIAREGGIO - «Il Pd siamo noi reietti, Bonafe’ dovresti essere commissariata te». Esplode a Viareggio la protesta da parte di diversi iscritti alla locale sezione del Partito Democratico che di una alleanza alle prossime elezioni comunali col sindaco uscente Giorgio Del Ghingaro - ufficializzata sabato - proprio non ne vogliono sapere. E così domenica mattina hanno simbolicamente occupato la sede del partito, affiggendo cartelli di protesta.

Il COMMISSARIO - Prima del lockdown il Pd di Viareggio aveva annunciato di voler correre con un proprio candidato, Sandro Bonaceto, senza accordi con Del Ghingaro (che nel 2015, da iscritto al partito, vi si presentò contro vincendo). A maggio il Pd regionale ha quindi commissariato la sezione viareggina, inviando il commissario Alessandro Franchi che dopo un confronto durato alcune settimane ha raggiunto un accordo per far correre il partito assieme al sindaco uscente. Annuncio, questo, che ha scatenato la rivolta di coloro che invece volevano (e vogliono) la candidatura di Bonaceto. Lo scenario che si profila è quello di una lista in appoggio a quest’ultimo, composta dai dissidenti del Pd che oltre ad opporsi a Del Ghingaro potrebbe boicottare anche la corsa a governatore della Regione di Eugenio Giani.

 
DEL GHINGARO - Il sindaco Del Ghingaro dal canto suo tira dritto e parla di accordo «straordinario, che segna il ritorno a Viareggio della politica, dopo anni in cui era stata annegata nella palude dei rancori e in guerre fra fazioni. Abbiamo raggiunto un accordo vero, concreto e saldo grazie al valore di interlocutori seri che come noi hanno pensato al bene della città anziché ai propri interessi personali ».

Fonte: di Simone Dinelli- Corriere fiorentino
+  INSERISCI IL TUO COMMENTO
Nome:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
EMail:

Minimo 0 - Massimo 50 caratteri
Titolo:

Minimo 3 - Massimo 50 caratteri
Testo:

Minimo 5 - Massimo 10000 caratteri

6/7/2020 - 21:31

AUTORE:
Enrico R

Sono felice! Bravi! La destra non avrà partita.
Che bello sarebbe se il centro sinistra fosse unito in tutti i Comuni e in tutte le Regioni.
Se poi all’unità del centrosinistra si unissero anche i 5stelle che guardano a sinistra, allora davvero Salvini e Meloni e Berlusconi sarebbero destinati alla sconfitta dovunque.